Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli argomenti del Papa contro la maternità surrogata |  Ha detto che si tratta di una pratica “sfortunata” che “insulta gravemente la dignità di donne e bambini”.

Gli argomenti del Papa contro la maternità surrogata | Ha detto che si tratta di una pratica “sfortunata” che “insulta gravemente la dignità di donne e bambini”.

Da Roma

Papa Francesco, in un ampio messaggio indirizzato al Corpo diplomatico accreditato presso la Santa Sede, che lo ha ricevuto lunedì per congratularsi con lui per il nuovo anno, ha invitato ancora una volta alla pace e al dialogo nei tanti conflitti che affliggono il mondo e ha condannato la fabbricazione di armi. . Ma nelle sue lettere ha sottolineato anche altri punti curiosi come la “maternità surrogata”, la “teoria del genere” e il “patrimonio genetico umano”.

Secondo Francisco, pratica la difesa Maternità surrogata“Il che lede gravemente la dignità delle donne e dei bambini”. “Un bambino è sempre un dono e mai oggetto di un contratto, per questo chiedo alla comunità internazionale di impegnarsi a vietare questa pratica a livello globale.

La maternità surrogata è il processo che inizia con la nomina di una donna nella quale verrà inserito il seme dell'uomo affinché possa dare alla luce un bambino che darà all'uomo quando partorirà. Questo viene generalmente fatto da coppie che per qualche motivo non possono avere figli. È una pratica legale in molti paesi, tra cui Canada, Colombia, Australia, Grecia, Israele, Belgio, Paesi Bassi e diversi stati degli Stati Uniti. Ma nel novembre dello scorso anno, il Vaticano ha deciso che i bambini di coppie dello stesso sesso possono essere battezzati, indipendentemente dal fatto che siano stati adottati o nati tramite maternità surrogata.

Francesco ha sottolineato che “il cammino verso la pace passa attraverso il rispetto dei diritti umani” contenuti nella Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo, che ha recentemente compiuto 75 anni. In questo contesto, ha sottolineato che negli ultimi decenni ci sono stati tentativi “di introdurre nuovi diritti, che non sono del tutto compatibili con quelli originariamente definiti e non sempre accettabili, che hanno portato all’emergere del colonialismo ideologico, compreso il colonialismo”. Teoria del genereCiò è estremamente pericoloso perché cancella le differenze nella sua pretesa di uguaglianza per tutti.

READ  Per 5,9 miliardi di dollari gli Stati Uniti autorizzano la vendita di 16 Poseidon P-8A al Canada

Il Papa ha sottolineato che tale colonialismo ideologico provoca ferite e divisioni tra i Paesi, anziché sostenere la costruzione della pace.

E su di lui Patrimonio genetico Ha affermato: “Bisogna prestare particolare attenzione alla protezione del patrimonio genetico umano e alla prevenzione di pratiche incompatibili con la dignità umana, come la brevettazione di materiali biologici umani e la clonazione umana”.

Guerre, armi e dialogo

Francesco ha osservato che quella che ha definito la “Terza Guerra Mondiale divisiva” si è recentemente trasformata in un conflitto veramente globale. Ha espresso la sua preoccupazione per ciò che sta accadendo in Israele e Palestina. Inoltre, a causa del rischio che questa guerra si estenda ad altri paesi come la Giordania, la Siria o il Libano.

Ma ha sottolineato anche il conflitto in Myanmar, la guerra tra Russia e Ucraina, la situazione tesa tra Armenia e Azerbaigian e diversi paesi subsahariani come l'Etiopia, il Sudan, la Repubblica democratica del Congo e il Sud Sudan, tra gli altri. .

Il Papa ha dedicato parte del suo discorso anche all'America Latina. Ha aggiunto: “Mentre non ci sono guerre aperte nelle Americhe, ci sono forti tensioni tra alcuni paesi, ad esempio tra Venezuela e Guyana, mentre in altri paesi, come il Perù, osserviamo il fenomeno della polarizzazione che mina l'armonia sociale e indebolisce istituzioni democratiche”. Egli ha detto. –. Resta preoccupante anche la situazione in Nicaragua, una crisi che va avanti da tempo e che ha conseguenze dolorose per la società nicaraguense, soprattutto per la Chiesa cattolica.

Con questa frase si riferiva al conflitto tra Venezuela e Guyana per Essequibo, una regione ricca di petrolio che il Venezuela ora rivendica come propria, e alle controversie tra la Chiesa cattolica locale e il governo di Nicolas Maduro che si sono aggravate di recente. Francesco ha sottolineato che «la Santa Sede non smette mai di chiedere un dialogo diplomatico che rispetti il ​​benessere dei cattolici e dell’intera popolazione».

READ  Crisi idrica in Uruguay: bevono acqua salata e non ci sono barili riforniti

Ritornando al tema delle guerre, il Papa ha sottolineato l'importanza delle politiche di disarmo. “Le guerre possono continuare grazie alla massiccia disponibilità di armi. È necessario attuare una politica di disarmo, perché è un'illusione credere che le armi abbiano un valore deterrente. Al contrario, la disponibilità di armi ne incoraggia l'uso e ne aumenta la produzione «Le armi creano sfiducia e distolgono risorse». Per porre fine alle guerre è necessario «sradicare le loro cause», «la prima delle quali è la fame», seguita poi «dallo sfruttamento delle risorse naturali, che arricchisce pochi, lasciandoli nella miseria e nella povertà”. Popolazione” e crisi climatica. Ha detto a tutti i diplomatici: “La strada verso la pace passa attraverso il dialogo politico e sociale” e attraverso l'educazione delle giovani generazioni. Ma aiutano anche il dialogo interreligioso, l’eliminazione dell’antisemitismo che è in aumento di recente e la discriminazione contro i cristiani che esiste in alcuni Paesi, nonché “l’uso etico delle nuove tecnologie”.

Il Papa ha sottolineato che «il dialogo deve essere l'anima della comunità internazionale», senza evitare di sottolineare la debolezza in questo senso «delle strutture della diplomazia multilaterale emerse dopo la seconda guerra mondiale», come le Nazioni Unite.

Crisi climatica e migranti

Il Papa ha fatto riferimento alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (COP28) tenutasi recentemente a Dubai, ricordando che il 2023 è stato l’anno più caldo mai registrato, rispetto ai 174 anni precedenti. “La crisi climatica richiede una risposta sempre più urgente e richiede la piena partecipazione di tutti, così come dell’intera comunità internazionale”, ha affermato il Papa “ecologista”, che al tema ha dedicato un’enciclica (“Laudato Si’” e diverse lettere) ). clima.

READ  Marcus Galperin critica San Francisco per la realtà sfumata della città: "Sta iniziando a subirne le conseguenze"

Il cambiamento climatico, così come la povertà e i conflitti, sono le ragioni per cui molte persone cercano di fuggire dai propri paesi. Ecco perché, per tutte quelle migliaia di migranti che si verificano ogni anno nel mondo, Francisco ha chiesto che siano riconosciuti come esseri umani e non come invasori, che il loro ingresso nei paesi sia regolamentato e che la loro integrazione sia facilitata.