Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Dalla fatturazione standard nel 2022 a un calo di circa il 20% nel 2023

Dalla fatturazione standard nel 2022 a un calo di circa il 20% nel 2023

Il settore pubblico chiude con una crescita del 16,5% nelle vendite estere e del 6% in quelle interne nonostante la rottura del tribunale spagnolo e il blocco algerino.

Il settore dei macchinari e dei beni strumentali dell’industria ceramica spagnola ha chiuso lo scorso anno con un record in termini di fatturato globale e vendite interne, condizionato anche dall’aumento dei prezzi dei prodotti dovuto all’inflazione generale. Lo conferma l’ultimo rapporto di settore presentato questo martedì dai datori di lavoro spagnoli di macchinari Asebec, che mostra l’importo di 529,5 milioni di euro versati dalle società associate nel 2022. Questi dati rappresentano aumento del 9%. Volume di vendita 2021, 484,9 milioni di euro, superando il tetto dell’industria spagnola. In nessun anno precedente, almeno dal 1999, si era registrato un fatturato così elevato.

Il motivo va ricercato, da un lato, nella revisione al rialzo delle tariffe dovuta alla crisi dei costi provocata dalla guerra in Ucraina. Fatturazioni più elevate non sono sempre sinonimo di maggiori vendite; A volte la stessa cosa viene venduta, ma a un prezzo più alto. Tuttavia, ciascuna cronologia di fatturazione è servita da un contesto in cui è un file La produzione ceramica fiorisce nel mondo, tranne che nel nostro Paese, È severamente punito dai costi energetici e dall’assenza di aiuti urgenti e consistenti da parte del governo centrale che devono ancora arrivare.

Questo è il motivo per cui i produttori di macchine devono farlo Trova clienti sostitutivi Potrebbe aiutare a mitigare la domanda spagnola di minori investimenti, dal momento che la sua produzione è stata interrotta. In questo senso, e come hanno dimostrato Cersaie e Cevisama all’inizio di quest’anno, i mercati asiatici, latinoamericani e africani producono più ceramica e richiedono quindi nuovi investimenti in macchinari industriali. Ed è che le società spagnole associate ad Asebec sono consapevoli della crisi che sta attraversando il tribunale spagnolo e questo le costringe a cercare un posto nel mercato in altri paesi dove competono direttamente con l’Italia.

READ  I mercati azionari globali si sono tinti di rosso a causa dell'aggravarsi del conflitto in Ucraina | Economia

In questo senso, Asebec ha confermato martedì l’organizzazione di una serie di conferenze aziendali e di settore in Messico per le prime due settimane di giugno e azioni future volte ad esplorare Opportunità occupazionali offerte da Uzbekistan e Marocco, sempre più attivi nel settore ceramico.

Fatto in Spagna

D’altra parte, viene estratto dai dati Asebec che Il suo principale concorrente, il mercato italiano, non ha stabilito un record di vendite alla fine del 2022. Lo scorso anno, infatti, il fatturato delle aziende legate ad Acimac (l’Associazione italiana dei datori di lavoro) è cresciuto molto leggermente, attestandosi a 2.164 milioni di euro.

Inoltre, il settore italiano non è riuscito nel 2022 a riconfermare il record per le serie storiche, registrato nel 2017, con un valore di 2.240 milioni di euro. Tuttavia, non tutte le vendite effettuate in Italia possono essere raccolte dai datori di lavoro spagnoli.

Uno dei messaggi più convincenti di Asebec è la prova di proprietà Qualità, impegno per l’innovazione e sicurezza data dalle macchine prodotte in Spagna, in modo che i clienti ceramici capiscano che ci sono più scelte oltre alle macchine italiane. Lo ha rivelato durante la recente fiera SIMA a Kerajet, dove sono state esposte le diverse novità di decine di aziende di macchinari. Visite di qualità da parte di specialisti provenienti da tutto il mondo hanno confermato il posizionamento della tecnologia ceramica spagnola.

vendite in Il mercato interno continua a rappresentare la maggior parte delle fatture Macchine per ceramica, con 364,9 milioni di euro L’anno scorso, aumento del 6,1% del tasso interannuale. È stato il punteggio più alto della serie.

READ  Terremoto in Marocco Un duro colpo per un’economia che considera la Spagna il suo più grande cliente e fornitore

Da parte loro, le esportazioni sono cresciute a un ritmo molto più elevato, con 164,5 milioni di euro esportati, il 16,5% in più rispetto al 2021. Tuttavia, in questa stagione il dato più alto è stato registrato nel 2018, pari a 186 milioni di euro.

Insomma, il 2022 non è stato un brutto anno per il settore grazie all’attività del primo semestre. Nella seconda metà dell’anno, con il blocco algerino dovuto al conflitto diplomatico che ha lasciato il settore con perdite per circa 20 milioni di euro, le vendite sono calate. In effetti, Asebec lo ha confermato martedì Le previsioni per il 2023 dicono che le vendite diminuiranno del 20%.

Con i dati già raccolti da Asebec sono stati ricavati i dati globali del blocco ceramico (statistiche di conteggio per piastrelle, a cura di Ascer, e di fritte e smalti, a cura di ANFFECC). A livello di fatturato settoriale, il 2022 si è chiuso a 7,875 milioni di euro, in crescita del 13,7% rispetto al 2021. Il fatturato nazionale del blocco, 2195 milioni, è aumentato del 7%, e il fatturato estero con 5,680 milioni di euro, in crescita del 16,3%.

Asebec chiede al consiglio di finanziare affari all’estero e più formazione

L’Associazione spagnola dei datori di lavoro di macchine per la ceramica, Asebec, autorizza i dipartimenti – che siano Consell o il governo centrale – Maggiore sensibilità alla chiusura delle aziende Per quanto riguarda il finanziamento. Chi ti lascia lo conferma In Italia il ramo esecutivo finanzia parte degli investimenti In modo che le aziende di macchinari non si vedano prive di liquidità nel caso in cui il cliente non possa permettersi di acquistare in quel momento.

READ  Questo è il momento esatto in cui le docce dovrebbero continuare nel 2023 per risparmiare acqua ed energia

Questi prestiti mirano a rafforzare la sicurezza delle aziende di macchinari che investono all’estero e la cui attività influisce anche sull’economia valenciana. D’altra parte, il settore ha salutato il 2022 con i migliori dati in termini di forza lavoro del settore. Secondo i dati raccolti da Asebec, lo è stato 1737 persone hanno lavorato l’anno scorso in queste aziende. I dati sono assunti Aumentare la forza lavoro di circa il 6% rispetto all’anno precedente e impiega 1.639 dipendenti. Si dà il caso che il settore dei macchinari sia l’unico del gruppo che ha aumentato il numero di addetti lo scorso anno.

A differenza dei produttori di piastrelle e smalti, le aziende di macchinari non sono ancora dirette a licenziamenti o ERTE. Tuttavia, sollecitano i dipartimenti Maggiori investimenti in formazione e promozione della formazione professionale, Accanto Ottimizzazione del finanziamento per l’Università Jaume I (UJI). È che le aziende hanno difficoltà a trovare lavoratori qualificati.

di serie

Progetto Fiducia

saperne di più