Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cosa rivela il rapporto del giornalista Marshall Pruitt?

Cosa rivela il rapporto del giornalista Marshall Pruitt?

Sorprendentemente, le barriere coralline Agostino Cannabino Si trova al centro di un vero e proprio bivio che ne mette in discussione la continuità IndyCar. Decisione finale per Hollinger Racing Juncos Per dargli “scarico” nel bel mezzo del fine settimana Gran Premio di Road America Ha suscitato grande interesse e polemiche. E secondo l’A Marshall Pruitt riporta in The RacerQuesta decisione è il risultato di una serie di eventi emotivi e di tensioni che si sono ancora intensificati Gran Premio di Detroit.

Di seguito discutiamo i punti salienti dell’articolo di Pruitt ed esploriamo le implicazioni di questa situazione.

La decisione di JHR e lo stato mentale di canabino

Foto: JHR Stampa/Fotografia di sport d’azione.

Secondo Pruitt, fonti del team lo hanno indicato Canabino era sempre più distratto Verso la sessione di allenamento di venerdì. Sebbene al mattino sembrasse di buon umore, il suo umore si incupì con il passare delle ore.

Con i rischi inerenti al correre con più di A 300 km/h, la squadra ha deciso di dare una pausa al 34enne, dando priorità alla sua salute mentale rispetto alla competizione.. Questa decisione non è stata presa dalla IndyCar, ma dal team stesso.

Racer Report lo evidenzia Un aspetto preoccupante di questa situazione è il comportamento di un piccolo gruppo di seguaci della cannabis sui social network.Chi ha inviato minacce di morte e messaggi intimidatori.

Cos'è successo ad Agustin Canapino?
Foto: Juncos Hollinger Racing Press/Action Sports Photo.

Questo comportamento ha colpito il suo ex collega Callum Ilott E recentemente a Teo Porcheri A Freccia McLaren, che ha ricevuto minacce dopo un incidente a Detroit in cui ha toccato una cannabis ed è stato penalizzato dalla IndyCar. Le minacce hanno iniziato a riempire la casella di posta di Pourchaire dopo la gara e sono continuate nei giorni precedenti a Road America.

READ  Il grido dell'ucraino commosse il Portogallo

In una reazione sfortunatamente prevedibile, Pruitt ritiene, Canabino trattava le nuove minacce di morte con sospetto e disprezzoHa messo in dubbio la validità della denuncia di Bourchier, come ha fatto con le accuse riguardanti il ​​suo ex partner di attrezzature. Questa situazione non lo ha aiutato e ha solo aumentato il suo isolamento all’interno della squadra.

“Sebbene si stesse mettendo nei guai per le azioni dei suoi fan e per la sua pessima decisione di premere il pulsante ‘Mi piace’ su alcuni post sarcastici e critici su Porcher, la parte che fece arrabbiare Cannabino fu incolpare i sudamericani – e gli argentini, in particolare – per tutti i messaggi inappropriati: “Gli stereotipi non sono stati ben accolti dal pilota della JHR o dalla sua squadra, né dovrebbero esserlo, poiché nessun paese o regione geografica può essere ritenuto responsabile.” Pruitt dice.

Cosa è successo ai cannabinoidi nella IndyCar?
Foto: JHR Stampa/Fotografia di sport d’azione.

Secondo quanto affermato dal giornalista americano. Il team si aspettava un’espressione di simpatia o rimorso da parte di Cannabino mentre Road America si avvicinava, ma ciò non è avvenuto. Questa mancanza di empatia ha influenzato anche la decisione di posizionamento della squadra Nolan Siegel In un’auto canabino.

Canapino era combattivo, tendeva a incolpare le vittime e suggeriva che Bourchier, come Ilott, dovesse solo essere forte e ignorare la negatività. “Le sue dichiarazioni indirette hanno peggiorato le cose.” Il giornalista ha insistito.

Per Pruitt, che ha sempre messo in risalto il talento degli indigeni del reef, “Avendo fatto poco per combattere in modo aggressivo i tre attacchi separati, Canabino e GHRI non hanno fatto progressi nel prevenire attacchi futuri. A causa della loro comune indifferenza verso gli attacchi, nessun messaggio di peso o forza è stato comunicato a quel sottogruppo di fanatici che li stanno provocando. I problemi.” .

Cosa è successo ai cannabinoidi nella IndyCar?
Foto: JHR Stampa/Fotografia di sport d’azione.

A questo proposito, ha sottolineato che, “Qualsiasi pilota di IndyCar che entra in contatto con (o interferisce in qualsiasi modo con) la cannabis corre il rischio di essere la prossima vittima.”

L’intensità degli scambi avvenuti durante la settimana, unita alle mail di odio che ha ricevuto, ha finalmente infranto le sue difese e messo Canabino in un cattivo stato d’animo. Agli occhi del team, guidare un’auto da corsa a Road America era l’ultima cosa di cui preoccuparsi. Dare priorità alla salute mentale della cannabis è stata una decisione straordinaria da parte di JHR…

READ  Nadal e il Club delle Leggende: Phelps, Pelé, Brady, Merckx...

La posizione finanziaria di JHR

Anche la situazione finanziaria di JHR è un fattore decisivoQuesto è stato affermato nell’articolo del concorrente. Nonostante l’emozione Brad Hollinger Per gli sport motoristici e l’iniezione di liquidità che ha mantenuto JHR in attività, Il team ha bisogno di generare entrate per funzionare correttamente. Collaborare con Hollinger non significava pagare tutto solo per essere coinvolti.

Come si è comportato Cannabino?
Foto: JHR Stampa/Fotografia di sport d’azione.

Tenendo presente i problemi finanziari, Anche l’opportunità di Nolan Siegel è una considerazione importante. Suo padre, Marco SiegelHa gestito con attenzione la carriera di suo figlio adolescente e ne ha finanziato lo sviluppo.

Il piano originale per Nolan Siegel era di correre in quattro gare IndyCar quest’anno Gara di Dale QuinnPrepararsi per un’intera stagione nel 2025. Tuttavia, Pruitt afferma che la situazione attuale potrebbe cambiare questi piani e Siegel potrebbe optare per più gare con l’auto n. 78, se disponibile.

Interessanti anche gli ultimi tre paragrafi dell’articolo, che riportiamo di seguito:

“E ora stiamo entrando in quella fase difficile in cui il destino della carriera di Canabino nella IndyCar rimane irrisolto, ma merita un’altra possibilità, a patto che mostri l’umiltà e l’approccio gentile che la squadra sta cercando, senza un grosso budget proprio. nessun’altra squadra prenderà Canabino, quindi dipenderà”.

L’incredibile storia di una leggenda vivente delle corse automobilistiche argentine che venne negli Stati Uniti per competere su auto a ruote scoperte e non ne sapeva nulla è stata straordinaria. Il talento di Canabino gli ha permesso di adattarsi immediatamente, gareggiando nella sua prima corsa su ovale e mescolandosi con giovani e vecchi veterani su vetture scoperte, piazzandosi nella top 10 nella sua stagione di debutto.

Sebbene la sua carriera da secondo anno non sia stata sorprendente, ha avuto l’opportunità di fare un altro passo. “Se vedessimo l’ultimo di Agustin Canapino nella IndyCar, sarebbe una triste fine per quella che una volta era una grande storia.”

READ  Squadra argentina vs. Estonia, per l'amichevole: programma, formazioni e dove vedere la diretta