Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Applicare contemporaneamente il vaccino contro il Covid e l’influenza può aumentare le reazioni avverse

aggiornato

Uno studio ha rivelato che l’incidenza delle interazioni del vaccino aumenta quando una dose del vaccino Covid e un’altra del vaccino antinfluenzale vengono vaccinate contemporaneamente, sebbene siano lievi effetti collaterali.

Campagna di vaccinazione contro il Covid.Antonio Heredia
  • Malattia di coronavirus Hipra mette in evidenza la sua protezione vaccinale contro Covid di fronte a un richiamo autunnale
  • virus Confermano che il Covid-19 ha avuto origine nel mercato degli animali vivi a Wuhan

“Ora vive l’emisfero sud, dove l’inverno Stagione influenzale molto attiva Che, insieme al Covid, sta mettendo a rischio i sistemi sanitari. È probabile che assisteremo a uno scenario simile nell’emisfero settentrionale in autunno e in inverno “, afferma Hans Kluge, direttore dell’Ufficio europeo dell’OMS. Kluge non supera in astuzia quando descrive ciò che incombe e incoraggia i paesi ad agire ora per prepararsi al potenziale ondate di contagi e ricoveri nei mesi freddi.

Il riemergere del virus dell’influenza

In gran parte del mondo, l’influenza è quasi scomparsa negli ultimi anni, grazie alle azioni intraprese contro il Covid. Tuttavia, durante il prossimo inverno, potrebbe esserci un aumento dei casi che ci sorprenderebbe dal punto di vista immunitario.

«Nel 2020 abbiamo assistito a un calo a zero dell’influenza, che è ricomparsa lievemente, insieme al virus respiratorio sinciziale, nel 2021», ricorda Fabrizio Brigliasco, professore di medicina preventiva all’Università degli studi di Milano e direttore medico dell’IRCCS Galeazzi. “Quest’anno c’è una recrudescenza del virus dell’influenza. Lo vediamo in Australia, dove si sta diffondendo ampiamente”, aggiunge. Secondo questo esperto, nel caso dell’Europa, in paesi come l’Italia, è possibile prevedere Una stagione influenzale molto ‘dura’Con un numero compreso tra sei e otto milioni di casi, si aggiungerà una nuova ondata di casi di Covid. Per questo potrebbe essere necessario considerare un vaccino di richiamo annuale per l’intera popolazione che arriverà “forse contemporaneamente al vaccino antinfluenzale”, afferma. L’azienda americana Moderna, infatti, sta lavorando allo sviluppo di un vaccino combinato contro Covid e influenza che potrebbe essere pronto entro la fine del 2023.

READ  Medici che non discriminano i pazienti obesi

fornitura di vaccini

Allarmanti le prime notizie provenienti dall’emisfero sud. “I dati epidemiologici registrati in Australia e Argentina mostrano un chiaro ritorno dell’influenza. È essenziale che le regioni dispongano di adeguate forniture di vaccini e che venga avviata una campagna di sensibilizzazione”. Lo affermano tre società scientifiche che hanno pubblicato un documento congiunto: la Società italiana di medicina generale e cure primarie (Simg), la Società per le malattie infettive e tropicali (Simit) e la Società per l’igiene, la medicina preventiva e la sanità pubblica (Città ).

Claudio Criselli, Presidente Simg, sottolinea che “la prevenzione dell’influenza rischia di essere oscurata dal Covid, ma non va mai sottovalutata”, aggiungendo: “Serve un’azione decisa che coinvolga le popolazioni e le istituzioni per poterlo fare subito. Preparatevi a proteggiamoci con una campagna Vaccinazione Universale “La doppia vaccinazione contro il Covid e l’influenza è sicura e importante da allora L’influenza può anche causare complicazioni molto gravi‘, una sentenza o un giudizio su.

doppia siringa

Pertanto, vaccinare contemporaneamente contro Covid e influenza è un’ipotesi realistica, soprattutto se bisogna finalmente vaccinarsi ogni anno contro nuove varianti di Sars-CoV-2. Ma è sicuro ottenere entrambi i vaccini contemporaneamente? Un team di ricercatori dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie e della Emory University di Atlanta ha tentato di rispondere a questa domanda in uno studio pubblicato su JAMA Network Open.

Secondo gli autori, la somministrazione simultanea di questi vaccini può aumentare notevolmente la copertura, ma dobbiamo essere consapevoli che potrebbe esserlo. Feedback negativo. Nella loro ricerca, hanno raccolto dati su 981.099 persone di età pari o superiore a 12 anni che hanno ricevuto entrambi i vaccini lo stesso giorno tra settembre e maggio, e poi hanno descritto gli effetti collaterali che hanno sentito durante i sette giorni dopo la vaccinazione.

READ  Google Pay: risparmia, paga e gestisci

Le reazioni aumentano ma sono lievi

Dei partecipanti, 92.000 (tra cui 55.000 donne) hanno ricevuto i due vaccini contemporaneamente. Nella settimana successiva all’iniezione, 36.000 persone che hanno ricevuto il vaccino antinfluenzale e Pfizer contemporaneamente e 21.000 che hanno ricevuto il vaccino Pfizer hanno segnalato effetti collaterali sistemici (cioè non locali, ma che interessano tutto il corpo). influenza.

Pertanto, secondo gli esperti, la doppia somministrazione del vaccino Pfizer e del vaccino antinfluenzale è in aumento 8% La probabilità di soffrire di effetti collaterali è maggiore che se avessero solo il primo e la percentuale aumenta quando Undici% Nel caso del vaccino Moderna. Tuttavia, le reazioni in generale sono state Bello Non sono stati segnalati problemi seri. Gli effetti sistemici più comuni sono stati affaticamento, mal di testa e dolori muscolari (dolore muscolare). Per gli effetti topici, il dolore era più comune nel sito di iniezione.

Confronto del vaccino contro l’herpes zoster

I ricercatori sottolineano che i risultati di questo lavoro sono coerenti con quelli di un altro studio ora alla terza fase, basato sulla somministrazione simultanea di un vaccino contro l’herpes zoster e un equivalente quadrivalente dell’influenza. Le reazioni sistemiche sono state riportate più frequentemente dai partecipanti di età pari o superiore a 50 anni che hanno ricevuto il vaccino contemporaneamente (60,9%) rispetto a quelli che hanno ricevuto il solo vaccino contro l’herpes (52,1%) o il solo vaccino antinfluenzale (33,6%).

Negli Stati Uniti, dove è stato condotto questo studio, i Centers for Disease Control and Prevention raccomandano la vaccinazione contro Covid per le persone di età superiore ai cinque anni e le linee guida indicano che questi vaccini Può essere somministrato in qualsiasi momentoIndipendentemente da quando il paziente è stato vaccinato contro altre malattie. Infatti, l’approvazione del vaccino di richiamo Covid ha coinciso con il periodo consigliato per la vaccinazione antinfluenzale, quindi in molti casi le due iniezioni sono state fatte in una sola seduta.

READ  Oggi al Giro d'Italia, Fernando Gaviria, racconta cosa è successo a Mulano

Informare i pazienti

Insieme a questo studio, tre medici della Harvard Medical School di Boston hanno confermato che “la co-somministrazione del vaccino contro l’influenza e il Covid può migliorare l’accettazione di entrambi i vaccini, aumentando la protezione contro queste infezioni prevenibili”. Secondo questo articolo, le ragioni della scarsa fiducia nei vaccini sono “molte e complesse e, sebbene le interazioni siano generalmente lievi e transitorie, possono influenzare “in modo significativo” la volontà di accettare la vaccinazione.

Così, Informare le persone sui potenziali effetti collaterali La vaccinazione può essere fondamentale. “Alla luce dei dati del nuovo studio, i medici possono dire ai pazienti che la somministrazione simultanea del richiamo di Covid e del vaccino antinfluenzale è sicura, ma è associata a un piccolo aumento degli effetti avversi. Rispetto alla vaccinazione solo contro Covid”, hanno stabilito.

come standard

Progetto Fiducia

sapere di più