Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Caso Perez Roldan: divieto di espatrio per cavigliere elettroniche e divieto di beni per il padre e la moglie dell’ex tennista

Caso Perez Roldan: divieto di espatrio per cavigliere elettroniche e divieto di beni per il padre e la moglie dell’ex tennista

Raúl Perez Roldan Cerca di evitare questa azione. Egli ha detto Non sei più la persona che eri 40 o 50 anni fa. Questa età non solo ha influito sulla sua salute ma anche sulla sua personalità, e ha sempre rispettato ogni segno della sua difesa nel bel mezzo di un’operazione. Ma Il giudice federale di Azul ha ordinato a Gabriel de Julio di vietargli di lasciare il Paese, di mettergli una cavigliera elettronica e di impedirgli di uscire di casa per più di 72 ore. Ha inoltre rinnovato ed emanato il divieto di avvicinarsi in qualsiasi modo alle vittime Il divieto dei suoi beni per lui e sua moglie. L’unica cosa che al momento non ha accettato è l’ordine di carcerazione preventiva, su richiesta della denuncia, anche se questa decisione può essere rivalutata se non si rispettano le procedure stabilite. E questo deriva dalla disposizione che ha accettato infobae È dettato negli ultimi giorni sotto la causa che sta indagando Sfruttamento, abuso, abuso, privazione illecita della libertà e riciclaggio di denaro. La denuncia contro di lui è stata promossa da suo figlio, Guillermo Pérez Roldán così come per Graciela Perezun altro ex tennista che era sotto la sua custodia.

Fa tutto parte di un caso aperto nel 2022. Guillermo Perez-Roldán, 13esimo classificato nel ranking ATP nel 1988 e membro della squadra argentina di Coppa Davis tra il 1988 e il 1993, ha denunciato gli abusi subiti dal padre e dall’allenatore A. qualche anno fa, il giornalista Sebastian Turoc si è baciato. Successivamente, la sua storia è stata catturata in un documentario intitolato Pérez Roldán Confidential. Insieme a questo documentario è arrivata la denuncia penale, che – dopo colpi di scena – è stata depositata davanti al Tribunale Federale di Azul. Lì si prova non solo che i reati non sono scaduti, ma anche che vanno indagati i numeri del riciclaggio e della tratta di esseri umani, oltre a lesioni gravi, gestione disonesta, privazione della libertà e violazioni.

READ  Dieci giorni in allerta: come gli Stati Uniti e i loro alleati si sono preparati all'attacco dell'Iran a Israele

In questo contesto, come rivelato infobae Qualche settimana fa, il giudice ha ordinato di ascoltare nuovamente le vittime, sotto la telecamera di Gesell: Guillermo Pérez Roldan e Graciela Pérez, una studentessa della scuola e un’atleta diventata assistente del club. Nella nuova dichiarazione ai professionisti, l’ex tennista ha dichiarato di avere paura. La sua paura principale sono i suoi figli: il più grande vive in Italia, e il più giovane vive con lui e sua moglie in Cile.

“So di cosa è capace mio padre… quindi vorrei avere un po’ di sicurezza“Ha chiesto al tribunale, come riportato dai suoi intervistatori. Graciela Perez, a sua volta, ha chiesto di fornire sicurezza. Ha un pulsante antipanico. Vive a pochi isolati dalla casa della vittima”.Vivo nella paura da quando ho deciso di parlare. Non so di cosa potrebbe essere capace”.Ha confermato di essere stato in grado di scoprirlo infobae.

Potrebbe interessarti Pérez Roldán: Guillermo testimonierà di nuovo contro suo padre mentre citano in giudizio ex tennisti e giornalisti

Guillermo Perez Roldán, all’Internazionale Roma, Italia 1992

In tale contesto, la denuncia presentata dall’avv Juan Ignacio Pascual Insiste sui “fattori di rischio processuale, sulla gravità dei reati indagati, sulla prevista condanna che deriverebbe dall’effettivo adempimento, sull’apprensione e sul timore manifestati dalle vittime” e chiede una valutazione “sul tipo di personalità dell’imputato, la sua propensione alla violenza, alla manipolazione e alla forza di volontà”. Ha anche sottolineato che il rischio di fuga è dovuto “ai contatti che l’imputato fa in altri Paesi e alle somme economiche” che gestisce. Ha chiesto il divieto di uscita senza preventiva autorizzazione dall’area regionale, il trattenimento dei documenti di viaggio, gli arresti domiciliari con sorveglianza e, in secondo luogo, la carcerazione preventiva.

READ  In diretta: Premio Nobel per la Fisica a Siukuru Manabe, Klaus Hesselmann e Giorgio Baresi

Da parte sua, ha detto il procuratore federale Santiago Ayerapede Ha avallato i pericoli di fuga e gli ostacoli, ma ha rilevato che “al momento non vi è alcun dato che consenta di concludere sul pericolo di elusione” e ha evidenziato le “radici dell’imputato”. Secondo quanto ha detto, l’imputato non ha precedenti penali, ea tempo debito saranno lontani i reati contro le persone, e non sono stati provati atti di molestia che giustifichino le misure cautelari di privazione della libertà.

Ha promosso il divieto di lasciare il Paese per 180 giorni e di conservare i documenti di viaggio, tenendo presente che suo figlio vive in Cile. E ha ritenuto che sarebbe prematuro allo stato attuale ordinarne l’arresto, pur chiedendo all’imputato di utilizzare un braccialetto elettronico per poterne tracciare la posizione e rivelare se si trovasse nei pressi dei luoghi di esclusione. Ha anche chiesto che l’accusato si impegnasse a non ostacolare o avvicinare testimoni, vittime o loro parenti stretti durante le indagini.

La difesa, da parte sua, ha compreso che ogni azione è prematura in questa fase dell’istruttoria, e ha sottolineato che erano già state prese misure restrittive che erano opportune. A suo avviso, ulteriori restrizioni non sarebbero “né ragionevoli, né proporzionate, né necessarie”. Così, ha sottolineato che “la persona di cui stiamo parlando in questo momento non è quella che aveva 40 o 50 anni” e “l’età non ha influito solo sulla sua salute ma anche sulla sua personalità”. Ha sottolineato che Raul Perez-Roldan non è una “persona rischiosa”.

Perez Roldan, oggi (@perezroldantenis)

Sulla base di ciascuna situazione, il giudice Di Giullo ha analizzato il caso: ha affermato che “la violenza contro bambini o adolescenti non era visibile negli anni ’80” e che “attualmente è un debito della società nei confronti del gruppo vulnerabile”. In tale contesto, la sentenza ha riflettuto sulla “possibile capacità dell’imputato, sia economicamente che relazionalmente, di concordare con i terzi eventuali misure volte a garantire l’impunità oa rendere difficoltosa l’acquisizione delle prove”.

READ  La Russia disarma regioni strategiche per perpetuare i combattimenti in Ucraina

“Ciò è conforme alla clausola secondo cui l’imputato è obbligato a specificare un indirizzo dal quale non può assentarsi per un periodo superiore a 72 ore senza previa autorizzazione del tribunale e il divieto di lasciare il Paese per un periodo di 180 giorni, con convocazione a lui affinché il suo passaporto le venga consegnato entro 5 giorni – ha disposto il giudice -”. Tale azione si rende necessaria per evitare il compimento o l’osservanza di atti giuridici all’estero che comportino alterazioni di conti, investimenti o dismissioni di beni. Parimenti, ordinerò il sequestro generale dei beni della parte nominata e di BAKOTA SA, misura necessaria per mantenere sotto inchiesta i beni immateriali.. Su richiesta della Procura della Repubblica, e per gli stessi motivi, ordinerò un interdizione generale della proprietà di Liliana Beatriz Zgarzazu”, moglie di Raul Pérez-Roldán e madre del denunciante.

Il giudice ha disposto il diniego degli arresti domiciliari e della custodia cautelare chiesti nella denuncia. Ma ha ordinato il pulsante antipanico esteso a Graciela Pérez e le ha ordinato di impedirle di avvicinarsi entro 200 metri e di monitorare l’imputato sotto un dispositivo geo-satellitare (cavigliera elettronica) sia per Graciela che per Guillermo. La sentenza ha sottolineato che “Raul Horacio Pérez Roldán sarà informato che il mancato rispetto o la violazione di queste misure determinerà la forma del reato di insubordinazione e determinerà la rivalutazione della situazione procedurale per il comportamento specificamente verificato”.

Continuare a leggere