Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Crescono in Israele le proteste contro la riforma giudiziaria promossa da Netanyahu: aspettatevi il discorso del primo ministro

Crescono in Israele le proteste contro la riforma giudiziaria promossa da Netanyahu: aspettatevi il discorso del primo ministro

Migliaia di manifestanti a Gerusalemme chiedono a Netanyahu di sospendere l’iniziativa

presidente di Israele, Isacco HerzogLunedì appello urgente al Presidente del Consiglio, Benjamin Netanyahu“agire con responsabilità e coraggio” e Fermare “immediatamente” l’iter legislativo della controversa riforma giudiziaria che sta dividendo il Paese.

“Per l’unità del popolo di Israele e per la necessaria responsabilità”, ha detto Herzog in un comunicato, tra le più grandi proteste della sua storia e sull’orlo della morte. – Sciopero generale.

Netanyahu ha licenziato ieri sera il suo ministro della Difesa, Yoav Gallant, dopo aver chiesto pubblicamente di fermare la riforma giudiziaria, la prima voce critica all’interno del governo, che Manifestazioni di massa improvvisate si sono scatenate in tutto il paeseCon l’aiuto di oltre 650.000 persone, questo lunedì dovrebbe ripetersi.

Di fronte alle nuove manifestazioni, Netanyahu si è rivolto a Twitter per chiedere il mantenimento della pace. Invito tutti i manifestanti a Gerusalemme, di destra e di sinistra, ad agire in modo responsabile e non violento. “Siamo fratelli”, ha detto.

“La scorsa notte abbiamo assistito a scene molto difficili”, ha detto il presidente Herzog, mentre i manifestanti appiccavano incendi per bloccare il traffico sulle principali autostrade di Tel Aviv o abbattevano le recinzioni che proteggevano l’ufficio del primo ministro a Gerusalemme, mentre la polizia usava cannoni ad acqua per disperderli.

Benjamin Netanyahu e il presidente Isaac Herzog (Reuters)

I maggiori atenei del Paese hanno già annunciato ieri sera uno sciopero a tempo indeterminato e La principale federazione del paese ha annunciato uno sciopero generaleMentre un gruppo di 23 sindaci intende iniziare oggi uno sciopero della fame per protestare contro la riforma, che ha scatenato un’ampia risposta sociale da più settori.

READ  Il conflitto tra Russia e Ucraina minuto per minuto | La Russia accusa l'Ucraina di aver tentato di attaccare la centrale nucleare di Zaporizhia

Faccio appello al Presidente del Consiglio, ai membri del governo e alla coalizione: Ci sono sentimenti duri e dolorosi. L’intera nazione è immersa in una profonda ansia. La nostra sicurezza, la nostra economia e la nostra società sono tutte minacciateha gridato Herzog, che due settimane fa ha avanzato una proposta alternativa di riforma giudiziaria per accontentare tutte le parti, prontamente bocciata dall’esecutivo.

Il presidente, che ha tenuto numerosi incontri con rappresentanti di tutti i settori e politici di ogni schieramento, ha avvertito che il Paese è sull’orlo di una “guerra civile”.

Invito i leader di tutte le fazioni della Knesset (il parlamento israeliano), sia delle coalizioni che dell’opposizione, a farlo. Mettere i cittadini al di sopra di ogni altra cosa e agire con coraggio e responsabilità senza ulteriori indugiaggiunse il capo “Alzati adesso! Non è il momento dei giochi politici. Lo ha sollecitato come un momento di leadership e responsabilità.

Uno stand di protesta lunedì vicino alla Corte Suprema di Gerusalemme (Reuters)

Il ministro della Difesa Yoav Gallant — veterano del Likud, il partito di Netanyahu — è stato il primo membro del suo gabinetto a esprimere preoccupazione per l’impatto sociale della riforma, che ha ritenuto “pericolo imminente per la sicurezza del PaeseDopo che migliaia di riservisti d’élite si sono rifiutati di prestare servizio militare per protestare contro la legislazione.

Israele guida Tredici settimane consecutive di proteste Da quando il nuovo governo di Netanyahu ha annunciato il suo piano di riforma giudiziaria all’inizio di gennaio – appena sei giorni dopo l’insediamento – che mira principalmente a ridurre l’indipendenza della giustizia e ad aumentare il controllo del governo su di essa.

Domenica una protesta dopo la destituzione del ministro della Difesa (Reuters)

Tra le sue misure controverse, include la “clausola di annullamento”, in base alla quale una maggioranza parlamentare può revocare le decisioni della Corte Suprema; Oltre a dare al governo il controllo quasi completo sull’elezione dei giudici e consentire ai funzionari politici di occupare le posizioni di consulenti legali dei ministeri.

READ  Covid: l'OMS raccomanda l'isolamento di 14 giorni per ridurre la circolazione

Per questo motivo, i suoi critici vedono la riforma come una minaccia alla democrazia israeliana violando la separazione dei poteri. Mentre i suoi difensori credono che la Corte Suprema israeliana interferisca molto in politica e che il suo potere dovrebbe essere limitato.

Il capo dell’Histadrut, la principale federazione sindacale israeliana, ha aumentato la pressione e ha chiesto che A Immediato sciopero generale Questo Lunedi per forzare l’arresto della riforma giudiziaria.

Dal momento in cui questa conferenza stampa si è conclusa, lo Stato di Israele è rimasto fermo.Arnon Bar-David ha detto in un messaggio televisivo.

Il College of Physicians ha presto annunciatoUno sciopero totale nel sistema sanitarioChe interesserà gli ospedali pubblici.

A sua volta, il Aeroporto internazionale Ben GurionLa principale compagnia aerea israeliana ha cancellato i voli dopo che i suoi lavoratori hanno dichiarato uno sciopero. “Ho ordinato l’immediata sospensione del decollo”, ha annunciato il presidente del sindacato dei lavoratori aeroportuali, Bengas Aidan.

Un uomo tiene in mano un cartello con la scritta “Non contare” mentre sventola la bandiera israeliana durante una protesta contro i piani del governo del primo ministro Benjamin Netanyahu di riformare il sistema giudiziario (AP Photo/Tsafrir Abayov)

Il progetto promosso dal governo Netanyahu è uno dei più di destra della storia israeliana Aumentare il potere dei politici sui giudici e ridurre il ruolo della Corte Suprema.

I suoi critici ritengono che la riforma minacci la separazione dei poteri e quindi il carattere democratico dello Stato di Israele, e che il rifiuto del progetto abbia generato negli ultimi tre mesi uno dei più grandi movimenti di protesta popolare nella storia del Paese.

READ  L'UNESCO ha aggiunto nuovi siti alla World Heritage List: i cinque siti selezionati dell'America Latina

Tra la folla di domenica, i manifestanti hanno occupato una grande strada che attraversa Tel Aviv, allestendo barricate e falò. La polizia ha risposto sparando con cannoni ad acqua.

I manifestanti hanno sventolato bandiere israeliane e scandito slogan come “Israele non è una dittatura!” e “No a un governo fascista”.

(con informazioni da EFE e AFP)

Continuare a leggere:

Benjamin Netanyahu ha licenziato il ministro della Difesa israeliano
Chiavi delle proteste israeliane contro la controversa riforma giudiziaria