Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

COVID-19: L’Unione Europea riapre le frontiere agli stranieri vaccinati | Economie

Oggi, mercoledì, i paesi dell’Unione europea hanno concordato di ridurre le restrizioni imposte all’ingresso di stranieri da fuori dell’Unione europea alla luce dell’arrivo della stagione estiva, secondo una fonte dell’UE.

I 27 hanno accolto una proposta della Commissione Europea il 3 maggio che chiedeva criteri più flessibili per identificare i paesi “sicuri” – dal punto di vista dell’epidemia – e per consentire l’ingresso a quei turisti che hanno ottenuto il programma completo del vaccino indipendentemente dalla sua fonte.

L’accordo deve ancora essere formalizzato a livello ministeriale, forse questo giovedì in una riunione programmata dei funzionari commerciali, ed entrerà in vigore a partire dalla sua pubblicazione nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea.

La Commissione Europea ha suggerito che gli Stati membri permettano a coloro che hanno ricevuto “almeno 14 giorni prima dell’arrivo, l’ultima dose raccomandata del vaccino che ha ricevuto l’autorizzazione” dall’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA), di entrare nell’Unione Europea. Ad esempio, Pfizer, Moderna, AstraZeneca e Jannsen. Pertanto, i viaggiatori ci chiederanno di dimostrare il loro stato di vaccinazione con un certificato riconosciuto.

Allo stesso modo, la massima autorità europea ha riconosciuto che nel caso in cui gli Stati membri decidessero di sospendere i requisiti di PCR e / o quarantena negativi per gli individui vaccinati all’interno dell’area comunitaria, le stesse procedure dovrebbero essere applicate ai cittadini di altri paesi. Nel caso dei bambini, che sono ancora fuori dalle campagne di vaccinazione, il comitato ha suggerito che “dovrebbero essere in grado di viaggiare con i loro genitori vaccinati se hanno un test PCR negativo che è stato eseguito almeno 72 ore prima della zona di arrivo “e paesi” potrebbero richiedere ulteriori test dopo l’accesso “.

READ  Crisi Coronavirus: L'Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico chiede maggiori aiuti alle imprese se l'uscita dalla crisi viene ritardata | Economie

L’accordo – che deve ancora essere formalmente adottato nei prossimi giorni – prevede anche di revocare alcune delle restrizioni imposte alle persone che sono state vaccinate all’arrivo a destinazione. Secondo un portavoce dell’interno esecutivo della comunità, Christian Wiegand, “non ci vuole molto” perché i viaggiatori provenienti da paesi come gli Stati Uniti entrino nell’Unione europea.

Anche i Paesi dell’Unione Europea hanno adottato i “freni di emergenza” per adattarsi alle potenziali varianti del Coronavirus che entra nelle terre della società. Tuttavia, questa è solo una raccomandazione e non una decisione obbligatoria da seguire per i paesi dell’Unione europea, poiché la gestione delle frontiere è una prerogativa puramente nazionale.

Finora, solo i cittadini di Israele, Australia, Nuova Zelanda, Ruanda, Singapore, Corea del Sud e Thailandia possono viaggiare nei paesi dell’Unione Europea per le vacanze, indipendentemente dal fatto che siano vaccinati o meno.

Negli ultimi giorni molti paesi dell’Unione Europea hanno cancellato la quarantena obbligatoria dei turisti, anche se al momento è del tutto limitata alla regione dell’Unione Europea. La Grecia richiedeva un certificato di vaccinazione o aveva superato la malattia. È anche possibile entrare nel Paese con PCR negativa, che è l’unico requisito imposto in Italia. Tuttavia, queste misure interessano 27 e una manciata di altri paesi come Regno Unito, Islanda, Norvegia, Svizzera, Stati Uniti, Canada, Nuova Zelanda, Australia e Israele.

Il governo vede “buone notizie” per la riapertura del turismo

Il ministro dell’Industria, del Commercio e del Turismo, Reyes Maruto, ha considerato “una buona notizia” della decisione presa dall’Unione Europea di riaprire i propri confini. Per celebrare che l’annuncio coincide con l’apertura di Vitor a Madrid, ha sottolineato che la Spagna vuole attraverso questa mostra comunicare che si tratta di una “destinazione di alta qualità, sicura e affidabile”.

READ  Bruxelles migliora le sue prospettive di crescita nell'area dell'euro per il 2021 e il 2022

Nello specifico nelle dichiarazioni alla stampa in Vitor, il ministro ha fatto riferimento alla leadership che il governo ha assunto all’interno dell’Unione Europea di fronte alla ripresa della mobilità e al “lavoro intenso” svolto a livello europeo che si prevede si concretizzerà. Nelle prossime settimane il certificato digitale verde.

“Dobbiamo iniziare l’apertura in sicurezza”, ha sottolineato Maruto, perché “ogni giorno che passa è anche un giorno che perdiamo dal punto di vista della ripresa del settore turistico”. Nel caso degli spagnoli, si è reso conto che aveva bisogno di “viaggi internazionali” per rivitalizzarlo.