Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Disaccordi da parte di un’opposizione sbalordita

Disaccordi da parte di un’opposizione sbalordita

Non pochi politici immaginavano il peronismo kirchneriano fuori dal ballottaggio Quindi, al di fuori di ogni potere. La battaglia finale avrebbe coinvolto solo Insieme per il Cambiamento e i libertari di La Libertad Avanza, come molti di loro presumevano. Né i cambiumisti né i liberali hanno ancora finito di digerire la sorpresa di domenica scorsa, che li ha seppelliti sotto la guida di Sergio Massa., il candidato peronista di Kirchner. Nuove discussioni puntano al periodo in cui Massa rimase un politico kirchneriano prima di affermarsi come nuovo capo del peronismo a titolo definitivo. È una discussione prematura perché potrebbe avvenire più tardi; Il dibattito ora, almeno in Together for Change, è cosa farà questa coalizione di fronte al ballottaggio. Tra poco più di venti giorni. IL solitudine La formazione della coalizione che ha governato tra il 2015 e il 2019 è essenziale, al di là della valutazione che ciascuno dei suoi leader merita, perché è lui che si troverà nelle migliori condizioni per guidare la coalizione. Garantire la governance parlamentare Sia Massa che Javier MileySono gli unici due candidati che affronteranno la finale il 19 novembre. Un Congresso diviso spiega meglio di ogni altra cosa le mediocri elezioni svoltesi domenica scorsa dai tre candidati presidenziali. Massa ha ottenuto un punteggio di qualche decimo inferiore a quello di Daniel Cioli nel primo turno delle elezioni presidenziali del 2015, che prevedevano la sconfitta dell’ex governatore di Buenos Aires da parte di Mauricio Macri nel successivo ballottaggio.. Tuttavia, i risultati che otto anni fa significarono un disastro per il peronismo sono ora diventati una vittoria virtuale per l’attuale ministro dell’Economia. Perché? Perché gli altri due, Miley e Patricia Bullrich hanno ottenuto numeri molto peggiori, perché il laperonismo si è neutralizzato con la propria divisione.. Dividere l’opposizione è stata una strategia perfettamente ideata da Massa, ma questo è il suo merito come politico, non la sua colpa. La colpa è dell’opposizione, che si è lasciata trascinare dalla strategia del partito al governo.. In Together for Change non c’era nemmeno opposizione su cosa dovrebbe fare il futuro governo di questa coalizione; L’infinita e aspra guerra civile tra i campiomisti indicava solo la leadership personale e chi avrebbe vinto la nomina presidenziale. Camminarono sicuri su un terreno accidentato.

È comune nelle ultime ore sentire Critiche a Macri per non aver portato la pace interna Dentro Insieme per il cambiamento. Ma importanti rappresentanti della coalizione hanno confermato che l’ex presidente ha tentato più volte di convincere Bullrich e Rodriguez Larreta a declassare una di quelle candidature presidenziali, soprattutto dopo che Miley ha chiaramente dimostrato di non avere concorrenza interna e Massa ha annunciato la sua partenza. Affronterà Juan Grabois da solo; Questa era un’altra strategia ufficiale per mantenere i voti della sinistra peronista. Le diverse varianti presentate da Macri sono state respinte. “Non potevo fare nulla, era impossibile”.Affermano di averlo sentito dire più volte. Allo stesso modo, ha proposto che ci sia un candidato a governatore all’interno dell’organizzazione Insieme per il Cambiamento della Provincia di Buenos Aires, invece delle nomine dei due presidenti precedenti. Nestor Grintiti e Diego Santilli. Anche questa proposta è stata respinta. A rigor di termini, Rodríguez Larreta ha promosso una lotta tutto o niente contro Macri da quando ha lasciato il Palazzo del Governo. Ha commesso un grave errore politico quando ha mostrato la ghigliottina prima di averla in mano e ha dichiarato la morte politica di qualcuno che non era ancora morto. I leader con esperienza nella vita pubblica di solito commettono tali crimini politici – ovviamente – nell’ombra della notte, senza annunciare nulla, senza mostrare nulla. I seguaci di Rodriguez Larreta, e non lui stesso, sono arrivati ​​al punto ridicolo di dare lezioni pubbliche sulla figura allegorica del “parricidio” di Freud, che spiega la teoria del famoso psicanalista sulla necessità di separare la psiche dai genitori. E ricordate, è stato Macri a costruire la reputazione politica di Rodriguez Larreta. Era il “padre”. Sono riusciti a convincere McCree a mettere immediatamente in azione il suo istinto di sopravvivenza. Un altro tentativo dell’ex presidente consisteva in María Eugenia Vidal si propone come unica candidata della coalizione a capo del governo metropolitano davanti a suo cugino Jorge. Ma questa volta è stata Vidal a rifiutarsi di accettare, con l’idea di tentare prima la fortuna come candidata alla presidenza della nazione. Poco dopo si ritirò da questa prenomina, ma la candidatura di Jorge Macri nella capitale era già avviata. Alla fine ha ottenuto il lavoro martedì quando era il candidato di Kirchner Leandro Santoro Ha rinunciato a competere al ballottaggio con il cugino dell’ex presidente, che è così diventato governatore numero dieci dell’organizzazione Together for Change.

READ  “Gli stranieri amano l'Italia e Venere è un cult” - Economia

Vale la pena tornare alla discussione sul futuro di quell’alleanza che riunisce l’unione radicale e pro-civile e la coalizione civile. Sarebbe ingenuo non saperlo Questa alleanza, un tempo di successo, è ora a un passo dalla disintegrazione.. Gerardo Morales e Macri non sono mai andati d’accordoSebbene spesso nascondano le loro differenze; Sono sempre stati guidati da una visione completamente diversa della politica e delle relazioni politiche. Morales è il presidente dell’estremismo, ma il suo mandato scadrà il prossimo dicembre. Il governatore Gogoi sta cercando di lasciare il segno nella leadership del partito e nelle amicizie politiche degli estremisti. Ma molti estremisti lo temono Un movimento guidato dagli abitanti di Buenos Aires Emiliano Iacobetti e Martin Lusto sta cercando di prendere il controllo della partita del centenario di fine anno. Morales, Lusto e Yacopetti sono tutti vecchi amici di Massa. Morales ha addirittura formato un’alleanza regionale a Jujuy con il candidato peronista in carica. Possono aggiungersi al vecchio Linea progressiva Per estremismo, al quale è stato fatto riferimento Raul Alfonsin, le cui attuali famiglie appartengono alla famiglia Storrani, più vicina a Massa. Ma gli estremisti di Mendoza e gran parte della popolazione di Cordoba e Corrientes sono un’altra cosa, e ciascuno ha il suo peso nel partito mondiale. È vero che sarà molto difficile per qualsiasi politico dell’opposizione sostenere la candidatura presidenziale di Massa, che al ministero dell’Economia ha fatto tutte le cose che Insieme per il Cambiamento aveva giurato di non fare mai. Anche il gruppo estremista di Morales, Lustow e Yacopetti è in contrasto con Macri, che è stato un critico costante di Massa, dopo che quest’ultimo lo ha deluso come presidente. E altri fatti nascosti nel profondo della storia. Macri ha proposto in Together for Change, quando il personaggio di Miley ha cominciato a emergere come una minaccia elettorale per la coalizione, che si tenesse un’importante elezione interna dell’opposizione, che includesse i liberali, ma l’idea è stata categoricamente respinta da Morales, Lustow e Iacopetti. E Elisa Carrillo. Hanno sottolineato che la partecipazione di Miley a quelle elezioni interne li costringerebbe a rispettare la sua candidatura se vincesse la corsa. Hanno poi sottolineato che non sono in grado di rafforzare questa disciplina. In effetti, la Carrillo è nemica di Massa tanto quanto lo è di Miley, ed è stata la prima a ordinare all’interno del suo partito, la Coalizione Civica, di permettere ai membri di decidere secondo la coscienza di ciascuno. Macri, dal canto suo, crede di dare spiegazioni a molti sostenitori professionisti quando propone di aiutare Miley nella fase finale del processo elettorale.. È anche vero che molti elettori di Together for Change non voterebbero mai per una figura stravagante e imprevedibile come Miley. Da notare che Macri conferma di preferire prestare attenzione all’unità di “Insieme per il Cambiamento”. Sarà per ora, solo per ora?

READ  La bizzarra moneta italiana da 50 centesimi si vende al prezzo dell'oro, chi è il cavaliere del design?

Macri sa che se il Congresso dovesse pendere a favore di Massa, anche il rapporto di potere nel Consiglio della magistratura, l’organo che nomina e revoca i giudici, potrebbe cambiare. Gli Steward Justices hanno inviato la seguente comunicazione all’ex Presidente: È probabile che un terzo della magistratura rimanga vacante nei prossimi quattro anni, posti vacanti che Massa potrebbe ricoprire se assumesse la maggioranza del potere al Congresso e al Consiglio della magistratura.. Solo Insieme per il Cambiamento, pur con le sue naturali differenze, sarà in grado di fermare tali progressi nel settore giudiziario.. Il ministro dell’Economia e candidato alla presidenza Massa dovrà dimostrare nell’esercizio del capo dello Stato, se toccherà a lui assumersi la responsabilità, le promesse di domenica sera, quando ha convocato gli estremisti che partecipano con lui, ha detto. “Rispetto dell’istruzione pubblica, della divisione dei poteri, dei valori democratici e delle istituzioni”. Come annunciato ufficialmente Morte di crepacuore Tra kirchneriani e antikirchneristi. Se le cose andranno in questo modo, e se lui vincerà il ballottaggio del 19 novembre, allora anche il kirchnerismo, e anche il peronismo come lo conosciamo, saranno morti..

In ogni caso, i principali leader di Insieme per il Cambiamento (compreso lo stesso Macri e non pochi estremisti, come il Movimento di Cordoba) Mario Negri) Erano propensi a darli questo martedì Libertà per i suoi sostenitori Quindi possono votare per chi vogliono. Va detto: se lo avessero fatto, avrebbero solo ufficializzato ciò che sarebbe accaduto sul campo. I cittadini non aspettano più che il leader dica loro come votare; Nel mondo di oggi, ogni elettore esprime un voto dettato dalla sua coscienza o dalle sue convinzioni. “Non ci hanno votato per metterci al ballottaggio tra candidati di altre aree politiche”, ha avvertito Negri, esprimendo la sua preoccupazione soprattutto per l’unità di “Insieme per il Cambiamento”. Con la lunga esperienza parlamentare, che si concluderà ingiustamente il 10 dicembre, anche se non vi sono indicazioni che possa essere una fine definitiva, Negri è preoccupato soprattutto per il possibile tracollo di Together for Change.. Negri fu a capo del blocco interno di Cambiumita e convisse per diversi anni con Massa come presidente della Camera dei Deputati. lo conosci; Sa con chi avranno a che fare. “Dobbiamo prenderci cura gli uni degli altri”, ha consigliato Negri ai leader di Together for Change, aggiungendo: “La libertà con cui ci esprimiamo non può generare una concorrenza tossica tra i leader della coalizione”.

READ  Blue Euro oggi: prezzo minuto per minuto mercoledì 21 dicembre

Questo consiglio è particolarmente opportuno in vista di un Congresso diviso che si profila all’orizzonte. Il peronismo avrà bisogno di almeno 21 deputati per raggiungere il parlamento Quorum Da sola, Miley avrà bisogno di 92 parlamentari per ottenere la maggioranza. Questo è quello che Felipe Gonzalez ha descritto come “un parlamento all’italiana ma senza italiani a governare”. Il Parlamento di Roma, infatti, è sempre diviso in tanti pezzi politici. Ma qual è la differenza tra governare con gli italiani o senza gli italiani? Gonzalez ha osservato che alcuni paesi (il suo, la Spagna e forse l’Argentina) hanno un senso tragico dell’esistenza, mentre in Italia prevale una “passione Lampedusi” per la vita. Si tratta di un riferimento a Giuseppe Tomasi di Lampedusa, autore del libro Tigre Chi ha inventato la formula che afferma questo Tutto deve cambiare affinché nessuno cambi. Vale la pena chiarire che cambiare tutto qui e ora non significa in futuro la disintegrazione della principale forza di opposizione nel parlamento argentino. Potrebbe significare esattamente il contrario.

Scopri di più sul Progetto Trust