Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Controverso artista tedesco che ha vinto un concorso con un’immagine generata dall’intelligenza artificiale e ha rinunciato al premio: “Ho condiviso come una guancia”

Controverso artista tedesco che ha vinto un concorso con un’immagine generata dall’intelligenza artificiale e ha rinunciato al premio: “Ho condiviso come una guancia”

Un artista tedesco ha suscitato polemiche vincendo un prestigioso premio fotografico con un’immagine creata interamente con l’aiuto dell’intelligenza artificiale (AI).

L’artista, Boris Eldgesen, afferma di aver chiarito agli organizzatori dei Sony World Photography Awards che avrebbe utilizzato un algoritmo per creare la sua immagine, e ora ha rifiutato il premio.

Da parte loro, gli organizzatori hanno detto che, per quanto ne sapevano, Eldugsen aveva detto loro che avrebbe usato l’intelligenza artificiale solo come sostegno, e lo ha accusato di “mentire intenzionalmente”, anche se in seguito hanno ritirato quell’accusa.

L’immagine marrone scuro è intitolata “Falsa amnesia: l’elettrocardiogramma” E due donne appaiono davanti all’obiettivo, in un misterioso stile antico, come se fossero una fotografia di inizio Novecento.

Immagine generata dall’intelligenza artificiale che ha vinto un prestigioso concorso.

I Sony World Photography Awards lo hanno premiato come miglior fotografia creativa a marzo.

La fotografia è uno dei campi tecnici più colpiti dall’avvento dell’intelligenza artificiale, che consente a chiunque di creare immagini iperrealistiche semplicemente parlando con una “chat box”.

L’anno scorso, un’opera d’arte creata dall’intelligenza artificiale ha vinto un premio in un concorso in Colorado, negli Stati Uniti, e ha anche suscitato polemiche.

Eldugsen ha affermato nelle interviste che la sua proposta aveva lo scopo di suscitare polemiche sull’intelligenza artificiale.

“Ho gareggiato guancia a guancia, per vedere se le competizioni erano pronte per l’arrivo dell’IA. Non lo sono”, ha detto.

Immagine generata dall’intelligenza artificiale che ha vinto un prestigioso concorso.

Da parte sua, il concorso fotografico ha confermato in un comunicato di aver ritirato l’opera per volontà dell’artista.

E i Sony World Photography Awards hanno spiegato nel loro comunicato: “Alla luce delle sue successive azioni e dichiarazioni (…) non crediamo più che sia possibile un dialogo costruttivo con lui”.

Cronologia del combattimento sull’intelligenza artificiale

Attraverso il suo blog, l’artista tedesco ha riprodotto una cronologia dettagliata per chiarire i dubbi sulla sua partecipazione al premio fotografico e anche per esporre gli organizzatori. Questo è il suo account in prima persona:

Nel dicembre 2022, ho fatto domanda senza ulteriori informazioni sul metodo di produzione, poiché SWPA ha consentito “qualsiasi dispositivo”.

13 gennaio 2023 Annuncio della lista ristretta: CREO mi ha detto che sono nella rosa dei candidati e mi ha richiesto il file ad alta risoluzione, la data e la cronologia della pubblicazione che ho inviato.

READ  La serie di documentari si concentrerà sul lato "femminista e ispiratore" di Ravella Cara - Publimetro Chile

22 febbraio CREO ha richiesto un indirizzo di lavoro. “Boris Eldagsen”, ho risposto, “PSEUDOMNESIA The Electrician”, 2022 “Se segui queste informazioni, puoi capire tu stesso la natura dell’opera. Anche il titolo potrebbe darti un indizio, perché significa ‘falsa memoria’. “

Fino a questo ponte, non c’erano assolutamente informazioni generate dall’IA. Poiché il regolamento consente “qualsiasi dispositivo”, ho appena inviato la foto.

Il 2 marzo credo mi abbia detto che ho vinto.

Il 3 marzo ho risposto: “I link che hai richiesto all’inizio di quest’anno (sito web e Instagram, storia della mostra) mostrano chiaramente che dopo due decenni di fotografia, la mia attenzione artistica si è spostata sempre più verso l’esplorazione del potenziale creativo dei generatori di intelligenza artificiale”. [… ] Dal momento che non voglio che ci siano malintesi qui, è importante per me spiegare in questa e-mail lo sfondo dell’immagine che ho scelto nel modo più dettagliato possibile. […] Sono attivo in Germania nella mia veste […] Esperto di IA presso Deutscher Futur per discutere del potenziale e dei rischi dei fotografi IA. Sony potrebbe essere interessata a rivisitare l’argomento per una tavola rotonda in questo contesto. “

Il 7 marzo CREO ha inviato una breve risposta in modo che potessi conservare il premio. Il mio suggerimento non viene seguito.

14 marzo CREO invia un comunicato stampa sui vincitori selezionati. Immediatamente molta stampa ha chiesto informazioni sulla natura del mio lavoro. Ho ricevuto un’e-mail dal CEO di CREO Press che diceva: “Abbiamo ricevuto alcune richieste dai media in merito alla tua foto e l’unica informazione che abbiamo in merito è ‘dalla serie Pseudomnesia’”. Hai altre informazioni su questa foto che possiamo condividere con i media, per favore?

Era evidente che non era stato avvisato dalla sua squadra. Vi mando la prima edizione che trovate ancora sul mio sito web, descrivendo come è stata realizzata l’opera.

Dopo 9 minuti ho risposto: “Ho scambiato un’e-mail con Carolina Hopnaite in merito a questo due settimane fa. In modo rassicurante, SWPA sapeva che il lavoro è stato prodotto come un esperimento con generatori di intelligenza artificiale, sapendo che ci sarebbe stata una protesta nella comunità della fotografia. Di seguito troverai la mia dichiarazione Dato che sono uno dei più noti esperti tedeschi sul rapporto tra intelligenza artificiale e fotografia, mi sono anche offerto di partecipare a una discussione aperta su questo argomento, online o prima della cerimonia di premiazione, se la SWPA è interessato. E ho inviato la dichiarazione che trovi su questa pagina web qui sotto.

READ  Atti vandalici del Consolato italiano a Barcellona e la Meloni esprime preoccupazione - Internazionale

La mia dichiarazione non è stata utilizzata e invece l’addetto stampa ha inviato questa e-mail alla stampa che voleva sapere se la foto fosse alimentata dall’intelligenza artificiale o meno: “Caro […]-Grazie mille per la tua domanda. Ecco una citazione di Scott Gray, fondatore e CEO della World Photography Organization: “Come mezzo, la fotografia è sempre stata all’avanguardia: in costante adattamento ed evoluzione, ha una capacità unica di trasformarsi e superare i confini”. Siamo appassionati di fotografia come forma d’arte e all’interno dei Sony World Photography Awards abbiamo categorie creative in concorsi professionali e aperti che invitano i fotografi a sperimentare ed esplorare il dinamismo del mezzo. Con i progressi della tecnologia, un pubblico più ampio di creativi viene coinvolto nel lavoro basato sull’obiettivo e non vediamo l’ora di vedere come questo può espandere la portata e l’impatto della fotografia”. Cordiali saluti, […]”In serata ho ricevuto una breve risposta dal direttore esecutivo della stampa del CREO con un sorriso e un ‘grazie’. Nessuna spiegazione sul motivo per cui la mia dichiarazione non è stata utilizzata. Non ha risposto alla mia proposta di discutere la questione. Forse hanno non mi aspettavo di avere amici della stampa che mi hanno inviato la loro risposta.

La settimana successiva, i fotografi mi hanno contattato su Facebook dicendomi che avevano scritto al CREO chiedendo informazioni sulla natura del mio lavoro e non avevano nemmeno ricevuto risposta.

21 marzo Presentazione 3 per una discussione aperta: spingo CREO in una nuova e-mail per catturare la conversazione e “discutere problemi che stiamo già avendo e che avremo”. Ha spiegato ancora: “Due settimane fa, ho avuto uno scambio di email con [asistente de CREO] sulla mia foto. In modo rassicurante, SWPA sapeva che il lavoro era stato prodotto come esperimento con generatori di intelligenza artificiale, sapendo che ci sarebbero state proteste nella comunità della fotografia. E c’era e c’era. Ho avuto tanti messaggi, l’hai ricevuto. [El ejecutivo de prensa de CREO] Mi ha chiamato martedì scorso, per chiedere maggiori informazioni, per poi utilizzare una generica risposta alla stampa. Perché? Per calmare le cose?

READ  Gorman: Top 100 | gastronomia | intrattenimento

Non c’è risposta a questa domanda.

21 marzo, risposta del dirigente stampa di CREO alla mia terza presentazione: “Tuttavia, abbiamo il nostro blog su worldphoto.org dove pubblichiamo regolarmente domande e risposte con i fotografi vincitori e selezionati, che riteniamo sarebbe una buona piattaforma per iniziare il conversazione e parla di più del tuo processo creativo Se è qualcosa che ti interessa, il nostro caporedattore […] Ti risponderà con le domande alla fine della prossima settimana, in vista della pubblicazione dell’articolo all’inizio di aprile.

21 marzo La mia risposta al CREO: “Grazie! […]! Se lo facciamo. Un editore di CREO mi ha contattato il 4 aprile: “Sto compilando alcune domande per un Q&A sul nostro blog. E spero di potervela inviare nei prossimi giorni, siamo stati molto impegnati con l’annuncio pubblico del Day 13″.

Non è mai successo. Ho aspettato queste domande per 22 giorni.

A mio parere, CREO non si preoccupa delle preoccupazioni e dei bisogni della comunità della fotografia. Perché non mi hanno parlato al concerto dopo che sono salito sul palco? Sono rimasto fino alla fine e altri 30 minuti. Perché non mi hai chiamato negli ultimi giorni? Hanno i miei recapiti. Non hanno mai risposto alla mia mail che ho inviato 2 ore dopo la celebrazione, hanno inviato loro la mia dichiarazione e hanno suggerito di donare il premio extra al Festival della fotografia ucraina (attrezzatura fotografica) a Odessa, per una buona causa.

Fonte: agenzie e blog di Boris Eldgsson