Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Elizabeth Benavente, scrittrice spagnola e cara Netflix: ‘È un esercizio che mi ha fatto crescere’

Lo scrittore spagnolo durante un’intervista in Colombia (Foto: Zenda).

Nata nel 1984 in terra spagnola, Elizabeth Benavent ha iniziato a sentire il bisogno di scrivere fin da piccola. I suoi primi contatti con la scrittura sono nati dal non sentirsi completamente associato al suo ambiente. Inoltre, le sue letture gli hanno permesso di immaginare altri mondi, vivere un’altra vita e capire che la sua professione poteva trasformarla per dare agli altri ciò che tanto cercava: la fuga.

Benavent ha conseguito una laurea in comunicazione audiovisiva presso il Cardenal Herrera CEU di Valencia e un master in comunicazione e arti presso l’Università Complutense di Madrid. Ha pubblicato il suo primo libro nel 2013 e da allora non ha smesso di avere successo, sia in Spagna che all’estero.

I suoi libri l’hanno resa una delle autrici più vendute con più di una copia venduta negli ultimi 10 anni. Il suo lavoro è stato un successo in più di 10 paesi ed è seguita da vicino da Netflix. In effetti, la serie Valeria è una delle serie più seguite in America Latina e il produttore sta già flirtando con gli altri suoi titoli.

Il suo ultimo libro Tutte queste cose di cui vi parlerò domani, racconta la storia di Miranda, vicedirettore di una rivista di moda. Miranda è felice con Tristan. Questo è il motivo per cui non capisce che lui la lascerà e desidera che il tempo possa tornare indietro e tornare al momento in cui si sono incontrati, ma poi sorge la domanda, e se lei avesse davvero la possibilità di cambiare la sua storia?

READ  Científicos estudian vacuna contra todas las varianti del covid-19

[”Todas esas cosas que te diré mañana” puede adquirirse, como libro electrónico, en Bajalibros, clickeando acá.]

Cortesia: Penguin Random House.
Cortesia: Penguin Random House.

Qui la scrittrice presenta un volto diverso da quello che aveva mostrato nei suoi libri precedenti. Sperimenta molto di più con la struttura e dà importanza ai salti temporali. Predica il femminismo nei suoi personaggi, ma non si scopre. Il romanzo è divertente e questo è il suo obiettivo principale.

Benavent è stato in Colombia durante il mese di maggio e ha parlato con Infobae del suo viaggio e delle sue percezioni sull’attuale percorso dell’editoria.

19-07-2021 autore di libri
19-07-2021 Autore di “In Valeria’s Shoes” presenta la seconda stagione di “Valeria”: “A trent’anni ti trattano come un grembo con le gambe” (Europa Press).

Come sono stati i tuoi primi contatti da scrittrice?

Scrivo perché ho l’uso della ragione. In qualche modo, stiamo tutti cercando un modo per auto-firmarsi, per masticare e capire cosa ci circonda.

– Come si diventa lettori?

Il mio approccio alla lettura è venuto naturale perché sono cresciuto in una casa piena di libri, dove leggere era un’abitudine. Mia sorella è stata colei che in particolare mi ha instillato la passione per la letteratura e la curiosità per le storie nascoste sulla carta.

I primi romanzi sono sempre i più difficili. Come si è evoluto il tuo lavoro da quei primi libri?

Voglio pensare di essere cresciuto, di essere migliorato tecnicamente e di non inciampare sugli stessi sassi dell’inizio, ma non è compito mio spiegarlo.

Il modo in cui l’amore e il personaggio femminile sono trattati nei miei libri è cambiato, ma penso che sia una questione di anni in cui mi sto trasformando.

READ  Con COVID-82%, ricovero per malattie respiratorie pediatriche

I tuoi personaggi femminili offrono prospettive diverse sul ruolo delle donne in molte società. La letteratura è un modo per rivendicare l’esistenza del femminile nel mondo?

naturalmente. Qualsiasi disciplina artistica è un modo per rivendicare la presenza del femminile. La letteratura, indipendentemente dal genere di cui parliamo, è un megafono grazie al quale una donna può condividere il suo discorso e la sua verità.

Ti aspettavi l’accoglienza che i tuoi libri godono oggi in molti paesi?

Non lontano da esso. Ho sempre creduto, quando mi pubblico, che tutto sarebbe stato un’esperienza bella ma effimera. In qualche modo volevo solo togliere il dolore dal non provare.

Com’è andato tutto con la serie su Netflix?

Emozionante e complesso allo stesso tempo. Per l’autore lasciare che uno dei suoi personaggi cammini da solo è difficile, ma un esercizio che mi ha fatto crescere.

Oggi l’editoria sta lavorando sempre di più in modo istantaneo. Come si combatte la logica della novità eccessiva?

Non credo sia un problema nell’editoria, ma nel mondo di oggi in generale. Viviamo nella tirannia dell’autoritarismo in gran parte legato alla velocità con cui le informazioni vengono scambiate attraverso nuovi canali. Abbiamo dimenticato di coltivare la pazienza.

Cosa resta a un autore dal punto di vista tecnico dopo aver venduto molti libri? Qual è la sfida che segue quel desiderio?

Ho molte sfide e molti sogni da realizzare. Impara a scrivere sceneggiature, collaborare periodicamente a una pubblicazione e vedere i miei libri oltrepassare più confini… e, soprattutto, leggere e viaggiare un po’ di più ogni anno.

[”En los zapatos de Valeria” puede adquirirse, como libro electrónico, en Bajalibros, clickeando acá.]

READ  Medici e insegnanti mancano di formazione

Continuare a leggere: