Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Giocando nel Boca, ha segnato un gol storico che ha paralizzato il Paese e un giorno se n’è andato: la nuova vita di Mauricio Pineda, “senza stress”.

Giocando nel Boca, ha segnato un gol storico che ha paralizzato il Paese e un giorno se n’è andato: la nuova vita di Mauricio Pineda, “senza stress”.

“Ho esordito a 18 anni, è stato un piacere giocare nella Bombonera, sono andato in Italia a giocare contro i migliori, ho giocato Mondiali, Copa America e Olimpiadi. A 29 dovevo partire da graffio. Se hai già sperimentato tutto, perché? Mi sono girato e me ne sono andato”, dall’altra parte del telefono, Maurizio Pineda Rivedi la sua carriera. In realtà San Tommyin provincia correntiche ha sacrificato il lato sinistro che giocava Mondiali di Francia 98 Ammette che il calcio è una fase finale.

Con un compagno a portata di mano nella solitudine di un paese di 40.000 abitanti, Pineda si è completamente allontanato dai rumori della città e anche dal pallone. Per un fatto insolito, si fida ciecamente del suocero – che allora non conosceva – Investi in un campo che conoscevo solo con le immagini. “Ricordo che mi disse: ‘ci penserò io per te’. Dopo essermi ritirato dal calcio, stanco e deluso, ho viaggiato e conosciuto Qualcosa di completamente nuovoHa confermato in un’intervista con Nazione.

È nato nell’ospedale spagnolo, a due isolati dallo stadio Plaza Messirere, un giocatore di club tornado E bocca Si è sempre riservato l’opportunità di tornare a Buenos Aires, anche se non c’era nulla da dare alla compostezza di Santo Tome: “Qui usciamo dalla porta di casa nostra con il camion aperto. non abbiamo pressioneLo vedo quando vado a trovare mio padre e lui inizia a guidare per Buenos Aires. Qui la gente finisce di lavorare alle 20:30 e torna a casa in 15 minuti, invece in città tra autobus e metropolitana ci vuole più tempo”, ha riassunto Wald. lok E Malina.

Mauricio Pineda ha giocato un anno al Boca e poi è emigrato in Italia

La sua carriera è iniziata a Huracan, nel 1991, quando aveva appena finito il liceo. sotto tutela Ettore CooperPineda ha iniziato a guadagnare minuti in prima divisione. già sistemato sul globo, Maurizio MacrìA quel tempo, il presidente del Boca gli ha chiesto di negoziare rapidamente.

con Carlo Bilardo E Ettore Vera – con il quale non aveva un buon rapporto – come allenatore, Pineda si è formato nella Fondazione La Ribera fino al salto in Europa. “Il Boca ti dà pressione, è un posto importante, la pressione che ti dà giocare lì ti condiziona a giocare per qualsiasi club”.detenuto.

READ  La Federazione italiana ammette che "il calcio italiano e internazionale è indispensabile", la Juventus

Nel 1997, dopo uno scambio verbale con “Bambino” Vieira, Mauricio Pineda perde il suo posto nella considerazione dell’allenatore. Un anno dopo l’inizio della Coppa del Mondo, il suo rappresentante, Jorge SetterzebelerLo ha chiamato e gli ha consigliato: “Andiamo in Italia in prestito, impariamo la lingua e quando va il mister torni tu”. Quelle furono le parole che convinsero a metà il giocatore.

era condannato Udinese dall’Italia. Con una marcata differenza nel calcio e nel fisico rispetto al resto dei suoi compagni di squadra, Pineda non ha giocato una partita nei primi quattro mesi della sua permanenza. “Ho sempre voluto tornare indietro. Qui a Buenos Aires ho vissuto una vita perfetta con i miei cari, non avevo nemmeno bisogno di andare a gareggiare contro i migliori come in Italiadetenuto.

Alla condizione espressa del prestito a breve termine, a Opzione di connettività elevata In modo che gli italiani non potessero averlo, sebbene le vicissitudini della vita cambiassero completamente il corso. “Il presidente dell’Udinese mi voleva bene. È entrato negli spogliatoi per salutarmi, mi adorava. Dato che non ho giocato, mi sono preparato fisicamente per essere in forma quando tornerò al Boca. Nel frattempo, dopo quattro mesi, Ho avuto la possibilità di giocare e l’ho rotto. All’ultima partita casalinga, il figlio del presidente è andato al comizio, mi ha chiamato dopo cena e mi ha detto: “Ho una notizia per Mauricio: faremo lo sforzo economico e ti compreremo”.“.

Mauricio Pineda è arrivato al Boca da Huracan, durante la presidenza di Macri Cheniz. Nella foto, disputa la palla in una partita contro l’Estudiantes nel 1997Nazione

Da quel momento Pineda ha deciso di contattare il suo rappresentante: “Quando mi ha detto che volevo morire. Ho chiamato Cyterszpiler e gli ho detto che questi pazzi volevano comprarmi, e che stava cercando di capire come lasciare l’Italia e tornare in Argentina. Là scoppiò un’anarchia barbarica.

READ  Roglic, il grande team Ineos e il capo del trio Movistar: questi i favoriti per La Vuelta a España 2021

Dopo quella situazione contenziosa, che ha anche mediato Macrì E Carlo BianchiIl nuovo allenatore del Boca, Pineda, non ha avuto altra scelta che continuare Udinese. Da quel momento in poi, ha fatto la sua testa a clicDa quel momento in poi, ho dato priorità alla mia vita personale. Ho smesso di essere un professionista. Ho trovato l’equilibrio tra ciò che volevo nella mia vita quando avevo 23 anni, avevo bisogno di divertirmi e non comportarmi come se volessi essere nel calcio d’élite”.

Sulla stessa linea, ha approfondito: “A parte il fatto che ero un titolare regolare in tutte le squadre in cui ho giocato, non avevo segreti, Sapevo che era un riempitivo, un giocatore di riempimento. Non mi sono preso cura di me stesso, ho mangiato quello che volevo e mi sono solo allenato e necessario. di notte, dentro Odinouna città di 100.000 persone, c’erano 20 discoteche e noi eravamo la squadra di calcio della città, ci trattavano come degli idoli. C’erano 25 giocatori nella squadra, 18 di loro erano sposati e sette single, e degli ultimi cinque si sono presi cura di se stessi e due di noi sono usciti”.

Mauricio Pineda con la maglia dell’Udinese, in onore di un giocatore della Roma

“Ricordo che Jorge (Cyterszpiler) mi ha chiamato e mi ha detto: “Mauricio, quando andrai in pensione a 35 anni, potrai farlo, e ora devi salvare i tuoi figli e nipoti”.. Ho risposto che non volevo avere 40 anni e giocare a bowling sapendo di avere figli. Non lo sarebbe. Le cose nel tempo, una è una persona e non mi interessava quel discorso, Aiuterò mio figlio pagando il college, poi si salveràPineta completata.

Seguendo passo dopo passo NapoliE Maiorca E Cagliarile loro borse sono state rifatte per tornare in campagna e indossare magliette Lanos E colon. Anche se era tornato sulla sua terra, Pineda si sentiva completamente a disagio con certe situazioni nell’ambiente che gli facevano abbassare il punto cieco.

READ  Calcio/Nazionale.- Recensione di Spagna - Italia - Altri Sport

L’atmosfera calcistica mi ha deluso molto. Prima di tutto con i giornalisti che parlano bene di un giocatore raccontandogli i dettagli dello spogliatoio, cosa che ho fatto nella mia vita. Dopo Siccome i capitani in Argentina non hanno i tuoi soldi, pretendono una tangente dal tuo contratto per rinnovarti: anche se non prendono i tuoi soldi, sai che ti stanno derubando. A Colonia mi chiamavano “ladro” e non facevo nessun gioco. Non ho ricevuto un centesimo, né una Coca-Cola. Tutto questo fa venire voglia di andare avanti, prima nel calcio argentino era tutto sporco, ora sono via e non so come comportarmi“, ha sottolineato.

Ai Mondiali del 1998 in Francia, la nazionale argentina ha giocato contro di essa una partita della fase a gironi Croazia Per scoprire la posizione in cui è finita la nazionale. Il punteggio era 1-0. l’obiettivo? Maurizio Pineda.

Con festa sfrenata, Pineda riceve un abbraccio inaspettato: una festa Gabriele Batistutail suo idolo del Boca, che guardava le sue partite in tv e lo considerava un gigante.

La carriera del calciatore attraversa diversi momenti. All’età di 29 anni, ha deciso di interrompere il suo rapporto con gli sport professionistici e di andarsene completamente. immerso in incarichi sul campo, Mauricio ha trovato un’attività che lo ha sostenuto e gli ha permesso di vivere comodamente.

Mauricio Pineda e i suoi figli a Corrientes Foto: Facebook

“Qualche anno fa c’era bolla Resina nelle pinete ed economicamente c’è una differenza rispetto al bestiame. Di recente ho venduto alcuni ettari ad un’azienda che coltiva pini e Ho tenuto una parte. Ora sto iniziando una nuova attività nel mezzo San Tommy, quindi vivo tranquillamente questo momento. “Non ho soldi da buttare al soffitto, ma fortunatamente né a me né alla mia famiglia manca nulla”, ha detto con orgoglio.

Dopo il suo improvviso ritiro, Pineda ha scambiato alcuni fischi a Colón per la calma di un campo a Corrientes. Non volendo immischiarsi in nessuna faccenda sportiva, dice addio alla conversazione con questo medium mentre aspetta che i suoi figli tornino da scuola per bere un nuovo mate.