Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Enel: Endesa registra milioni di acque italiane |  un lavoro

Enel: Endesa registra milioni di acque italiane | un lavoro

La più grande scommessa di Enel al di fuori della sua nativa Italia è essere galvanizzata, in ogni modo, dalla crisi energetica. L’eventuale acquisizione di Endesa da parte della società elettrica semipubblica, culminata quasi 15 anni fa – un decennio dopo la cessione delle azioni da parte dello Stato spagnolo – si è rivelata particolarmente vantaggiosa per gli interessi del Paese transalpino, che sta ricevendo un vero e proprio benvenuto – pioggia di milioni sul modulo degli utili…

Iscriviti per continuare a leggere

Leggi senza limiti

La più grande scommessa di Enel al di fuori della sua nativa Italia è essere galvanizzata, in ogni modo, dalla crisi energetica. L’eventuale acquisizione di Endesa da parte della società elettrica semipubblica, che ha raggiunto l’apice quasi 15 anni fa – un decennio dopo la cessione delle azioni da parte dello Stato spagnolo – si è rivelata particolarmente vantaggiosa per gli interessi del Paese transalpino, che riceve un reale – e molto gradito – sbarramento di milioni sul modulo dei guadagni.

Nel 2022, l’anno più duro della crisi energetica, con gas ed elettricità ai massimi storici, quasi un euro su tre guadagnati da Enel proveniva dal business in Spagna. Tale geografia ha contribuito al conto economico, infatti, quasi quanto l’Italia (3.239 milioni di euro di EBIT – Ebit – contro 3.251 milioni), e poco meno dell’intero continente americano (3.640 milioni). Il buon andamento di Endesa, che ha quadruplicato questa misura tra il 2021 e il 2022, porterà utili storici alla capogruppo: riceverà quasi 1.100 milioni nel 2023.

Per Enel, che detiene quasi un quarto del capitale sociale complessivo, torna utile questo tiro standard della controllata spagnola: dal 2014, quando il contesto di Endesa è cambiato completamente a causa del trasferimento del business latinoamericano alla capogruppo, società che Non l’ha fatto. Distribuire la maggior quantità di denaro agli azionisti. “Enel è molto soddisfatta dell’investimento che ha fatto ai suoi tempi, e noi siamo una parte molto importante per loro”, ammette l’amministratore delegato di Endesa, José Bogas, in una conversazione con un lavoro. Il colosso italiano, con una capitalizzazione di mercato di circa 60.000 milioni di euro e di cui il premier Georgia Meloni ha appena sostituito l’amministratore delegato, detiene oggi una quota di poco superiore al 70% nel capitale della seconda compagnia elettrica spagnola.

READ  La pizza costosa colpisce le tasche degli italiani, soprattutto perché ...

L’acquisto di Enel, ormai molto lontano, è stato costoso agli occhi di molti osservatori del settore. Ma – come sostiene la società stessa – l’attuale Endesa vale di più. Tutto, anche se spogliato del business latinoamericano lungo la strada, è stato trasferito alla casa madre quasi un decennio fa. In cifre l’italiana ha versato 40.000 milioni alla sua attuale controllata spagnola, che oggi ammonta a 21.500, ma a questo conto bisogna aggiungere il valore degli asset latinoamericani – poco più di 8.000 milioni – e i buoni profitti realizzati dal 2008: 30.800 milioni .

Ogni momento è buono per ricevere una pioggia di milioni di profitti, ma questo è particolarmente vero. Per diverse ragioni. Innanzitutto perché il suo business italiano è molto più limitato e, per definizione, più stabile e meno remunerativo: storicamente lo è stato Musica rock and roll Dai dati sul reddito arrivano dall’America Latina (Cile, Colombia, Perù, Brasile…), e in pochi si aspettavano che sarebbe stata Endesa ad aderire ora al partito. In secondo luogo, perché arriva in un momento di particolare preoccupazione per Enel, con un debito alle stelle, ben al di sopra della maggior parte dei suoi concorrenti europei – e anche – lontano dai suoi obiettivi. Questo, insieme all’aumento dei tassi di interesse, rappresenta un pesante fardello per ambiziosi piani di espansione.

«Dico sempre che a Enel non importa se Endesa paga o meno i dividendi», precisa Bogas. “Il 70% dei nostri guadagni rimane all’interno dell’involucro del gruppo e, indipendentemente dal fatto che siano distribuiti o meno, sono disponibili ai fini del bilancio, della riduzione del debito… Ecco perché quando le persone dicono che stanno ottenendo buoni guadagni, non lo fanno hanno in mente che possono ottenere risorse”. Ancora più potenti se Endesa non distribuisse gli utili tra i suoi azionisti”.

Le passività accumulate oggi sono il principale grattacapo per gli italiani. Nel tentativo di ridurla, ha appena avviato un’ambiziosa cessione di asset, che però interesserà solo in modo rapido Endesa, lanciando sul mercato il proprio portafoglio di gas all’ingrosso. Un’ulteriore prova del potenziale che vedono nella loro attività è in Spagna, dove investono circa 2.300 milioni all’anno, quattro volte di più rispetto a prima che Roma rilevasse definitivamente l’ex azienda elettrica pubblica spagnola. Tutto questo è evidente, a discapito di quanto potrà decidere il nuovo amministratore delegato di Enel, Flavio Catteneo.

READ  Arancha Algas: quarant'anni nell'abbigliamento per bambini

Al di là del trauma della guerra e dell’energia, l’eolico e, soprattutto, il solare, sono le due forze che daranno forma al futuro di Endesa nei prossimi anni. Con la sua ascesa, dice Bogas, la società è passata dall’operare “in un mercato molto maturo a operare in un mercato che, pur essendo ancora maturo, sta emergendo in molti asset: tutte le società del carbone e del nucleare dovrebbero essere chiuse, e lì consolidarsi e digitalizzare la rete.” … È molto interessante per noi. Ecco perché abbiamo cambiato il ritmo e investito molto di più.” Lo fa, però, con un grande ritardo rispetto ai suoi concorrenti più immediati, che sono parecchi avanti rispetto a loro in questa classe.

In considerazione del gran numero di progetti che hanno appena ricevuto una dichiarazione di impatto ambientale positiva, l’emergere dell’energia verde in Spagna nei prossimi anni è garantito. “Sono stati approvati più megawatt di quanti ne abbiamo installati in questo secolo: se tutti i progetti entreranno davvero in funzione nel 2025, avremo superato di cinque anni l’obiettivo fissato per il 2030 e i prezzi [de la electricidad] Affogheranno”, prevede riferendosi al macro panorama spagnolo. Non senza riserve: “L’anno scorso sono stati installati 5.000 megawatt rinnovabili e ora dobbiamo installare 15.000 megawatt all’anno… Abbiamo la capacità e la risorse tecniche e umane per farlo?”, si chiede. Retoricamente, “Ci sarà un grosso collo di bottiglia”.

E il capo di Endesa ha sollevato ulteriori dubbi sulla corsa all’idrogeno verde, alla quale partecipano praticamente tutte le aziende energetiche, ma alla quale la stessa azienda elettrica appare la più timida. “Tutti dicono che sarà una componente chiave del futuro energetico, e io ci credo…”, spiega Bogas. “Ha strade e promesse, ma al momento c’è una strada da percorrere, ma tecnicamente è ancora molto difficile da gestire e spostare. Preferiamo imparare, attraverso progetti pilota, per vedere fino a che punto può essere scalato”.

READ  Guerra Ucraina-Russia, live last minute | I media russi mostrano due prigionieri come americani che sono stati arrestati

Pujas, un “uccello raro” nella Striscia

Il boss dell’Endesa è diventato un uccello raro tra gli amministratori delegati della scena energetica spagnola, in polemica con il governo. In tono significativamente diverso, è anche l’unico che ha apertamente riconosciuto l’esistenza di meriti straordinari. “Quello che ho detto nella presentazione dei risultati, sottolineo, è che i buoni risultati del 2022 non sono arrivati ​​dall’energia elettrica, ma dal gas: i nostri cicli combinati sono più moderni ed efficienti, e in un anno di fortissima produzione, il la generazione è stata fenomenale, con un margine di 500 milioni di euro in più rispetto all’anno precedente”, sottolinea.

La seconda “strana circostanza” che ha sfasciato – in ogni modo – il conto economico è stato l’ingente volume di gas prodotto dai bassi consumi dell’industria spagnola, scossa dal blocco della produzione dovuto ai prezzi elevati. “Siamo rimasti in sospeso per una quantità enorme [de ese combustible]che siamo riusciti a vendere sul mercato all’ingrosso, che a quel tempo era molto alto e che ci ha dato altri 500 milioni ”, ammette il capo dell’azienda elettrica spagnola.

Sebbene Endesa – come il resto delle società energetiche – farà appello alla cap tax approvata dal Congresso, il suo amministratore delegato accoglie con favore il limite di 67 euro per megawattora (MWh) fissato dal governo lo scorso anno sulla generazione nucleare e rinnovabile. “Abbiamo realizzato 5.000 milioni di utili invece di 11.000, ma questa è una cosa che mi sembra giustissima. È stata una misura di mitigazione dell’impatto sul cliente finale: è stato un beneficio caduto dal cielo”, descrive un dichiarazione. “Quello che non condivido è che tassano il reddito all’1,2%”, si lamenta, riferendosi alla nuova imposta. C’è un consenso.

Segui tutte le informazioni per Economia E un lavoro In Facebook E Cinguettioo sul nostro sito web Il notiziario settimanale

Agenda di cinque giorni

Le date economiche più importanti della giornata, con chiavi e contesto per comprenderne la portata.

Ricevilo nella tua posta