Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

5 aspetti da tenere d’occhio questa settimana secondo Investing.com

5 aspetti da tenere d’occhio questa settimana secondo Investing.com

Investing.com – Il report di novembre sull’occupazione non agricola sarà al centro dell’attenzione questa settimana, mentre gli investitori cercano di valutare se l’economia americana rimane resiliente all’aumento dei tassi di interesse. I prezzi del petrolio rimarranno volatili e le riunioni delle banche centrali in Australia e Canada potrebbero confermare l’opinione secondo cui i tassi di interesse hanno raggiunto il picco.

Ecco cosa devi sapere per iniziare la settimana:

h2 1. Rapporto sull’occupazione non agricola/h2

I mercati attendono con impazienza il rapporto sull’occupazione di novembre, previsto per venerdì, per vedere se la crescita economica continuerà a stabilizzarsi.

Una cifra estremamente elevata minerebbe le scommesse secondo cui la Fed inizierà ad allentare la sua politica monetaria restrittiva prima del previsto, frenando un rally di azioni e obbligazioni nel quarto trimestre.

D’altro canto, un dato debole potrebbe sollevare preoccupazioni sul fatto che l’economia stia rallentando dopo un aumento dei tassi di interesse di 525 punti base, il che potrebbe ridurre la propensione al rischio.

Gli economisti ritengono che l’economia americana creerà 180.000 posti di lavoro a novembre, rispetto ai 150.000 di ottobre.

Altrove, i dati di martedì dovrebbero mostrare che le opportunità di lavoro sono diminuite nel mese di novembre, mentre il rapporto iniziale sulle richieste di sussidio di disoccupazione di giovedì attirerà l’attenzione su qualsiasi segnale di ripresa del numero dei disoccupati.

h2 2. Raduno di Babbo Natale?/h2

Le azioni statunitensi sono aumentate e l’S&P 500 ha chiuso ai massimi di un anno venerdì, aprendo dicembre in positivo poiché gli investitori sono diventati più fiduciosi che la Federal Reserve avesse finito di aumentare i tassi di interesse in seguito ai commenti del presidente della Fed Jerome Powell.

READ  Vento - Non la pala eolica in discarica

Powell ha promesso di agire “con cautela” sui tassi di interesse, affermando che i rischi di un inasprimento eccessivo sono “simili” ai rischi di un mancato controllo dell’inflazione.

Alcuni investitori ora vedono che ci sono alte probabilità che la Fed tagli i tassi di interesse già nel marzo 2024, ma il mercato ha interpretato male la Fed e le condizioni economiche più volte negli ultimi anni e potrebbe farlo di nuovo.

Ottieni l’applicazione

Unisciti a milioni di persone che mantengono il controllo sui mercati finanziari globali con Investing.com.

Smobilitazione

Non ci saranno dichiarazioni da parte dei membri della Fed questa settimana poiché la banca centrale entra nel suo consueto periodo di silenzio prima della riunione del 12-13 dicembre.

h2 3. Volatilità del petrolio/h2

Venerdì i prezzi del petrolio sono scesi di oltre il 2% tra i dubbi degli investitori sulla profondità dei tagli alla produzione dell’OPEC+ e le preoccupazioni sul rallentamento dell’attività manifatturiera globale.

Nel corso della settimana, il greggio Brent ha registrato un calo di circa il 2,1%, mentre il greggio americano ha perso oltre l’1,9%.

I produttori dell’OPEC+ hanno concordato giovedì di ritirare circa 2,2 milioni di barili al giorno di petrolio dal mercato globale nel primo trimestre del prossimo anno, una cifra che include l’estensione degli attuali tagli volontari da parte dell’Arabia Saudita e della Russia per un valore di 1,3 milioni di barili al giorno.

L’OPEC+, che pompa oltre il 40% del petrolio mondiale, sta riducendo la produzione dopo che i prezzi sono scesi da circa 98 dollari al barile a fine settembre a causa delle preoccupazioni sull’impatto del rallentamento della crescita economica sulla domanda di carburante.

READ  Lavoriamo a questo progetto da 10 anni.

I tagli sono volontari, quindi non c’è stata alcuna revisione collettiva degli obiettivi di produzione dell’OPEC+. La natura volontaria di questi tagli ha sollevato alcuni dubbi sulla possibilità che i produttori li attueranno pienamente e su quale base questi tagli verranno misurati.

h2h2 4. Decisioni delle banche centrali/h2

Si prevede che la Reserve Bank of Australia manterrà i tassi di interesse invariati durante la riunione politica finale di martedì, dopo l’aumento dei tassi del mese scorso e la notizia della scorsa settimana di un rallentamento dell’inflazione in ottobre.

Tuttavia, gli investitori sono meno fiduciosi che la politica monetaria rimarrà aggressiva, poiché i prezzi rimangono elevati e il nuovo governatore, Michael Bullock, è considerato più favorevole alla politica monetaria aggressiva rispetto al suo predecessore.

Separatamente, la Banca del Canada dovrebbe lasciare invariati i tassi di interesse per la terza volta consecutiva nella riunione di mercoledì. Gli ultimi dati mostrano che l’economia del paese si è contratta nel terzo trimestre, suggerendo che gli aumenti dei tassi di interesse da parte della banca centrale stanno rallentando la crescita.

I dati sull’IPC di Tokyo pubblicati lunedì potrebbero aiutare gli investitori a sapere quando la Banca del Giappone inizierà la tanto attesa campagna di inasprimento.

Giovedì, le indagini sulla fiducia delle imprese Tankan e i dati sul PIL faranno luce sulla capacità delle imprese e dell’economia di resistere a ulteriori aumenti dei tassi di interesse.

h2 5. Dati da Eurozona e Messico /h2

Nella zona euro, il discorso di lunedì della presidente Christine Lagarde sarà seguito da vicino per nuovi indizi sulla politica monetaria in vista del prossimo incontro della banca del 14 dicembre.

READ  Startup che creano nuova economia in valle

Giovedì inizierà il periodo di incertezza della BCE prima della decisione.

Martedì verranno pubblicati i dati sulla produzione industriale di ottobre per Francia e Spagna, seguiti il ​​giorno successivo dai dati sulla produzione industriale di Germania e Italia.

Nel frattempo, i dati sugli ordinativi industriali tedeschi pubblicati mercoledì indicheranno se il settore manifatturiero della maggiore economia del blocco è ancora in recessione.

Attraversando l’oceano, troveremo numeri rilevanti dal Messico, dove questa settimana conosceremo numeri molto importanti, come: investimenti fissi lordi, fiducia dei consumatori, e infine giovedì conosceremo i dati sull’inflazione di novembre, che saranno molto importanti . Per l’ultima decisione sui tassi di interesse di Banxico, giovedì 14 dicembre, dalla quale non si prevedono movimenti.

Gli altri paesi in cui verranno pubblicati dati rilevanti sono l’Argentina, dove conosceremo i dati sull’inflazione e sull’attività industriale, e la Colombia, che pubblicherà anche i suoi dati sull’inflazione.

Reuters Ha collaborato alla stesura di questo articolo.

¿