Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

È durato Milano.  Il primo SUV elettrico dell'Alfa Romeo…ha cambiato nome per un problema al formaggio

È durato Milano. Il primo SUV elettrico dell'Alfa Romeo…ha cambiato nome per un problema al formaggio

Una legge pensata per proteggere il formaggio italiano ha tolto il nome al primo SUV elettrico dell'Alfa Romeo

La prima vettura completamente elettrica dell'Alfa Romeo è stata circondata da polemiche da quando è stata annunciata ufficialmente pochi giorni fa. È passata meno di una settimana da quando l'Alfa Romeo Milano è stata presentata al pubblico. Un piccolo SUV elettrico dall'estetica sensazionale… non si chiama più Milano.

È tutto nuovo…Alfa Romeo Junior.

Che casino. In parte, ovviamente, si aspettavano che il brusio provenisse dall’interno del marchio Alfa Romeo. Non è da meno. L'Alfa Romeo, da sempre caratterizzata da una chiara vocazione sportiva, ha presentato la sua prima vettura puramente elettrica. A quel tempo si chiamava Alfa Romeo Milano.

La reazione dei fan vicini al brand è stata immediata. Per loro, il fatto che l’Alfa Romeo abbia già in gamma un’auto completamente elettrica è poco più che un tradimento. Potremmo pensare che sia una questione dei tempi in cui abbiamo vissuto, ma in più è un SUV urbano che ha reso gli appassionati dell'estetica molto cool.

Questo non è il mio alfa. L'Alfa Romeo è stata a lungo oggetto di critiche. Il marchio ha un chiaro settore sportivo ed è caratterizzato da design pericolosi e davvero unici che rendono chiaro a prima vista quale marchio avevamo di fronte.

Ma i numeri sono numeri e gli italiani hanno bisogno di reindirizzare i propri prodotti verso un gruppo più ampio di potenziali clienti. La Giulia sembrava ricordare le Alfa Romeo del passato (tra l'altro il ritorno alla trazione posteriore) ma qualcuno si era già stracciato di dosso con il suo primo Suv, l'Alfa Romeo Stelvio. Poi arriva l'Alfa Romeo Donnell, che raccoglierà i frutti Pessimi numeri.

READ  Programma confermato per l'Argentina nel VNL in Italia

Perdita di identità. Guillermo Garcia Alfonsin lo spiega bene in questo video di YouTube Citroën C6. Un marchio come l'Alfa Romeo DS. Ha lo scopo di affermarsi sul mercato Premio Vendere i propri prodotti al di sopra dei generalisti. E, senza dubbio, quella nicchia di mercato è stata da tempo ridotta quasi alla scomparsa.

Nel corso del tempo, il cliente ha attribuito più valore al marchio che al veicolo. Per questi tipi di marchi con piccoli volumi di vendita, i clienti hanno difficoltà a scegliere tra il trio tedesco Audi, BMW e Mercedes.

Ciò ha ridotto al minimo la redditività dei loro prodotti. Con meno soldi, devono condividere più componenti con altri modelli del loro gruppo (in questo caso di Stellandis) per evitare di perdere soldi. Senza quelle soluzioni tecniche e di design che li rendevano unici, il cliente ha meno motivi per acquistare, e tutto degenera in un circolo vizioso dove entrambe le aziende non smettono mai di perdere.

Siamo partiti con il piede sbagliato. Con questo panorama, l’Alfa Romeo si è assunta un compito difficile: rendere attraente la sua prima auto elettrica, un SUV urbano. Naturalmente, non sembra un compito facile per un’azienda che ha basato gran parte della sua storia sulle berline coupé. Comportamento e design diversi.

Inoltre, l’azienda italiana deve condividere una piattaforma con una manciata di auto per risparmiare sui costi. Alfa Romeo ha fatto una scelta per distinguersi Progettazione molto seria Più della Opel Mokka, della Peugeot 2008, della Jeep Avenger o della Fiat 600. Poco compatibile con la tradizione organica e le forme fluide generalmente preferite Alfisti E che lo amavamo Alfa Romeo Stradale. Ed è armato.

READ  Il team CAF ha vinto tre contratti di autobus in Danimarca, Italia e Catalogna

Poiché condivide molti punti critici con i modelli precedenti, alcune persone vedono qualcosa di nuovo Milano Junior Renault (il suo designer Alejandro Mesonero-Romanos ha lavorato per la casa francese fino al 2021) e la classica calandra triangolare centrale (dallo stemma della famiglia Visconti) decorata con una croce rossa (simbolo della città di Milano) e un serpente che ingoia un auto. Un rappresentante dell'aziendaA loro non piace.

“Non sono del Milan, sono più giovane”. Come ha dichiarato Chiquetete durante un evento con i bambini: “Non sono il re stregone, lo è Sono un cantante chiamato Chiquetete“, ci sorprende il comunicato stampa della Fiat in una email. “Il nome è Milano, giusto? “Allora Junior!” è quanto riferisce l'azienda italiana.

È stato spiegato nelle informazioni fornite dal marchio Il nome di Milano Si riferisce alle origini dell'azienda ed è stato scelto come omaggio (dai follower) e ora il brand ha fatto un nuovo passo verso l'elettrificazione. Come tornare a una sorta di apparenza. Ma a settimane dalla fine, il governo italiano ha assicurato al marchio che il nome non può essere utilizzato per motivi legali.

L'Alfa Romeo ha deciso di cambiare il nome del marchio in Junior, dicendo che può essere sicura nell'utilizzare il nome. Già utilizzato negli anni '60 Nelle auto dall'assetto più giovanile.

DNA italiano. Sebbene l’Alfa Romeo abbia sempre pubblicizzato il suo marchio italiano come un acquisto di valore, la verità è che l’Alfa Romeo Jr. è (ora) prodotta in Polonia. Il governo ha chiarito all'azienda che non può usare un nome confuso per un prodotto che non è realizzato in Italia, e farà capire al cliente che è stato realizzato all'interno dei suoi confini.

READ  Uno dei capi della mafia calabrese è stato arrestato in una chiesa in Italia

Questa legge è nata ai suoi tempi La sicurezza nazionale dell’Italia Verso il loro grana patano. Impedire alle aziende di altri paesi di utilizzare il nome del paese o riferimenti alle sue città per riferirsi a un prodotto fabbricato al di fuori dei loro confini e, quindi, non rispettando le norme sulle denominazioni di origine. Regolamento.

Non la prima volta. Generalmente questa legge viene utilizzata per impedire la vendita di beni esteri all'interno dei confini italiani, creando confusione sulla loro vera origine, ma sono stati presi provvedimenti anche contro beni prodotti o trasferiti e distribuiti fuori dai suoi confini. Questo, ad esempio, Sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea Contro una società francese agli inizi degli anni 2000.

In questo scenario, l’Alfa Romeo potrebbe vendere il suo SUV elettrico fuori dall’Italia con il nome Milano e scegliere la Junior esclusivamente all’interno dei suoi confini. Tuttavia, ciò richiede uno sforzo aziendale Probabilmente non ne vale la pena Inoltre, si prevede che l’Italia sarà il luogo più venduto per le auto elettriche Alfa Romeo.

Immagine | Alfa Romeo e Wikimedia

A Xataka | Chi ha detto che i membri della famiglia non sono sportivi? L'Alfa Romeo raggiunse la velocità massima di 140 km/h 110 anni fa