Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli scienziati spiegano il clima estremo che ha causato le inondazioni in Italia

Gli scienziati spiegano il clima estremo che ha causato le inondazioni in Italia

ROMA (AP) – Le inondazioni che hanno causato torrenti di fango nelle città dell’Italia nord-orientale sono un nuovo esempio di eventi estremi causati dai cambiamenti climatici che si stanno verificando in tutto il mondo, secondo gli scienziati.

La regione costiera dell'Emilia-Romagna è stata colpita due volte, la prima due settimane fa con forti piogge sulle terre aride dovute alla siccità che non riusciva ad assorbirle, provocando l'esondazione dei fiumi durante la notte, e questa settimana con il diluvio che ha causato 13 morti. Morti e perdite ammontano a miliardi di dollari.

Il clima sta cambiando e porta più pioggia, ma si concentra in meno giorni, con alluvioni meno benefiche e più pericolose.

La regione Emilia-Romagna è particolarmente a rischio. Si trova tra gli Appennini e il Mare Adriatico e questa settimana è stata testimone di un fenomeno climatico che ha causato la metà delle precipitazioni medie annuali in sole 36 ore.

Antonello Pasini, climatologo del Consiglio Nazionale delle Ricerche italiano, ha affermato che la tendenza comincia a emergere: “Ad esempio, c’è un aumento delle precipitazioni medie annuali, ma una diminuzione dei giorni di pioggia e un aumento dell’intensità delle precipitazioni nei pochi giorni quando piove.” “

Il Nord Italia ha sofferto due anni di siccità a causa delle nevicate invernali inferiori alla media. In genere, lo scioglimento della neve dalle Alpi, dalle Dolomiti e dagli Appennini fornisce il deflusso primaverile ed estivo che riempie i laghi, irriga la zona agricola e alimenta il Po e altri importanti fiumi e affluenti.

In assenza di nevicate naturali sulle montagne, le pianure si seccarono e le acque di fiumi, laghi e dighe si ritirarono. Pasini ha spiegato che non può essere ripristinato dalla pioggia perché il terreno è sostanzialmente “impermeabile” e l'acqua scorre sopra la terra fino al mare.

READ  La Jornada - Il Manchester City vince la 'UEFA Champions League'; Sconfitta per 1-0 contro l'Inter

“Pertanto, queste forti piogge non sempre compensano la siccità”, ha aggiunto lo scienziato. “Perché la siccità nel nord Italia dipende dall'accumulo di neve sulle Alpi, non dalla pioggia. Negli ultimi due anni abbiamo avuto pochissima neve.”

Il Ministro della Protezione Civile Nelo Musumeci ha affermato che la nuova normalità degli eventi meteorologici estremi nel Mediterraneo sta costringendo gli italiani ad adattarsi e il Paese a riparare i sistemi di protezione dalle inondazioni. Ha ricordato la frana provocata da un forte temporale lo scorso autunno sull'isola di Ischia, al largo di Napoli, che ha ucciso 12 persone.

“Non possiamo far finta di niente”, ha detto giovedì. “Tutto deve cambiare: deve cambiare la programmazione delle infrastrutture idriche, deve cambiare l’approccio ingegneristico”.

Questi cambiamenti sono necessari per prevenire inondazioni del tipo che hanno lasciato intere città sommerse nel fango dopo lo straripamento di due dozzine di fiumi.

La chiave per il futuro è la prevenzione, ha aggiunto, ammettendo che non sarà facile convincere la gente a causa dei costi.

“Non siamo una nazione orientata alla prevenzione”, ha detto a Sky TG24. “Preferiamo ricostruire piuttosto che prevenire”.

L’Italia non è l’unico Paese a passare dalla siccità alle inondazioni. Lo stato della California e gli Stati Uniti occidentali sono passati da una massiccia siccità a un livello record testimoniato da più di dieci fiumi atmosferici che hanno inondato lo stato con una grande quantità di acqua, al punto che è riapparso un lago scomparso decenni fa.

Gli scienziati affermano che le inondazioni improvvise di due anni fa in Germania e Belgio, che causarono più di 220 morti e miliardi di euro di danni, diventeranno più probabili con il riscaldamento del pianeta.

READ  Roberto Petrella e le sue false affermazioni sul COVID-19 Maldita.es

“Sembra che gli eventi più umidi stiano diventando più umidi in molti luoghi”, ha detto lo scienziato del clima Gabe Fike dell'Università di Princeton.

Nel 2021, il Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite ha affermato che è “dimostrato” che le emissioni umane di gas serra stanno causando eventi meteorologici estremi più intensi e frequenti. Il comitato ha affermato che le ondate di caldo sono state più pronunciate, ma è probabile che anche le forti piogge siano aumentate nella maggior parte del mondo.

Secondo il rapporto delle Nazioni Unite, ci sono “prove evidenti” che le precipitazioni registrate e le osservazioni a tassi di uno su cinque, uno su 10 e uno su 20 anni “sono diventate più comuni a partire dagli anni ’50”.