Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dante Liano guatemalteco: Leggere e scrivere ti salva la vita – contenuti esclusivi

Dante Liano guatemalteco: Leggere e scrivere ti salva la vita – contenuti esclusivi

Avevo 4 o 5 anni quando Dante José Liano Quezada (1948, Guatemala) Si sedette sul balcone di casa sua Chimaltenango Per ricevere la luce del sole. “Le signore laboriose passavano di lì. Preparavano deliziose palline di gomma. Quanto le invidiavo! Mi chiedevano in Maya: ‘Come stai?’. Io rispondevo in Maya: ‘Va bene, signora.'”

Tutto cambia. Così fanno i paesi. Ricorda che c’era un tempo in cui Guatemala In cui non si può vivere: violenza, scomparsa e instabilità politica. Così chiuse gli occhi e cominciò a camminare nel 1980 verso il Vecchio Continente per vedere come andavano le cose mentre aspettava il Re Stellare in un’altra regione. Finisce così per risiedere in Italia, dove questo figlio di madre spagnola e padre italiano lavora come professore universitario.

“Dovevi andare. Sono quei momenti allucinatori della storia. Quando te ne ricordi, pensi che quelle cose non sarebbero potute accadere”, ricorda. Dante Liano nella biblioteca Libri sui costiA Santo Domingo (Repubblica Dominicana), una delle sedi del CentroaméricaCuenta, festival letterario che si svolgerà a Panama Dal 22 al 26 maggio 2024.


Insegnante? Mai

Questo scrittore, studioso e critico letterario giurò da ragazzo che non sarebbe mai diventato professore. Perché ricorda da bambino il sacrificio di esercitare quella professione tra gli adulti Città del Guatemala Perché dovrei negarlo, da studente ero completamente disturbato in classe.


Dante Liano ha pubblicato libri come L’uomo di Montserrat (1994), Il segreto di Sant’Andrea (1996), Il figlio della casa (2004) e L’avvocato e la signora (2015). Le sue opere sono state tradotte in italiano, francese, tedesco e inglese.
/ Conto cortesia/America Centrale

Ma il caso ha le sue coincidenze. All’età di 17 anni, appena diplomato, nelle scuole salesiane fu fatto un esperimento: nominare dei giovani insegnanti affinché gli studenti si sentissero più specifici nel processo formativo e si rivolgessero a lui con un’offerta di lavoro.

Dante Liano Appartiene a quella generazione in cui se gli veniva offerto un lavoro, doveva accettarlo. Diverso da quanto accade oggi. “I giovani europei oggi sono un settore che soffre molta disoccupazione, perché quando vanno a un colloquio di lavoro, sono loro che intervistano i datori di lavoro: ‘Quante ferie?’ Quanto mi pagate? In quali giorni avere gratis? Se non trovano Le risposte sono divertenti, diranno di no. Questo mi è successo mentre stavo intervistando persone per posizioni aperte presso l’università in cui lavoro (Università Cattolica del Sacro CuoreDove è professore Letteratura spagnola e letteratura latinoamericana).

READ  In vista del suo debutto a Baylando 2023, Juliana Diaz ha dato una notizia che ha sorpreso i suoi follower

Torniamo a ieri. Si sente orgoglioso quando vede come i suoi studenti, grazie alla lettura, sono diventati dei bravi professionisti. Si trovano come medici in un ospedale o in posizioni dirigenziali in una banca.

All’inizio i ragazzi in classe gli facevano di tutto: si lanciavano fogli addosso, gridavano inutilmente: Oh, si stavano comportando male. “Fu allora che uno dei miei insegnanti più anziani mi consigliò: ‘Nell’insegnamento, l’abilità è più importante della forza’. Mi insegnò i trucchi dell’insegnamento: non solo lavorare con loro, ma anche far lavorare i ragazzi in classe.

“Poi è arrivata la motivazione, motivarli ad andare avanti è molto importante. “È così che ho preso questa direzione e mi è piaciuto molto insegnare”, dice una persona che ha insegnato nelle università italiane in Italia. Bologna, Veltri E Bresciano.


Dante Liano ha vinto il Premio Quetzaltenango per la narrativa (1974), il Premio Nazionale Miguel Ángel Asturias per la Letteratura del Guatemala (1991) e il Premio Otto Rene Castillo (2013).  È stato finalista per l'Heraldy Prize for Fiction nel 1987 e nel 2002.
Dante Liano ha vinto il Premio Quetzaltenango per la narrativa (1974), il Premio Nazionale Miguel Ángel Asturias per la Letteratura del Guatemala (1991) e il Premio Otto Rene Castillo (2013). È stato finalista per l’Heraldy Prize for Fiction nel 1987 e nel 2002.
/ Conto cortesia/America Centrale

Fumetti e riviste

Poiché è stato appassionato di lettura e letteratura per tutta la vita, ha trasmesso questa passione ai suoi studenti. “Insegnare è ciò che mi tiene in vita. Insegnare ti nutre l’anima e ti mantiene giovane. Più giovani sono gli studenti, meglio li trasformi nella letteratura. Mi hanno detto: ‘Non mi piace la letteratura’. Ho risposto: ‘Fantastico, allora non leggere.” Poi ho potuto vedere gli Argomenti di cui erano interessati a parlare e cercare libri simili.

Successivamente gli venne in mente di allestire una biblioteca nel suo soggiorno, ma non era composta da classici della letteratura mondiale, bensì da fumetti e riviste che pensava potessero interessarli. Successivamente hanno ampliato la propria offerta editoriale. “Come ho detto Cervantes: Bisogna leggere anche i giornali stesi per terra. Poi passi a qualcosa di più profondo. La lettura dovrebbe essere alfabetizzata. La stessa lettura li porta ad altri tipi di libri. non mi è piaciuto Jorge Luis Borges Con cui, come lettore, ho iniziato Iliade E il Epico“.

Sì, la tua libreria ha funzionato. “Molti di loro non andavano nemmeno all’intervallo perché leggevano. Adesso vado ovunque e li trovo. Mi dicono: grazie a te leggo. Questo ti ripaga di tutti i tuoi sforzi come insegnante. L’importante è che dopotutto non hanno smesso di leggere, non devono diventare scrittori “Anche se ci sarà sempre qualcuno a cui piacerà, ciò che si vuole è che la parola scritta rimanga viva in loro.”

Coppia vincente

READ  Emilia era emozionata dopo aver venduto 100mila biglietti in 10 ore: «Sono una ragazza interna che è stata molto sottovalutata».

Lettura e scrittura, un binomio vincente. “Non siamo coscienti, ma le regole con cui pensiamo sono le stesse regole con cui costruiamo la nostra coscienza. Perché la grammatica è una struttura: se sei anarchico nello scrivere, sei anarchico nell’essere. Hai una grammatica, ho pensato .” Nebrija, ti permette di parlare correttamente, perché pensare è mettere una cosa dopo l’altra in un ordine logico. L’ordine delle parole è l’ordine della coscienza”.

Dante Liano Afferma che il cervello ha bisogno di creare storie dalla maggior parte degli eventi quotidiani. “Come mezzo per controllare la realtà. Crea una storia attorno ai dati disordinati che la realtà ti presenta. È come se andassi in bagno e fissassi le piastrelle convinto di guardare una serie di faccini diversi. Non ci sono volti, ma la tua mente ti porta a creare quelle forme. È una necessità che ha il cervello di controllare il mondo attraverso ciò che può e deve riconoscere. Osservi le nuvole e sei anche convinto che abbiano le forme degli animali, per esempio. “Questo è il cervello che opera grazie all’immaginazione.”

Requiem per Teresa

I primi testi di Dante Liano È stato pubblicato sul giornale Scuola Don Bosco Quando non aveva nemmeno 12 anni. Questo romanziere e scrittore di racconti vinse il primo premio nella sezione romanzi nel 1974 con Casa del viale. Da allora ha pubblicato opere come Vita stupida, Il tuo luogo di riposo E Una breve storia di viaggi, amore e italianitra le altre cose.

Il suo ultimo romanzo è Requiem per Teresa (2020). Ha avuto l’opportunità di presentare questo libro a Città del Messico, Oaxaca, Pachuca“Poi è arrivata l’epidemia e lì è morta”.

“La cosa bella, quando fai mostre di libri in Messico, è che è pieno di gente. I messicani sono ottimi lettori. Le edizioni costano poco e questo aiuta molto. Ricordo che, nello Zocalo, in città del MessicoHo parlato con circa duemila persone. È stato impressionante”, afferma la persona premiata nel luglio 2023 durante la 20a Fiera internazionale del libro Guatemala.

Requiem per Teresa È stato ben accolto da lettori e critici. Tutto è iniziato quando è stato battezzato durante Fiera internazionale del libro di Guadalajara La persona incaricata di parlare del suo lavoro è la narratrice ecuadoriana Fernanda Ampueroche inizialmente ammise di aver presentato solo scrittrici, ma rimase così colpita dalla trama di quest’opera che accettò volentieri l’incarico di commentarla.

Requiem per Teresa Si basa due volte su eventi realmente accaduti. “È la storia di un pomeriggio in cui due fratelli andarono a vedere uno spettacolo di un imitatore guatemalteco Elvis Presley, un personaggio che già esisteva. Era il suo modo di ricordare la morte di sua sorella Teresa, che sappiamo dal primo capitolo si è suicidata. Durante lo spettacolo rievocano e indagano vari eventi della loro vita familiare e sociale nel paese.

READ  La madre di Thomas Holder è stata fotografata di spalle mentre indossava un bikini

Affinché il conflitto non fosse così pesante, l’ho sostituito con uno spettacolo divertente. “La gente si divertiva a spese del sosia: era grasso, biondo e indossava un abito di seta con un mantello simile a quello che indossava. Elvis Presley Nella sua fase finale Las Vigas. Dato che era grassoccio, i suoi vestiti erano attillati. Il pubblico gli ha raccontato tutto. L’imitatore ha parlato loro in un pessimo inglese. È stato un piacere mangiare, bere, prendere in giro quell’uomo e cantare l’intero repertorio di Elvis. L’imitatore prese bene lo scherno perché era una persona sarcastica”.

“Anche se la cosa interessante è che è difficile far ridere i guatemaltechi. Siamo molto seri. È un pubblico molto difficile. Il nostro senso dell’umorismo è così.” Tito Monterosso (romanziere guatemalteco), che ti dice qualcosa e dieci minuti dopo ti accorgi che stava scherzando. Nicola Ovando Hotela Santo Domingo.

Anche l’umorismo guatemalteco è simile a quello di una volta Miguel Angel Asturie (Premio Nobel per la letteratura 1967), che c’era una volta Romania. “C’era un ragazzo guatemalteco che scoprì che lo scrittore era in visita. Così fu presentato e onorato, e indossava un cappotto tipico.” Guatemala. “Maestro, sono guatemalteco”, disse serio, e anche Miguel Ángel rispose serio: “E dove hai lasciato la marimba?”

Requiem per Teresa Ha un altro piano, più intimo. “È uno studio sulla famiglia nel profondo. Pensavo che i miei parenti non mi avrebbero parlato dopo la pubblicazione perché era ispirato anche dall’esperienza personale. Invece, è servito come una sorta di catarsi per loro. Dal momento che tutti abbiamo qualcosa incastrato alle nostre gole, il suicidio rappresenta un segno familiare e con il romanzo questo blocco è stato risolto.

All’inizio non volevo pubblicarlo e non ci credevo. Lo scrisse nel 1997 e lo lasciò in deposito. Quando il narratore messicano lo chiamò Paco Ignacio Taipo IIChi gli ha detto che c’era un gruppo in cui stava correndo Fondo per la cultura economica Se ha qualcosa con cui contribuire.

Dante Liano Lui ha risposto sì, ma è meglio non farlo. «Perché ero convinto che non fosse un bel romanzo. Pensavo di non averlo sviluppato tanto quanto valesse la pena lavorarci sopra. Paco mi ha chiesto comunque di spedirglielo. Gliel’ho mandato venerdì. Il lunedì successivo mi chiamò di nuovo per dirmi: “È fantastica, tu sei un idiota”. L’ha pubblicato”.

Era soddisfatto del romanzo. “Tanto che in seguito rimasi un po’ scoraggiato dal modesto successo che avevo ottenuto”.

Nel corso del tempo, ha nuovamente viaggiato lungo l’ampia autostrada narrativa. “Sto lavorando a una storia su un ragazzo che voleva diventare un clown e si faceva chiamare Joker.” Poi fissa il suo interlocutore: “Non ti dirò di più”.