Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni di giocattoli nella regione valenciana sono aumentate del 26,6% da gennaio

L’industria dei giochi nella comunità valenciana ha registrato un notevole aumento da gennaio ad agosto 2021.

In particolare, le esportazioni di giochi sono state pari a 128,3 milioni di euro, con un incremento annuo del 26,6%, superiore alla media del Paese (20%).

Epe, la capitale della “Valle dei Giochi”

È un’industria la cui produzione più rilevante si trova a livello statale nella provincia di Alicante, nel nord della provincia, nella cosiddetta “Valle dei giocattoli”, Con l’epicentro del terremoto nella città di Epe, dove Istituto Tecnologico dei Giochi. In questa valle si trovano anche Castalla, Tibi, Onil e Biar. È un settore che fornisce 10.000 posti di lavoro diretti in queste cinque città di Alicante.

Tradizionalmente, è un settore altamente innovativo e internazionalizzato che riceve particolare attenzione da governo valenciano. Hanno confermato a segretezza indipendente risorse Consularia de economia sostenibile“Riconosciamo che è un settore che richiede branding, qualità, valore aggiunto, innovazione e una base artigianale”.

“Se la Cina realizza l’80% della produzione mondiale di giochi, allora bastano questi dati per avere un’idea dello sforzo che questo settore deve fare in Spagna, per sopravvivere e anche crescere”, dicono a questo dato numerico.

Il peso del settore dei giochi è significativo nell’economia valenciana e il ministero sottolinea che “dobbiamo sostenere le aziende, come le società di gioco, che sono state in grado di riadattarsi ai nuovi cambiamenti dell’economia e delle esigenze dei consumatori, nonché promuovere l’internazionalizzazione”.

Settore “avanguardia di tecnologia e conoscenza”

“È chiaro che supportiamo e supporteremo centri tecnologici come AIJU – Istituto Tecnologico dei Giochi, con sede in Ipe (Alicante), con le sigle a cui si risponde Game Industry Research Association, fondata nel 1958 – Perché è necessario essere all’avanguardia della tecnologia e della conoscenza, che diventano aziende più competitive”, hanno sottolineato a questa tecnologia digitale.

READ  Stiglitz e Monty hanno chiesto più peso del governo e la riattivazione delle misure per superare la crisi

AIJU è un centro di ricerca sulla qualità e la sicurezza in tutti i settori dei prodotti e dell’intrattenimento per bambini. Ha sede a Epe ad Alicante e ha una delegazione a Valencia.

Più di 9.000 famiglie collaborano con questo centro di ricerca sui giochi, che conta 500 insegnanti che collaborano.

Guida annuale AIJU

Ogni anno, da 31 anni, questo centro di ricerca presenta la Guida AIJU in queste date a ridosso del Natale e dei Re Magi. Questa guida è stata presentata lo scorso venerdì 5 novembre, nella sua edizione 2021-2022, un progetto finanziato dall’Istituto di Valencia per la competitività delle imprese (IVACE) per un importo di 193.973 euro.

“Il manuale AIJU è l’unica guida in tutto lo stato sviluppata dall’analisi pedagogica e dall’uso di giocattoli e giochi che i bambini realizzano in un ambiente libero, nonché dal loro adattamento alla diversità funzionale, il tutto in collaborazione con esperti”, hanno evidenziato. ECA.

La guida, invece, include nuovi profili social per bambini dai 4 ai 12 anni in uno studio su più di 3.500 ragazzi e ragazze provenienti da Spagna, Italia, Francia, Regno Unito e Germania.

Oltre a tutto questo, “si tiene conto dell’evoluzione del mercato, visto che le famiglie spagnole acquistano ormai il 43% dei loro acquisti di giocattoli. in linea“.