Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Famiglia e istruzione sono i due pilastri che aiutano a raggiungere il benessere emotivo dei bambini e dei giovani

Famiglia e istruzione sono i due pilastri che aiutano a raggiungere il benessere emotivo dei bambini e dei giovani

La salute mentale e il modo in cui influenza l'uso delle tecnologie e dei social network da parte dei giovani è stata al centro delle prime discussioni e analisi Simposio nazionale sull'assistenza educativa Integral, organizzato dal Presidente della Fondazione Edelvives e dal Centro per l'Innovazione, la Formazione e la Ricerca nelle Scienze dell'Educazione (CIFICE) nell'atrio dell'Università di Saragozza.

Alla prima edizione del simposio hanno partecipato esperti che hanno parlato delle sfide tecnologiche nell'istruzione, dell'impatto dei social network, dell'uso dei dispositivi mobili tra i giovani, del coinvolgimento delle famiglie e degli insegnanti e di come tutto ciò influisce sulla salute mentale.

La cerimonia di apertura è stata tenuta dal Presidente dell'Università di Saragozza José Antonio Mayoral Che ha sottolineato “l’importanza dell’educazione nell’uso responsabile della tecnologia” e ha sottolineato “il ruolo fondamentale della ricerca e, ovviamente, dell’innovazione educativa”. Da parte sua, il Direttore Generale del Gruppo Edelvivz ha dichiarato: Javier Sendoya“Lo scopo – spiega – è accompagnare la comunità educativa, connetterla con la cura e promuovere la ricerca e la formazione”.

Anna Moracho, Il Direttore Generale della Politica Educativa, della Pianificazione Accademica e della Formazione Continua del Governo di Aragona ha espresso la necessità che questo simposio “proponga strategie innovative ed efficaci che servano ad affrontare le sfide che aiutano a raggiungere il benessere dell’intera comunità educativa, così che possano continuare il loro lavoro per proteggere la salute mentale dei bambini e degli adolescenti”.

Dopo le sue parole è intervenuto Maria Angeles Oros, Ministro delle Politiche Sociali del Comune di Saragozza, che ha presentato i dati di un recente studio condotto dal Comune sull'uso della tecnologia da parte dei giovani e sulla loro scarsa percezione di questa dipendenza. Per lei “Famiglia e istruzione sono i due pilastri che possono aiutarci a cercare di migliorare il benessere emotivo, psicologico e sociale dell’intera popolazione, in particolare dei bambini e dei giovani”.

READ  Stare a tavola è molto più che mangiare: consigli e suggerimenti

Inoltre, i presidenti dei direttori, Sandra Vázquez e Jacobo Cano, Hanno sottolineato “l’importanza di affrontare strategie congiunte e multidisciplinari per migliorare la salute mentale e le sfide tecnologiche in collaborazione con le comunità educative, le pubbliche amministrazioni e altre istituzioni”.

L'incontro ha riunito più di 650 partecipanti provenienti dalla Spagna e dall'America Latina: insegnanti di tutti i livelli educativi, dall'educazione della prima infanzia alla formazione professionale, all'educazione speciale e alle zone rurali; Membri dei team di gestione; Quasi un centinaio di famiglie. Molti professionisti della salute mentale. Insegnanti e rappresentanti delle pubbliche amministrazioni della Comunità di Madrid, Estremadura, Isole Canarie, Castiglia e León, Andalusia e Asturie.