Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Come Martin Emilio Cochise Rodríguez è diventato il primo colombiano a gareggiare

Come Martin Emilio Cochise Rodríguez è diventato il primo colombiano a gareggiare

Pisa è stata la vera pioniera dello scarabeo sul suolo europeo e ha introdotto la linfa del caffè nelle Alpi italiane nel 1973, ottenendo un grande successo.

Negli anni Cinquanta, quando Martin Emilio tornava a casa dopo aver visto un vecchio western, gridava a se stesso dai tetti: “Sono arrivati ​​i Cochi”. Ha preso il nome da un leader tribale Apache che è apparso nel film e da allora la sua famiglia, i suoi amici e i suoi fan lo hanno chiamato così. A sua insaputa, in quel periodo diede vita alla leggenda del pioniere del ciclismo in Colombia, Martin Emilio Cochise Rodríguez, che venne in Europa sul suo cavallo d’acciaio e divenne il primo colombiano al Giro d’Italia.

Mentre il ciclismo nel paese è lontano anni dalla professionalizzazione, è riuscito a far sì che gli occhi dello sport mondiale si concentrino non solo su di lui, un uomo dalle molte qualità nel ciclismo, ma anche sui ciclisti del caffè senza biciclette di lusso. Ha combattuto fino alla morte al Tour della Colombia e agli RCN Classics. Il ciclista ha occupato un posto prima e dopo il ciclismo nel paese e ha aperto le porte ad altre leggende colombiane, Lucho Herrera e Fabio Parra, per fare e disfare sulle strade del vecchio continente negli anni ’80.

Martin Emilio Cochise Rodriguez record del mondo per un'ora in Messico
Nel 1970, Cochise Rodríguez stabilì il record mondiale dell’ora in Messico percorrendo 47.563 chilometri in 60 minuti.

| Guarda anche: Jonathan Waters, il Gringo che ha inventato la squadra con cui Rico ha avuto i suoi più grandi successi

Martin Emilio Cochise Rodriguez ha iniziato come ciclista amatoriale

Martín Emilio Cochise Rodríguez è nato il 7 aprile 1942 nel quartiere Cristo Rey di Medellin. A quel tempo, lo sport che più attirava i bambini e i giovani del Paese era il calcio, i suoi tradizionali campionati di settore; Ma come il gigante addormentato, anche il ciclismo ha mosso i primi passi e ha iniziato ad attirare l’attenzione di tanti bambini. Tra loro c’era Cochise, che all’epoca si chiamava Martin e mostrava un’abilità soprannaturale nel guidare i pedali, cosa che accadeva per la maggior parte del tempo.

READ  Italia sconvolta dai sospetti di doping su Marcel Jacobs

I primi anni di un ciclista non sono rose e fiori, tutt’altro. Ha perso suo padre a 11 giorni e ha dovuto crescere guardando sua madre, Gertrudis Gutierrez, affrontare le avversità per non innamorarsi di nulla. Forse è per questo che apprese le virtù del duro lavoro e all’età di 19 anni fu già visto sorprendere le nazionali di ciclismo alla Vuelta, in Colombia, nel 1961. La posizione da lui rivelata è che un francese, José Baird, lo ha scelto in parte. Una partita sarebbe la motivazione del quartetto colombiano che gareggiò alla Vuelta de la Juventud Mexicana quello stesso anno.

Martin Emilio Cochise Rodríguez Vulta e la Colombia 1970Martin Emilio Cochise Rodríguez Vulta e la Colombia 1970
Ritorno in Colombia 1970, percorso tra La Pintada e Subia. L’unico grande ciclista è stato Martin Emilio “Cochis” Rodriguez.

Va ricordato che il ciclismo nel Paese a quel tempo era puramente amatoriale, quindi ogni occasione per mettersi in mostra all’estero era oro puro. È così che Cochise ha iniziato con il piede giusto la sua avventura internazionale e ha mosso il primo passo da lap man. Anni dopo, arrivò due volte secondo nella competizione e continuò la sua serie di vittorie, ottenendo il record mondiale dell’ora per i dilettanti e vincendo il campionato del mondo per i 4.000 metri individuali, diventando così il primo colombiano a riuscirci. Consultare un gruppo professionale europeo.

| Per saperne di più: Il banchiere David Velez è stato il campione scelto come allenatore per far volare la sua squadra di ciclismo.

Primo Maggiolino d’Europa e prima Colombia al Giro d’Italia

Dopo aver vinto trofei nel ciclismo amatoriale, la Vueltas a Colombia, la Vueltas al Tachira e aver infranto numerosi record, Martin Emilio Cochise Rodríguez dovrà affrontare la sfida più grande della sua vita. Nel 1971 la Bianchi Campagnolo gli offrì di unirsi alla propria squadra e divenne il primo colombiano ad essere ingaggiato da una squadra del Vecchio Continente. Il Maggiolino cominciò quasi subito a dimostrare la sua tempra in alcune piccole gare marginali; Ma la sua consacrazione arrivò nel 1973, quando arrivò in terra italiana come primo colombiano al Giro d’Italia.

READ  Serie A italiana: Nahuel Molina-Roma | L'Udinese pareggia con un gol, mentre Lottaro Martinez e Joaquin vengono sostituiti dall'Inter, seconda con una vittoria sulla Corea.

Prima di lui nessun corridore del caffè aveva partecipato alla corsa più importante del ciclismo italiano, quindi la sua presenza ha segnato una pietra miliare e ha aperto la possibilità alla partecipazione di Raffaele Antonio Nino e di altre leggende dello sport nazionale. Cochise divenne a quel tempo il precursore degli scarabei in Europa; E sebbene Lucho Herrera e Fabio Parra siano venuti dopo di lui e abbiano ottenuto un successo senza precedenti, è stato Pisa a dimostrare per primo il berengue e il talento del Maggiolino.

Martin Emilio Cochise Rodriguez è il primo colombiano al Giro d'ItaliaMartin Emilio Cochise Rodriguez è il primo colombiano al Giro d'Italia
Con Bianchi Campagnolo, Cochise ha aperto la porta a più ciclisti colombiani per unirsi a squadre europee, anche se il ciclismo nel paese non era professionistico.

| Potrebbe interessarti anche: Varda, Cafe de Colombia e altri marchi che scommettevano sul ciclismo colombiano quando nessuno ci credeva

Il posizionamento del Giro all’esordio e alle altre vittorie

Non contento di essere il primo colombiano al Giro d’Italia, Martin Emilio Cochise Rodríguez è diventato il primo colombiano a vincere una tappa in tre grandi giri, e lo ha fatto proprio nella corsa italiana. Il 3 giugno 1973, il ciclista di Antioquia divenne uno dei rari ciclisti a vincere una tappa al suo debutto, il primo nella Tappa 15. Il tratto di quella tappa era di 150 km da Firenze a Forte dei Marmi e, sebbene alla fine sia arrivato 41esimo assoluto, è stato sufficiente per renderlo un eroe nazionale.

Cochise gareggiò in altri 2 Giri d’Italia nel 1974 e nel 1975 e fece bene, finendo rispettivamente 18° e 33°. Inoltre, è stato anche il primo colombiano a partecipare al Tour de France nel 75, riaffermando la sua immagine di primo ciclista esportatore del paese. Tra le sue vittorie, ha 4 Vuelta a Colombia e un record di 39 posizioni nel torneo, di cui 12 nel Clásico RCN. Ha vinto la Vuelta al Táchira, la Vuelta al Valle del Cauca, il Gran Premio Ciudad. De Comaire e tanti altri premi nel ciclismo su pista. Oggi, all’età di 82 anni, potete star certi che è grazie a lui se la Colombia è diventata il Paese degli scarabei.

| Da non perdere:

READ  Dove si mangia bene in Italia o in Spagna?

Segui Las2orillas.co su Google News

-.