Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Emilia viene dall'Italia e si rammarica che gli argentini vogliano immigrare

Emilia viene dall'Italia e si rammarica che gli argentini vogliano immigrare

All'età di 17 anni, Emilia Marinovic ha lasciato la sua nativa Italia e ha intrapreso un'avventura che l'ha portata nel cuore dell'Argentina. Venire Rio Cuarto il 25 agostoNell'ambito di un programma di scambio (AFS) e di ritornare nella sua città natale di San Stino in Italia il 23 gennaio.

Attualmente trascorre l'estate con la sua “famiglia adottiva” a Santa Rosa de Calamusita, che in questi giorni è piena di giovani.

“Per me è un peccato che i ragazzi che vogliono andarsene da qui, perché è un paese con un grande potenziale, anche se è stato emarginato negli ultimi anni. Adoro com'è l'Argentina, come si trattano tra loro, come si accolgono agli stranieri, lo stile di vita molto rilassato che hanno, mi piace moltissimo”, esordisce.

La sua esperienza in Argentina è segnata dall'unicità di una città dell'interno del Paese come Río Cuarto. “Per me la giornata qui è molto più lunga che in Italia. Sono come due giorni in uno, lo interrompono con il sonno. È tutto così tranquillo. Il primo giorno ho rischiato di morire perché abbiamo cenato alle 22, e in Italia Ceno alle 19. dice una giovane donna di un paesino di 12.000 abitanti del Veneto.

Emilia. Ha il sole della bandiera argentina tatuato sul braccio (Tomy Fragueiro/La Voz).

Amy, che trascorre i fine settimana con le sue amiche a Venezia, a pochi minuti dalla sua città, si meraviglia davanti a “La Movita” di Córdoba. Ciò che più lo stupisce è il modo in cui gli argentini “organizzano gli incontri al volo”.

“Mi sembra che i ragazzi della mia età vivano una vita più sana in Argentina, trascorrono più tempo di qualità insieme. Ho buoni amici in Italia, ma alla mia età penso che la gente lì beva troppo ed esce solo per andare.” Qui si incontrano amici, si condivide e si trascorre del tempo insieme, anche per un drink”, afferma Amy, che ha imparato a preparare e miscelare yerba biologica nella sua scuola italiana. Nel Rio Cuarto.

READ  Una stanza affascinante con scene del soggiorno di Manuel Carrasco durante il suo soggiorno in Italia
Sampachi

Forse perché i suoi genitori non erano originari dell'Italia, ma della Moldavia, Emilia ha sempre sognato di viaggiare e vedere posti nuovi. Nel suo Paese vive a San Stino, un paese di appena 12mila abitanti. Ha tre fratelli, Sofia, 15, Eva, 5 e Leo, 3. I suoi genitori possiedono un ristorante e gli mancano sia la sua famiglia che i suoi piatti tipici argentini. Ma è molto abituato alla carne e all'arrosto.

Distanze e politica

Per quanto riguarda l'istruzione, Emilia avverte che la domanda e il livello di istruzione in Italia sono elevati e talvolta a scuola si respira un “clima di paura”. “In Argentina c'è meno distanza tra studenti e insegnanti, il che ha i suoi lati positivi e negativi. Mi ha sorpreso che a scuola si parli molto di politica e che gli insegnanti esprimano le loro opinioni. Penso che sia positivo che i giovani capirlo presto, ma a una certa età penso che siano molto impressionabili, ” dice.

Dice che frequenta un liceo in Italia con indirizzo scientifico. Ha detto che nel suo Paese vanno a lezione anche il sabato, ma frequentano meno ore, il che gli sembra giusto, per non dedicare l'intera giornata alla scuola. Per quanto riguarda il suo futuro, sogna di viaggiare per il mondo e si immagina come criminologo.

Ha viaggiato per gran parte di Cordoba, gli piacciono molto i suoi paesaggi, il suo stile di vita e ha promesso di visitare la cascata e la Patagonia al suo ritorno. Ha vissuto l'ultimo processo elettorale in Argentina, ha seguito i dibattiti e si è assorbito.

Quarto quarto.  Festa con gli amici emiliani (courtesy).
Quarto quarto. Festa con gli amici emiliani (courtesy).

“Penso che la politica stia rovinando questo Paese. Mi dispiace molto che i giovani vogliano andarsene. È un bene che loro vogliano sapere tanto quanto me. Ma vivere in Europa non è così facile come pensano, e mi sembra che se restano, possono fare molto per migliorare l'Argentina”, insiste. E dice di avere il sole della bandiera argentina tatuato sul braccio sinistro, “uno del cuore”.

READ  Gli indici dell'Italia chiudono al rialzo; Investing.com Italia 40 3,39% da Investing.com

Amy è così felice e grata alla famiglia Rio Cuarto che ha dato rifugio a lei e agli amici che si è fatta. Dice che il rapporto padre-figlio in Argentina è vicino alla “comunicazione trasparente”.

Dice che tra i problemi quotidiani che più lo colpivano a Río Cuarto c'erano il numero di cani sciolti per strada e il traffico di motociclette, con tanto di famiglie, con bambini e senza casco. “Povertà, inflazione, paesi e insicurezza sono altre realtà che non si vedono in Italia. Non ci sono quartieri privati. L'insicurezza qui è così grave che non si può uscire a fare una passeggiata”, nota Amy.

Ma ciò che apprezza di più e gli fa dimenticare le sue preoccupazioni sono i legami che forma.

“Qui è davvero divertente come organizzano tutto all'ultimo minuto, perché è importante stare insieme, bere insieme, chiacchierare, fare cose semplici. Vorrei realizzarlo in Italia, ma non posso, perché, è brutto dirlo, ma siamo lì. Un po' più grandi, bisogna pianificare tutto. I ragazzi che ci sono qui sono più rilassati, più aperti,” dice.

Il rapporto con i migliori amici è “molto simile, perché siamo italiani e argentini”, aggiunge. Ma annota: «Una cosa che non abbiamo sono i 15esimi, qui abbiamo partiti per tutto. Sono andato alle lauree al Río Cuarto e mi sono piaciute molto. Ero lì il mio ultimo primo giorno di quinta elementare e mi hanno fatto anche una giacca promozionale. “Qui c’è un giorno per tutto e tutto si festeggia. Lo porto con me come un grande ricordo: dobbiamo festeggiare”, conclude Emilia.