Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ciò che il governo argentino ha ottenuto nella distribuzione del potere, delle posizioni e del budget nella Banca islamica di sviluppo

Ilan Goldfein, ex presidente della Banca centrale del Brasile e direttore della regione dell’emisfero occidentale presso il Fondo monetario internazionale, è stato eletto oggi a capo della Banca islamica di sviluppo. Nella foto, un incontro con Cecilia Todesca

Segretario per le relazioni economiche internazionali ed ex vice capo di gabinetto argentino, Cecilia Todesca BuccooOggi ha incontrato il presidente eletto della Banca interamericana di sviluppo brasiliana (IDB). Ilan GolfinoL’attuale Direttore del Dipartimento dell’Emisfero Occidentale del Fondo Monetario Internazionale, dove si è congratulato con lui e gli ha augurato una buona gestione.

La Goldfajn ha vinto tra le quattro finaliste, in quanto il governo argentino ha ritirato all’ultimo momento la candidatura di Todesca Bocco, nella quale giocava la “carta del sesso”, e ha sostenuto la candidata brasiliana, che ha così prevalso senza problemi sulle altre contendenti. : Cile Nicola IsaguerreMessicano Gerardo Esquivel S Gerardo JohnsonDa Trinidad e Tobago.

Nell’incontro con Golfine, Todesca Poco ha confermato che l’Argentina guiderà il vicepresidente per i settori e la conoscenza, oltre a Infrastrutture, gestione dell’energia e il nuovo Istituto per il genere e l’uguaglianza, che ha confermato sarà uno dei nuovi dipartimenti. Hub IDB È stata una delle “questioni strategiche” introdotte dall’Argentina quando originariamente nominata da una donna, per la posizione più alta nell’IDB.

La Banca islamica di sviluppo è la principale fonte di finanziamento per lo sviluppo dell’America Latina e dei Caraibi attraverso prestiti, sovvenzioni e assistenza tecnica. Inoltre, produce studi e ricerche sull’inclusione sociale, l’uguaglianza, la produttività, l’innovazione e l’integrazione economica in America Latina e nei Caraibi.

Per quanto riguarda l’essenza della distribuzione, hanno indicato dall’ambasciata argentina negli Stati Uniti che il paese “parteciperà alla gestione della nuova Banca islamica di sviluppo con due posizioni principali che gestiscono il 40% del budget”.

Cecilia Todesca, la candidata argentina la cui candidatura il governo ha ritirato in extremis
Cecilia Todesca, la candidata argentina la cui candidatura il governo ha ritirato in extremis

“Siamo sempre alla ricerca di consenso. E hanno detto da Washington, sede dell’agenzia di credito, che la regione dovrebbe lavorare insieme, le sfide e le opportunità sono condivise, e abbiamo anche concordato un’agenda di lavoro con prospettive e questioni che sembrano strategiche per noi.” “Questo è un buon accordo per il Paese”, hanno concluso.

Todesca aveva un punto debole originale: secondo i dati del sito web dell’IDB, i crediti correnti verso l’Argentina ammontano a 12.686 milioni di dollari, rendendo il paese, di gran lunga, il maggior debitore dell’organizzazione.

La strategia del Gruppo IsDB con l’Argentina 2021-2023 è incentrata su quattro pilastri strategici: 1) Riduzione della povertà e protezione sociale per i gruppi più vulnerabili. 2) ripresa economica e sviluppo della produttività 4.0; 3) stabilità macroeconomica ed efficacia delle politiche pubbliche; 4) La trasformazione digitale come asse trasversale di sviluppo. Ogni tema include anche un approccio alla diversità e al genere; e sostenibilità ambientale”, nota la pagina della banca, che ha guidato il Nord America fino al suo licenziamento lo scorso settembre Maurizio Claver Carone.

READ  Soldati russi hanno violentato uomini e ragazzi in Ucraina

In effetti, Claver-Carone, che è stato recentemente licenziato dopo che un’indagine ha concluso che aveva violato i codici etici della fondazione, ha descritto il governo come Alberto Fernández Da “Banda dei tre amici”. L’ex funzionario ha affermato negli incontri avuti con lui in qualità di capo della Banca Islamica di Sviluppo, che la preoccupazione del presidente argentino “è sempre stata quella di come trovare lavoro per poter Gustavo BelizeClaver-Caroni ha inoltre avvertito del pericolo che la Banca Islamica di Sviluppo si trasformi in una “Banca Cilac”, dal Gruppo degli Stati dell’America Latina e dei Caraibi, fondato nel 2010, quando era ancora in vita l’allora presidente venezuelano, Hugo Chavez. La CELAC è composta da 32 paesi, una sorta di “Organizzazione degli Stati americani senza gli Stati Uniti” (che a sua volta include Cuba), guardata con sospetto da Washington.

Nelle precedenti elezioni, Alberto Fernandez ha nominato il suo ex segretario per gli affari strategici, Gustavo Peliz
Nelle precedenti elezioni, Alberto Fernandez ha nominato il suo ex segretario per gli affari strategici, Gustavo Peliz

La forza di calcolo dell’IDB è abbastanza rivelatrice. Stati Uniti, Brasile e Unione Europea da soli rappresentano il 51% dei voti del Consiglio. Gli Stati Uniti hanno il 30%, seguiti da Argentina e Brasile con l’11% ciascuno, Unione Europea (10%) e Messico (7%), Giappone (5%) e Venezuela e Canada (4% ciascuno).

L’enumerazione sembra strana perché include un blocco (l’Unione Europea) e un paese (il Giappone) al di fuori dei panamericani. Ciò è dovuto al fatto che la Banca islamica per lo sviluppo, che comprende originariamente la maggioranza dei paesi in via di sviluppo come membri, ha cercato di espandere la propria base di capitale aggiungendo partner al di fuori della regione con interessi nella regione, che apportano capitale a condizione che avere una voce nella regione. agenda dell’organismo. Da qui la presenza di 16 paesi europei, 3 paesi asiatici (Cina, Giappone e Corea del Sud) e Israele. Dei 48 membri dell’organizzazione, 26 sono “mutuatari” (cioè destinatari di crediti, come l’Argentina) e 22 sono “prestatori”.

READ  Bolivia, Croazia Macri

Notevole anche la relativa pesantezza di questi paesi: l’Argentina è alla pari con il Brasile e sopra il Messico, membri extraregionali come l’Unione Europea e il Giappone, così come con il Venezuela e il Canada. Ancora una volta, la spiegazione è storica: l’IDB è stato creato nel 1959, nel bel mezzo della Guerra Fredda, come la parte “evolutiva” del “sistema americano”, il cui vertice dell’OSA, creato nel 1947, rappresentava l’anno. Dopo la fine della seconda guerra mondiale. Nel 1959, l’economia argentina era, infatti, grande o più grande dell’economia brasiliana, e l’economia venezuelana eguagliava quella canadese.

Il governo di Alberto Fernandez non è riuscito, come avrebbe voluto, a mettere Todesca alla presidenza, ma ha gestito posti in aree, come indicato dall’ambasciata a Washington, spendendo il 40% del budget dell’organizzazione.

Continuare a leggere: