Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Gli italiani hanno pulito la pista a modo loro”

Pensaci Il giro E presto mi raggiungeranno. E se Mortirolo, E se la Marmolada. Guarda Stelvio, com’è maestoso. Guarda Gavia, quanto è spaventoso. queste cose. L’Italia è sinonimo di difficoltà estreme. La fase più dura dell’anno, ei periodi più complicati dell’arrampicata, sono quei giorni in cui tutti abbiamo segnato il colore rosso dell’impegno in TV. Quelle in cui tu, caro lettore, hai un leggero dolore di origine sconosciuta che ti impedisce di andare, non vedi cosa mi dà fastidio, è anche sfortuna, al pranzo in famiglia programmato. Sicuramente mi capiscono.

Solo che non è sempre stato così. Anche se è difficile da credere, anche se porta a districare i fatti nella tua mente. Giorni e giorni senza niente di miserabile da mettere in bocca. Gara veloce. altro. un altro. Adesso è il momento. In realtà ce ne sono tre. Palco con accesso a rampa. Guarda, fascia alta. Wow, no dannazione, sono finiti nel mezzo del porto. Quindi tre settimane. E l’anno successivo la stessa cosa. Supponiamo che la giustificazione fosse chiara. Che vittoria Affluente un Saroni. Lo stesso mi dà chiunque di loro, ma lo sono. Diamo al pubblico italiano una sana rivalità nelle vene. Sensazione nazionale, in poche parole. Schermo? Beh, è ​​partita per il circo, Anacolotos. Cosa ne pensi? Qui siamo persone serie. Anche quegli scalatori in lutto con le scarpe sono alla ricerca di una rampa che valga questo nome. Sconfitto prima di partire. Incapace di affrontare montagne volubili …

Un 21enne sconosciuto: Rymco Evenboil al Giro d’Italia 2021

Marcus Perida

Era uno di quelli che hanno provato qualcosa Marino LegaritaQuale di questi ha corso in Italia per la squadra Alpha Loom. “Era qualcosa che non vedevo l’ora di provare”, ci ha detto, “Pensa che il ciclismo non fosse così globalizzato come lo è ora, e Molti di noi vedevano l’Italia come un paradiso. Avevano i migliori materiali lì, le migliori marche … Ogni volta che gareggiavo in quel paese, diventavo più dipendente. “Marino era chiaro sul suo futuro e ha fatto tutto ciò che era in suo potere per incarnarlo.” Ho messo molto in molto. di sforzo per andare, sì. Supponiamo che il curriculum inizi nell’anno in cui si svolgono le finali di Coppa del Mondo a Praga (era nel 1981, vinse Mertens, Saroni vinse secondo e Henault si classificò terzo), e per prepararci facciamo dei test in Italia. Non come squadra … l’allenatore spagnolo, Ramon MendeboroHo avuto una certa amicizia con David Boivava, quindi PartireE il Juan Fernandez Io stesso ho fatto alcune gare in prestito a Inoxpram “.

Guida diverse biciclette

Altre volte, senza dubbio, perché un tale accordo oggi è inimmaginabile. Ma era un tipo diverso di ciclismo. “Le è piaciuto moltissimo e la stagione successiva ho parlato direttamente con Boifava per vedere se c’era la possibilità di firmare con loro. Niente, è stato perfetto”. Ho continuato l’idea, ho insistito e ho chiamato Primo Franchini “.. Franchini era un misterioso professionista della fine degli anni ’60 che difendeva i colori Germanvox-Wega. Successivamente è stato riciclato come presa. In Alpha Loom. Stranamente, Marino Legarreta non ha mai ingaggiato una squadra italiana, Perché questo gruppo aveva sede a San Marino. Ovviamente non importa. “Siamo andati avanti, perché lo volevo davvero. Amava quella moto”.

READ  Laura Barquero e Marco Zandron: il duo che ha rotto il ghiaccio

C’è un cambiamento. Tutto è diverso. Non è ancora una Corsa Rosa, ma il resto dell’anno è in bicicletta. Ci dice: “L’ho fatto quasi completamente”. Marino. “E anche alcune cose per la Spagna. Fondamentalmente i Paesi Baschi e la Vuelta. Mi sono decisamente adattato a loro, ma in fondo erano come. classico, Ci sono stati pochissimi tour organizzati. Ricordo un sacco di sesso a tre, sì. “ Preparare il piatto principale. Chi ferma un intero paese, chi dipinge ogni città di pallidi colori e passione. Il ruolo. “Sono un po ‘in ritardo per il Giro “, continua Lejarreta. Ma conosceva le storie e quello che raccontavano. Piume di fontana, le tre cime di Lavarredo … quelle cose. E ne ero dipendente. Ovviamente anche dolomia. Faceva parte del ciclismo che volevo provare “.

Marino Lejarreta, meglio conosciuto come “Junco de Bérriz”

Solo … quella era solo una parte del passato. Grandi porti, viaggi epici. Primi anni ottanta Diventa uno scalatore in Italia Passava giorni e giorni ad aspettare un momento che non finiva mai. Anno. E altri. frustrazione. Dove posso attaccare, dove posso ottenere qualche secondo. Niente. Lejarreta ha catturato la versione più morbida del Giro Almeno mezzo secolo fa. Tuttavia, le bancarelle sono piccole. Sesto, quarto, quinto, quarto. Quella era la sua prova, senza dubbio. Sette iscrizioni tra il 1983 e il 1991. L’ultimo decimo è la classifica più bassa. Modulo. Ma avrebbe potuto essere migliore. Dovrebbe essere …

“Regola i riferimenti, e lì I riferimenti sono benestanti e saronici. In Francia, ad esempio, lo era HinaultMarino dice molto con questa frase. Moser, Saroni, Saroni e Moser. Questo domina la prova, fino agli estremi inimmaginabili. Torriani, spaventato da quello che considera un declino della popolarità del Giro, decide di sfruttare il manicheismo che tutti ci portiamo dentro. Quello che in Italia fa le guerre in Italia, non si possono riconciliare, il problema è Kobe S Bartella Sono una cosa, ma Moser e Saroni sono un’altra. Molto peggio. Non erano così bravi e non hanno guadagnato molto dalla scarpa. Quindi, per riscaldare le braci di un tronco immaginario, Toriani Decide di rendere le cose un po ‘più facili. un po.

Foto: ciclista italiano Luigi Malabroka Opinione

Hanno aiutato, non credo. Storie di ciclisti minacciati. Rilassati oggi e se vuoi disturbare il pollaio … beh, vedrai. I colombiani hanno dovuto scappare dal fondo in quel primo giroscopio. Non vuoi andare d’accordo con chi governa. Non ti si addice. Legarita è un diplomatico. “È che i potenti hanno sempre usato il loro potere. Non ricordo le arti cattiveMa è vero che quando alzano la voce verso di te, i piccoli finiscono per pensarci molto. Moser e Saroni non hanno ordinato più di Hinault In Francia “. Bernard, personaggio onnipresente, indimenticabile. Ha segnato tutti quelli che sono d’accordo con lui. Certo, Legaretta ammette che l’atmosfera italiana era diversa.” In Italia si parla molto di plotone. Più che altrove. Quindi tutte queste cose sono state discusse. Che ne dici di controllo e minacce. Vengono discussi e, naturalmente, finiscono per diventare importanti “.

READ  Argentina-Cile: la squadra squalificata da Scaloni per le qualificazioni

Questo è in gara. Ma poi c’erano i tour. Di cosa abbiamo discusso sopra Toriani. Non vuoi eccitazione e uno di noi vince? Ebbene ti do una vittoria per noi, e l’entusiasmo quando arriva ai Dibattiti RAI. Bastardi, mi chiedete di tutto. Quindi … llanitos traguardos, llanitos. Molto tempo, molti arrivi in ​​collina, siamo specializzati. E se non ci dà tutto questo … beh, okay. Lo sanno già. Occhiolino, occhiolino, gomitata, gomitata. “Soprattutto”, dice Marino, “il 1984 è stato il Giro disegnato per Moser”.. Ha preso il quarto posto, il che è un risultato enorme nel vedere la questione. Sette secondi lo separano da argentino, Piattaforma. In primo piano Laurent Vignon e, sì, Francesco Moser. In quell’anno non c’era la montagna. Hanno messo in alto gli arrivi e poi il palco non è mai arrivato in cima ai porti. Mezzo alto, al massimo.

Poi c’era l’altro. Abbiamo corso i giorni in cui abbiamo corso, e Alcuni passaggi erano complicati dalla loro altezza e dal tempo, Ma … a seconda di come è andata la gara, gli italiani hanno fatto di più per spianare la strada oppure no. ”Parlate di questo Stelvio, Certamente. È molto alto, più di 2700 metri, e lì nevica molto. Solo quel giorno, come si suol dire, il sole era bellissimo, e ho svegliato la strada pulita come una bici nuova di zecca. Non c’era modo, Torriani ha interrotto questa salita (di gran lunga la più dura di tutto il Giro) e l’ha sostituita con Tonale S A mano. Tappa 18, molto vicino alla fine. Il giorno successivo Marino ha vinto a Silva di Val Gardena (un altro passo che termina a metà della salita), e successivamente ad Arabba, Laurent Visionon Strappa i proiettili a Moser. Guarda, alla fine, le cose non andranno bene per Turiani, dicono alcuni. Innocenzo il crono è stato lasciato. Civile o penale. non c’è nulla.

“Non sono riuscito a seguire questa situazione al 100%”, ricorda Marino.. Ma è certamente uno dei motivi per cui Fisan si lamenta. Gli organizzatori, il pubblico … tutti volevano quello che volevano … “, continua. A proposito dell’ultima tappa. Quaranta chilometri tra Soave e Verona, impegno individuale? Ebbene, non era quello su cui contavano. Laurent Visionon un Cyril Gamard. All’epoca protestarono entrambi e in seguito li scrissero in due libri separati. Era l’elicottero elicottero. Si è messo in mezzo l’uno e l’altro. Spingi dentro le loro lame Affluente, Il che rende difficile il progresso per quel parigino con gli occhiali. Alcune volte si è avvicinato così tanto a Fignon che ha colpito la sua moto. Urla, pugno alzato, insulti. In francese, questo suona meglio. queste cose. Moser doveva vincere.

READ  I musei italiani apriranno nei fine settimana, previa prenotazione

Moser ha vinto

“Sono stato molto vicino al podio due volte, ma non ci sono mai arrivato. Inoltre non pensavo che anno sarebbe stato il migliore se avessi trovato montagne vere. Sì, ti dirò che quando ero al meglio era il 1983, ma qualcosa ha toccato la Vuelta “, così mi ha detto Marino. Qualcosa ha bussato. Una Vuelta è così dura, corre a un ritmo folle, con Legarita Hinault si è messo nei guai. Ha vinto a Los Lagos (pioniere) e ha perso la gara contro alcuni fan mentre si recava in Siria. Due minuti e quaranta secondi, a Madrid un po ‘più lento di Le Blaireau di poco più di sessanta secondi. Questo test si è concluso l’8 maggio. Il dodicesimo giorno è partita la Corsa Rosa. A Brescia. Settanta chilometri dal momento della squadra sperimentale. Vieni a rilassarti. Legaretta dice che qualcosa è stato toccato dal fiume Vuelta. Che eccitazione. Quali sono i diversi tempi …

Foto: Tadige Bojacar, l'attuale forma di ciclismo, in una foto recente.  (F)
Da Valverde a Pogacar, Veterans and Rookies: About Liège in 2021

Marcus Perida

un Affluente S Saroni Erano ancora sani di mente dopo il 1984. Giuseppe era appena un minuto dietro a Vicentini nel 1986. Quindi era molto vicino al Giro III. Francesco è ancora più impressionante, infatti, perché ha tagliato tre podi di fila, nelle ultime due settimane prima di compiere 35 anni. In mezzo, accedi per l’orologio. Anche le autotrasformazioni, che non erano dopanti perché non erano riconosciute come tali, ma, beh … un po ‘di stimolante, miajina … beh, sì, giusto? queste cose. Quei ricordi.

Ogni volta il giorno successivo Il giro Incontra una splendida passerella, un mostro con ripide scogliere oltre dieci e un picco vicino a 2.000 metri … Quindi, come un onesto appassionato di ciclismo, ringrazia. C’è stato un tempo in cui era impossibile. Evoluzione delle pianure. Pulegge ad anello. Quello che Legarita amava, sebbene fossero molto diversi. Oh mio Dio, amore mio, questo non ti permette di scegliere …