Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Donald Trump, il candidato inossidabile | Opinione

Il elezioni di medio termine Che si è svolto lo scorso martedì 8 novembre alle h stato unito Per prima cosa hanno indicato che il governo Joe Bidencon tutti i suoi limiti e difetti, è ancora in piedi È preferito dai cittadini Di fronte all’atteso e temuto sbarramento di voti repubblicani che alla fine non si è concretizzato.

comunque L’opposizione ha vinto la maggioranza dei seggi alla Camera dei RappresentantiE il Tra democratici e repubblicani c’era una correlazione di fatto tra le provinceL’attuale amministrazione è riuscita a mantenere il consiglio strategico degli anziani. Non male per un governo che molti analisti immaginavano sarebbe stato sconfitto di fronte a una potente opposizione pronta a tornare a dominare dal gennaio 2025.

Oltre ai risultati generali dei combattimenti tra le due parti, c’era un’altra compulsa incentrata esattamente sul numero Donald Trump E soprattutto nelle sue ambizioni di tornare presidente.

Come segno della sua forza, Trump ha creato il “Trumpismo”la sua linea politica che sgorga da destra il Partito Repubblicanoinsieme a gruppi e organizzazioni che si riuniscono all’estero che si nutrono di ideologie, opinioni e credenze basate su ultranazionalismoIl Eccellenzateorie del complotto e retorica anti-establishment Esacerbazione del culto della violenza.

La strategia dell’ex presidente nelle ultime elezioni è stata quella di sostenere una serie di candidati indicati direttamente con il suo nome e la sua personalità. Sebbene non sia ancora chiaro il numero di consensi ricevuti, era evidente che c’erano una ventina di candidati importanti interessati a diventare rappresentanti, senatori e governatori di vari stati.

Insieme ad alcuni dei politici più esperti nelle fila del partito, è emerso un mondo di candidati che, come lo stesso Trump, hanno esaurito la tradizionale classe politica e Accoppiare l’editoria multimediale con il mondo degli affari e risorse multimilionarie.

READ  Cosa succederà alle classi nelle scuole

In questo modo, il medico televisivo Mehmet Oz, l’investitore di rischio Blake Masters, l’imprenditore e scrittore JD Vance, il generale di brigata in pensione Don Bolduc, l’ex star della NFL Herschel Walker, la giornalista e conduttrice della Fox News Carrie Lake, tra molti altri. , che ha dato vita a un gruppo politico “ringiovanente”, che ha coinciso con politici professionisti sponsorizzati anche da Trump.

Non tutti i politici repubblicani hanno abbracciato l’ideologia trumpiana, nonostante questa abbia macchiato fortemente il palco del partito, influenzando la retorica dei candidati più distanti dalla personalità dell’ex presidente.

Pertanto, a prescindere dagli ovvi dettagli, le dichiarazioni dei candidati “Trump” erano coerenti in termini di assoluta fedeltà al loro leader, Mancato riconoscimento della vittoria di Biden nelle recenti elezioni presidenziali (“negazione”)e dure critiche alla situazione economica del Paese, dichiarazioni contro l’aborto ei diritti di genere e difesa della deportazione come unica soluzione all’immigrazione clandestina.

Allo stesso modo, hanno annunciato idee cospirative sulla “Grande sostituzione”, proponendo di sostituire le popolazioni di discendenza bianca ed eurocristiana con gruppi di diversa origine etnica, e di vietare la dettatura nelle scuole pubbliche per la “teoria critica della raza”. , che le comunità nere hanno difeso nella loro lotta contro il razzismo.

Nonostante tutti gli aspetti negativi, i settori allineati con Trump hanno un altro elemento che li distingue dal resto della classe politica. In generale, si oppongono a continuare a fornire assistenza economica all’Ucraina nel suo confronto con la Russia e, in alcuni casi, chiedono la fine del confronto prima che inizi finalmente la Terza Guerra Mondiale, che ovviamente ha conseguenze disastrose per tutti. pianeta.

READ  I talebani hanno imposto nuove regole e separeranno i parchi della capitale afgana per genere

La sua posizione sul conflitto non risponde né a impulsi progressisti né contro la guerra, per non parlare di una risposta umanitaria. Sono contrari solo al fatto che siano i contribuenti a finire per finanziare una guerra che, in fondo, è loro estranea, e ancor di più nel contesto economico che vivono oggi gli Stati Uniti, con livelli di inflazione negli ultimi decenni.

Pertanto, la posizione di questo gruppo di repubblicani contrasta con la posizione dei democratici (anche con la loro nota sinistra, rappresentata da figure come Bernie Sanders anche Alexandra Ocasio-Cortez), e che sono molto critici nei confronti del governo Trump, hanno disciplinatamente rispettato ogni votazione parlamentare in cui è stata approvata la decisione di inviare milioni di dollari per la guerra.

Ma dopo tutte le previsioni risultanti, Trump era ben lungi dal diventare il “grande vincitore” delle elezioni Intermedio: quasi la metà dei suoi candidati è riuscita ad avere successo nelle posizioni per le quali si era candidata. Tuttavia, questo non ha impedito all’ex presidente di annunciare la sua intenzione di ricandidarsi per un nuovo mandato presidenziale.

Per Trump ci sono molte ragioni per lottare per una nuova candidatura: da un lato confrontarsi e vincere contro il presidente Biden, che a suo avviso ha rubato le precedenti elezioni. D’altra parte, e all’interno del Partito Repubblicano, una clamorosa vittoria per Ron De Santis essere rieletto Governatore della Florida E il consolidamento del suo progetto presidenziale ha indubbiamente accelerato il regno di Trump, indicando anche la presenza di un concorrente che potrebbe metterlo in secondo piano nei prossimi mesi.

READ  Il laboratorio ha affermato che i vaccini che Moderna ha spedito in Giappone contenevano "particelle d'acciaio".