Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Corsi di medicina gratuiti a New York grazie a una donazione miliardaria

Corsi di medicina gratuiti a New York grazie a una donazione miliardaria

Sarà consentita una donazione di 1 miliardo di dollari Scuola di Medicina Albert Einsteindalla contea di New York BronxFornire lezioni gratuite ai propri studenti.

La fondazione ha annunciato il gesto lunedì in un comunicato. “Questo dono storico (il più grande mai concesso a una scuola di medicina nel paese) lo garantirà Nessuno studente di Einstein dovette mai più pagare le tasse universitarie», ha detto il centro.

La donatrice, Ruth Gottesman, era un'insegnante della scuola situata a Uno dei quartieri più deprimenti della Grande Mela.

Secondo il giornale New York TimesIl Bronx ha un alto tasso di morti premature ed è il quartiere meno sano di New York, pur avendo il maggior numero di morti premature Donazioni agli ospedali e alle facoltà di medicina Di solito vengono accolti dal ricco vicino, Manhattan.

Grazie ai soldi di Gottesman, lasciatile dal marito, un investitore di Wall Street che era il protetto di Warren Buffett, quando morì due anni fa, gli studenti di Einstein non dovranno affrontare il problema. Centinaia di migliaia di dollari di debiti studenteschi Che solitamente si accumula durante la gara.

Scommettere sul talento

La scuola spera che la donazione attiri “una vasta gamma di individui Con talento e molti potrebbero non avere i mezzi per prendere in considerazione la formazione medica”, secondo la dichiarazione.

Questa non è la prima volta che il New York Medical College offre lezioni gratuite ai suoi studenti. Nel 2018, Scuola di Medicina dell'Università di New York Ha annunciato un programma simile per affrontare i costi elevati affrontati dagli studenti del paese.

READ  L’Italia sta valutando un “bonus psicologico” per aiutare finanziariamente le persone che necessitano di questo tipo di cure dopo la pandemia

GottesmannDa parte sua non ha voluto che il suo cognome fosse immortalato nell'ambito della donazione, ma ha stabilito che la scuola mantenga il suo nome. Albert EinsteinChe il leggendario fisico accettò di donare al centro quando aprì i battenti nel 1955.