Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dietro le quinte di 2×1: come sono state concepite le decisioni più oltraggiose della Corte Suprema |  Sospetti di trattative tra Mauricio Macri e cortigiani

Dietro le quinte di 2×1: come sono state concepite le decisioni più oltraggiose della Corte Suprema | Sospetti di trattative tra Mauricio Macri e cortigiani

UN Dichiarazione davanti alla commissione di licenziamento iniziato B Sollevare il velo nella modalità di impostazione della regola 2×1 Di cui ha beneficiato il repressore Luis Menia, uno dei carnefici che ha lavorato nell’ospedale di Alejandro Posadas durante l’ultima dittatura. Per i deputati del Todos Front il verdetto – che ha portato alla più grande manifestazione popolare degli ultimi anni – è stato chiaramente un successo Sponsorizzato da Carlos Rosencrantz, che era la Corte Suprema più allineata con il governo di Mauricio Macri E direttamente L’amico dell’operatore, Fabian “Peppin” Simon RodriguezCome confermato da uno dei segretari legali che lavorano nel suo ufficio.

Federico Morgenstern È il segretario legale che si occupa dei casi penali nell’ufficio di Rosenkrantz. «L’unico criminale», ha ripetuto più volte l’avvocato comparso martedì scorso davanti alla commissione che valuta se il suo capo e altri tre capi debbano sottoporsi all’iter di licenziamento – tra l’altro, per firmare la sentenza 2 x 1 -.

È entrato in Corte Suprema il 22 agosto 2016, lo stesso giorno in cui Rosencrantz è arrivato al quarto piano del Palazzo Talcahuano ed è stato sorpreso dalla richiesta di pubblicare un elenco del suo personale con l’università presso il Centro per le informazioni giudiziarie (CIJ) . Il paese in cui è stato addestrato. Morgenstern ha trascorso molto tempo nella Camera Federale di Buenos Aires per mano di Martin Eurozona, famoso per la “Dottrina” che permetteva di incarcerare i funzionari della Kirchner senza condanna definitiva. Prima di dedicarsi alla giurisprudenza, Morgenstern ha trascorso un breve periodo all’Università delle Madri, dove voleva studiare giornalismo.

Esattamente un anno prima di andare in tribunale, Morgenstern ha depositato la sua “Truffa della decisione contestata” – presentata da Rosenkrantz – in Il bar di via Montevideol’ente privato di raccolta degli studi giuridici della città che è sempre stato Allineati con le affermazioni di coloro che contestano i processi per crimini contro l’umanità. Il San Collegio di Montevideo è anche quello che ha spinto la sentenza che si è conclusa con l’incoronazione di Horacio Rosatti a Presidente del Consiglio Giudiziario.

In un articolo pubblicato nel maggio 2017, pochi giorni dopo la firma del verdetto di Minya, Martin Granowski aveva già accennato a questo giornale che era stato Morgenstern a introdurre la decisione. La sua comparizione davanti al Comitato per il governo politico si è conclusa con la sua conferma.

READ  I senatori degli Stati Uniti chiedono a Joe Biden di aumentare la pressione sulla dittatura di Daniel Ortega

2 per 1 all’interno

Anche se non è stato escluso da Scaramucce dovute al dialetto di Kanshiro e persino ai resti del segretario legaleTuttavia, la dichiarazione di Morgenstern è stata importante, poiché è stata valutata sul fronte Todos. Come lui stesso ha affermato, Ha iniziato a interessarsi alle proposte degli oppressori un mese dopo essere approdato in tribunale.

Fu l’allora segretario penale, Esteban Canevare, a fornirgli un elenco di casi di genocidio per i quali si chiedeva l’applicazione della legge n. 24390. La norma è stata approvata nel 1994 per far fronte al sovraffollamento carcerario che esisteva all’epoca e ciò che ha fatto è stato iniziare a contare due volte i giorni di carcere se il detenuto ha superato la pena di due anni senza avere una condanna definitiva.

Morgenstern ha trascorso gran parte di dicembre 2016 e tutto gennaio 2017 a lavorare sulla questione, il che mostra l’interesse che lui e il suo capo hanno nell’approfondire una questione spinosa.. Quando la mostra finì, presentò a Rosenkrantz un rapporto in cui analizzava anche la linea che stavano prendendo altri membri della Corte Suprema. “Quando riferisco al dottor Rosenkrantz, parte del mio rapporto riguarda come i suoi colleghi hanno votato in passato e perché alla fine andare in una direzione o nell’altra può o meno significare una rottura nella coerenza della sua giurisprudenza.Morgenstern ha raccontato prima di consultare il deputato Vanessa Seely che glielo ha chiesto.

Dopo questo rapporto, Il segretario legale è andato a cercare i voti. L’ha preso dall’ufficio di Elena Highton de Nolasco y de Rosatti. Non c’erano motivi per nessuno dei giuristi per sostenere le affermazioni dei Qaim. Hayton è entrato a far parte della più alta corte durante il governo di Nestor Kirchner e, come tale, è andato alla solita domanda che l’allora presidente poneva a tutti i candidati: pensava che le leggi che impedivano alle vittime di genocidio di essere perseguite fossero incostituzionali? Il giudice ha detto di sì e ha votato su quella base. Rosati, dal canto suo, è stato ministro della Giustizia di Kirchner quando si è conclusa la battaglia sull’incostituzionalità di quelle norme che hanno finito per consentire la riapertura dei processi ai criminali dell’ultima dittatura.

READ  Un uomo ha invitato una donna a cena, le ha chiesto "cosa siamo" e ha preso una decisione insolita dopo la risposta inaspettata

Morgenstern si è incontrato due volte da solo con Highton e una volta con Rosatti. Ha anche tenuto riunioni con i suoi segretari legali e con il segretario legale di Juan Carlos Maquida. Ma non trovò eco in quella lettera. Non in Riccardo Lorenzetti.

– È comune che lei o il segretario legale dei comitati si incontrino con ministri così, in tali circostanze, diciamo, privatamente? Ha incontrato altri ministri per altri motivi e per altri motivi? chiese il deputato Rodolfo Telhadi.

Il solito non lo èMorgenstern rispose.

dopo due assi, Morgenstern ha finito per ammettere che dopo l’esperienza del 2-1 non si è più rivisto da solo, né con Rosati né con Hayton. La sua risposta ha rivelato la straordinarietà del Consiglio direttivo di Minya, poiché pensano al fronte Todos. È anche probabile che, dopo tutti i grattacapi che la sentenza aveva portato loro, né Rosati né Hayton fossero molto interessati a partecipare a un’altra campagna per il segretario legale di Rosenkrantz.

ipotesi

La commissione per la governance politica la pensa così Hayton ha cambiato il suo voto durante il suo mandato in tribunale dopo i 75 anni. Il giudice è riuscito a convincere il governo Macri, che inizialmente si era rifiutato di prolungare la sua permanenza in tribunale, a non impugnare il provvedimento cautelare emesso dal giudice Enrique Lavier Picot. Dopo che Hayton riuscì a sopravvivere, la Corte firmò la sentenza Scheffrin che ordinava il pensionamento di tutti i giudici all’età costituzionale.

Nel caso di Rosati, i deputati ufficiali si sono confrontati con l’ipotesi che ciò che lo riguardava fosse l’impeachment di Lorenzetti A presiedere il tribunale, dove i due uomini di Santa si riuniscono in antico disprezzo. Quindi faceva parte dell’architettura che ha portato Rosenkrantz in cima alla più alta corte nel settembre 2018, ma in seguito non è stato né lento né pigro, escogitando un’altra manovra per ridurre il potere che aveva come presidente.

Durante una recente udienza, la presidente della commissione per l’impeachment, la deputata Carolina Gillard, ha spiegato a Morgenstern su quale premessa stavano lavorando: Che il governo Macri era interessato a favorire il genocidio ea rallentare i processi e che è andato a cercare il giustiziere in tribunale.. All’epoca, sia il ministro per i diritti umani di Macri, Claudio Afroge, sia la leader di Alleanza civica, Elisa Carrillo, espressero il loro sostegno all’insediamento dei repressori. Ci sono state manovre segrete da parte del governo Cambiemos affinché la Commissione interamericana per i diritti umani (IACHR) ricevesse le organizzazioni che difendono gli oppressori mentre una parte della Chiesa promuoveva un incontro pro-riconciliazione. A quel punto, non sorprende che Macri avesse fatto una campagna dicendo che i diritti umani erano “un lavoro”. Lungi dall’essere uno spasso, lo ha ripetuto negli ultimi giorni.

READ  Gli esperti hanno parlato: quali sono i segni più infidi dello zodiaco

Per il blocco Todos Front le trattative con il tribunale furono lasciate nelle mani dell’allora ministro della Giustizia, German Garavano; il suo numero due, Santiago Otamendi; Il consigliere capo di Macri, José Torello, e il suo amico Fabian “Pepén” Rodríguez Simón, un operatore giudiziario latitante in Uruguay.

Fu Pipino a progettare l’adesione in tribunale di Rosencrantz e Rosati con una nomina a un “comitato” che alla fine non si concretizzò. Morgenstern finisce per confermare ciò che si sa: che Rosencrantz e Pipino sono amiciEcco perché il giudice ha dovuto esonerarsi dall’intervenire in un caso. I frequenti contatti avuti con Rodríguez Simon hanno fatto sì che Rosenkrantz dovesse testimoniare, qualche tempo fa, nel caso in cui è indagata la stretta al macrismo dei titolari del gruppo Indalo, proprietario del canale C5N.

Oltre ai segreti di palazzo, la sentenza 2×1 ha avuto un forte impatto sulle vittime e sulle loro famiglie. La sopravvissuta, Gladys Cuervo, ha detto alla commissione che conoscere il vantaggio di Minya era la sensazione del suo sterno che veniva picchiato di nuovo, così come la soppressione delle sue posadas mentre la tenevano in ostaggio.

Zulema Chester, la figlia di Jacopo, anche lei rapita da Minya e dalla mafia che lavorava alla clinica, riflette su cosa succederà nel comitato. Dice “Aspettativa”. Pagina 12– Per il tribunale di cambiare e amministrare la giustizia. Che non cerchino mai più di favorire il genocidio e che la negazione si fermi perché sono 30.000″.