Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Evan Duque ha confermato di non avere nulla da nascondere prima della visita della Commissione interamericana sui diritti umani in Colombia

Presidente della Colombia, Ivan Duque EFE / Mauricio Duenas Castaneda / Archivio

Il 27 maggio, il presidente Ivan Duque ha fatto riferimento alla controversia sulla visita della Commissione interamericana sui diritti umani (IACHR) in Colombia nel contesto dello sciopero nazionale iniziato il 28 aprile. Il presidente, mentre partecipava a una discussione organizzata dall’American Dialogue Center e dal Wilson Center, ha indicato che il suo governo non ha mai chiuso le porte per dialogare con entità internazionali che tutelano i diritti umani.

‘Non abbiamo nulla da nascondere’, è stata la frase chiave del suo intervento del presidente Duque, in cui ha indicato che gli enti competenti stavano conducendo indagini su potenziali violazioni e che le informazioni erano sempre aperte alla consultazione.

“Finora abbiamo 80 indagini su possibili violazioni commesse nelle ultime quattro settimane Questo viene fatto con l’Ufficio del Procuratore, l’Ufficio del Procuratore, l’Ufficio del difensore civico e Abbiamo condiviso queste informazioni con tutte le organizzazioni che vogliono sapere come abbiamo agito. Anche in eventuali indagini che potrebbero essere presentate in seguito e se non ci sarà risposta da parte delle autorità colombiane, possiamo condividere queste informazioni pubblicamente”.Il presidente ha detto nel suo discorso e ha aggiunto allo stesso tempo che la Colombia è una democrazia e costituisce uno stato basato sulle sue istituzioni.

D’altra parte, il capo dello Stato ha anche sollecitato una comprensione del contesto che sta attraversando il Paese, che ha sottolineato è nell’anno pre-elettorale. Ci sono forze politiche che vogliono usare questo caos come piattaforma per guadagnare potere.

Nel frattempo, nel territorio nazionale Dialoghi tra il governo nazionale e la commissione per la disoccupazione Nell’incertezza di una profonda crisi sociale, politica ed economica. L’epidemia sociale che inizialmente era una manifestazione di disaccordo con le politiche proposte dall’amministrazione nazionale, come la riforma fiscale che è stata ritirata il 2 maggio e la riforma sanitaria che è stata rovesciata al Congresso a metà di questo mese, ha diventare la somma delle richieste accumulate dai diversi settori e irrisolte dall’anno 2019.

READ  Nuove rivelazioni sull'assassinio di Jovenel Moyes | Indagine internazionale aggiunge dati sulla leadership che ha ucciso il presidente di Haiti

Luce allungata alla fine del tunnel per vedere il passato Lunedì 24 maggio, quando le due parti hanno annunciato di aver raggiunto un accordo di principioFissano degli standard minimi, però, per renderlo ufficiale Duque deve ratificarlo il prima possibile.

Per questo Francisco Maltese, direttore del CUT, uno dei portavoce della Commissione, sotto forma di sollecito, nelle ultime ore, ha indicato che i promotori delle manifestazioni sono in attesa di firmare il documento.

“Da lunedì 24 maggio è nell’ufficio del Presidente l’accordo di massima sulle garanzie per l’esercizio della protesta sociale in Colombia”Il dirigente sindacale all’Heraldo ha sottolineato e poi aggiunto: “Stiamo aspettando che il presidente della repubblica chieda la firma del documento”, ha aggiunto.

Dal canto suo, il Presidente non ha ancora accennato all’argomento del documento, in quanto visita le varie regioni dove è stato presentato il maggior numero di manifestazioni per il dialogo e le soluzioni.

Allo stesso modo, il leader sindacale ha fatto riferimento anche al messaggio diffuso dal consigliere presidenziale per la stabilità e l’unificazione, Emilio José Arcilla, nominato da lunedì 31 maggio nuovo capogruppo del tavolo delle trattative.

“Con l’arrivo del nuovo commissario Archila, che capiamo sarà anche il responsabile della negoziazione del documento di emergenza, crediamo e speriamo che questo processo venga accelerato, che si inizi a negoziare il documento di emergenza il prima possibile, che le sette commissioni e che tutti stiano studiando i punti del documento e che si possa raggiungere rapidamente un accordo, se c’è volontà politica da parte del governoha concluso il maltese.

Continuare a leggere: