Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“È un crimine trasformare cibo e acqua in strumenti di conflitto”: Presidente della Repubblica

“È un crimine trasformare cibo e acqua in strumenti di conflitto”: Presidente della Repubblica

Primo emendamento:

Secondo le Nazioni Unite, la Giornata mondiale dell’alimentazione è stata celebrata lunedì 16 ottobre 2023, in un contesto di popolazione in rapido aumento in situazioni di grave insicurezza alimentare e con guerre imminenti che peggiorano le prospettive.

Secondo un’analisi dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO), alla fine del 2022 c’erano 210 milioni di persone che soffrivano la fame estrema in 48 paesi. Nell'ottavo mese di quest'anno, questo numero è già salito a 238 milioni.

La situazione è più grave ad Haiti, nello Yemen e nel Sud Sudan, che hanno la più alta percentuale di popolazioni affamate. Il conflitto peggiora le cose, come ha espresso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione della quarantaduesima celebrazione della Giornata mondiale dell’alimentazione.

Il numero di persone che soffrono di grave insicurezza alimentare è aumentato di oltre il 10% dal 2022. ©Francia 24

Il Presidente italiano ha affermato da Roma, sede della FAO, “Trasformare il cibo e l’acqua in strumenti di conflitto (…) Il diritto al cibo e all’acqua è incluso in un più ampio diritto alla vita”.

Quest’anno, in particolare, la FAO ha evidenziato la difficile situazione dei 2,4 miliardi di persone che soffrono di scarsità idrica e dei 600 milioni di persone che dipendono da diete acquatiche e affrontano l’inquinamento, il degrado degli ecosistemi e gli impatti dei cambiamenti climatici.


L’invasione dell’Ucraina, secondo l’entità, sta alimentando la crisi, con le esportazioni globali di cereali in calo e i prezzi delle materie prime in aumento a livelli storici.

Il costo dei fertilizzanti in paesi come la Nigeria è raddoppiato dopo la guerra, e l’elevata inflazione colpisce gran parte della popolazione. Secondo la Banca Mondiale, l’inflazione alimentare oggi supera l’inflazione generale nel 78% di 163 paesi.

Gli esperti concordano sul fatto che, oltre ai conflitti, le condizioni meteorologiche estreme causate dai cambiamenti climatici sono stati uno dei principali fattori che hanno influenzato i prezzi dei prodotti alimentari.

La Giornata mondiale dell’alimentazione si celebra ogni anno il 16 ottobre per commemorare la fondazione dell’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura avvenuta in quel giorno nel 1945.

READ  Italia, il primo termometro per la caduta del malcontento