Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Grandi dimissioni dell’industria alberghiera spagnola: ‘Lavori più ore di un’ora’

Dopo sette anni di lavoro come cameriera sulla costa spagnola, Eugenia Cuzaras ha detto che basta. “Non è una decisione da un giorno all’altro, semplicemente perché non ti piace il lavoro. È qualcosa su cui soppeso da anni”, ha detto a Euronews.

Condizioni di lavoro, turni infiniti e salari bassi hanno cambiato il settore in mente. “In molti casi non c’è contratto, lavori in nero e nessuno guarda le ore che ti offendono e ti riposi”.

Veniva a fare fino a tre turni nello stesso giorno lavorativo, con sole sei ore tra quel giorno e l’altro. Oltre ai giorni della maratona, mancano i camerieri specializzati. Nelle parole di Eugenia, negli ultimi anni le condizioni sono peggiorate al punto da porre fine alla professione.

“Lavori più di un’ora, quindi arriva un momento in cui l’industria dell’ospitalità non può essere combinata con la vita personale”, afferma.

Sottolineano dal settore che è sempre più difficile trovare dipendenti qualificati. “È molto difficile per noi trovare persone perché non c’è nessuno”, afferma Alejandro Gonzalez, un membro dello staff di ME Madrid. Sottolinea che per alleviare la carenza di lavoratori, hanno dovuto assumere persone che provengono da altri settori.

Gli ultimi dati disponibili indicano la perdita di 50.000 camerieri in Spagna, che ha tenuto l’inizio della campagna estiva. Se guardiamo ai dati nazionali, il Paese avrà bisogno di 109.000 lavoratori, ovvero lo 0,7% dei posti vacanti mentre la media europea è superiore al 2,5%.

Sebbene la Spagna sia uno dei paesi europei meno colpiti, vi troviamo un paradosso. Ha molti posti vacanti nonostante abbia tre milioni di disoccupati e un tasso di disoccupazione del 13,36%, uno dei più alti dell’Unione Europea.

Questa situazione preoccupa il governo. Solo poche settimane fa, è stata la stessa ministra del Lavoro, Yolanda Diaz, a convocare datori di lavoro e sindacati per affrontare la questione.

READ  Le compagnie aeree stanno scommettendo su Minorca dopo aver ordinato l'isola

Grandi dimissioni in Spagna?

Sono molte le voci che parlano dell’arrivo della Grande Rassegna in Europa. Il fenomeno americano fu una rivoluzione operaia dall’altra parte dell’Atlantico. Solo nel 2021, 50 milioni di americani hanno lasciato il lavoro, il che rappresenta circa 4 milioni di vittime al mese.

Per gli esperti, in Spagna le grandi dimissioni non sono arrivate allo stesso modo degli Stati Uniti. “È vero che il numero delle vittime è aumentato in modo significativo se lo confrontiamo con i precedenti dati spagnoli, ma è tutt’altro che un fenomeno nordamericano”, spiega Jeronimo Mailo, professore di diritto europeo al CEU San Pablo.

Inoltre, nel caso degli Stati Uniti, il numero delle vittime non è stato compensato dal numero delle dimissioni. “Milioni di persone hanno lasciato il mercato del lavoro e non vi partecipano. Mentre, in Spagna, è aumentato soprattutto il numero delle vittime. Il che significa che non si tratta di una rassegnazione, ma di un interrogatorio sulla situazione in relazione al lavoro”, afferma Raymond Torres, Direttore della Situazione e dell’Economia Internazionale di Funcas.

Ciò su cui entrambi gli esperti concordano è che i dati sono rilevanti e le dimissioni sono cresciute in questo paese, indicando un cambiamento nella società. La parte più visibile del caso spagnolo si trova nel settore dell’ospitalità.

“È il sintomo più evidente di questa disconnessione tra le aspirazioni dei lavoratori e la realtà del lavoro che svolgono. Si stanno rendendo conto che altre persone con qualifiche simili, o anche inferiori, hanno condizioni di lavoro migliori”, afferma Torres.

Secondo gli ultimi dati della previdenza sociale, il 2,8% dei lavoratori dell’ospitalità non è tornato al lavoro dopo la pandemia. “Parte della popolazione, soprattutto in alcuni settori, è disposta a non lavorare perché ritiene che le condizioni non valgano la pena”, afferma Maillo.

READ  Cosa accadrà all'economia globale se la Russia invaderà l'Ucraina?

Nelle parole di un professore di diritto europeo, c’è un gran numero di persone insoddisfatte del proprio lavoro in Spagna, e anche se potrebbero non decidere di lasciare il mercato del lavoro come accade negli Stati Uniti, questa situazione non è buona. Per l’economia, non per le imprese.

Mancanza di giovani nel mercato del lavoro

Gli effetti della pandemia e un cambiamento demografico molto profondo potrebbero essere alla base dell’alto numero di vittime in Spagna. I freni provocati dalla pandemia in molti settori hanno consentito ai lavoratori di avere più tempo per pensare e adeguare le proprie priorità.

Qualcosa che è stato notato soprattutto nelle giovani generazioni. “L’equilibrio che cercano tra la vita personale e quella lavorativa è diverso da quello delle generazioni precedenti. Il lavoro è importante per loro, così come lo sviluppo personale. La pandemia li ha costretti a pensarci”, afferma Maillo.

A ciò si aggiunge un impatto demografico a lungo termine che è diventato più pronunciato con il ritorno alla normalità dopo il Corona virus. “Ci troviamo in una situazione completamente diversa dai cicli precedenti, in cui i giovani sono entrati in massa nel mercato del lavoro e quindi è stato molto difficile per loro trovare un lavoro”, osserva il Direttore dell’Economia e della situazione internazionale di Funcas.

“Nei prossimi anni, su cinque pensionati, solo quattro giovani entreranno nel mercato del lavoro. Ciò significa che stiamo entrando in uno stato di relativa carenza di manodopera”, aggiunge.

Una carenza di manodopera significa un’offerta eccessiva di manodopera che consente un cambio di prospettiva, soprattutto tra i giovani. Cercano di lavorare e di inserirsi nel mercato del lavoro in modo più in linea con la loro formazione e guidati dalle loro aspirazioni.

READ  L'Italia si mobilita per congelare i beni legati agli oligarchi russi di guerra in Ucraina

Modalità europea

Nel Vecchio Continente, l’Italia è stato il Paese in cui il fenomeno della grande rinuncia è stato maggiormente avvertito. Nei soli primi nove mesi del 2021 le dimissioni sono aumentate del 31,6% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, poco più di 1,3 milioni di dimissioni.

Contrariamente al caso spagnolo, le vittime in Italia hanno comportato un’uscita definitiva dal mercato del lavoro piuttosto che un cambiamento di settore. Tra i settori più colpiti ci sono la produzione, l’informatica e il marketing.

Un recente studio condotto dall’Associazione di Gestione del Personale in Italia ha indicato che il 60% delle aziende stava subendo le ripercussioni di questo fenomeno e che la decisione dei dipendenti nella maggior parte dei casi le ha sorprese.

Gli esperti indicano le differenze tra i diversi mercati del lavoro come il motivo per cui questo fenomeno è più diffuso in alcuni paesi rispetto ad altri. “Riguarda la qualità dell’occupazione. Ci sono alcuni paesi in cui le condizioni di lavoro sono più pericolose e non sono correlate al livello di studi”, afferma Torres.

Nel caso dell’Italia, il numero dei disoccupati è inferiore a quello della Spagna, con un tasso di disoccupazione intorno all’8%. E non è l’unico a mancare di manodopera, anche la Francia ha annunciato di aver bisogno di 200mila lavoratori, principalmente nel settore dell’ospitalità.

Tuttavia, entrambi gli esperti sono del parere che sia molto difficile per l’Europa registrare un numero così elevato di posti di lavoro persi come negli Stati Uniti. Affermano che un fenomeno simile può verificarsi in alcuni paesi, ma il contesto è ancora diverso.