Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cinque missili sono stati lanciati dall'Iraq verso una base militare americana in Siria

Cinque missili sono stati lanciati dall'Iraq verso una base militare americana in Siria

Soldati dell'esercito americano presidiano un checkpoint di veicoli da combattimento della fanteria Bradley su un'autostrada nel nord della Siria, il 26 ottobre 2020, vicino a Qamishli, Siria. Politica Europa Stampa/Comunicazione/Spc. Jensen Guillory/Planetp

Almeno cinque missili sono stati lanciati domenica dalla città irachena di Zammar verso una base militare americana nel nord-est della Siria.Hanno detto Reuters Due fonti della sicurezza irachena

L’attacco alle forze americane è il primo dall’inizio di febbraio, quando i gruppi sostenuti dall’Iran in Iraq hanno fermato i loro attacchi contro le forze americane.

L'attacco arriva un giorno dopo le dichiarazioni del primo ministro iracheno. Muhammad Shiaa Al-SudaniTornerà da una visita negli Stati Uniti e incontrerà il presidente Joe Biden alla Casa Bianca.

Due fonti della sicurezza e un alto ufficiale dell'esercito hanno detto che un lanciarazzi era attaccato al retro di un camioncino parcheggiato nella città di confine di Homs. oboista Con la Siria.

L'ufficiale militare ha detto che il camion ha preso fuoco a causa dell'esplosione di missili non sparati proprio mentre gli aerei da combattimento volavano sopra di loro.

Un ufficiale militare, che ha richiesto l’anonimato a causa della delicatezza dell’incidente, ha dichiarato: “Non possiamo confermare che il camion sia stato bombardato da combattenti americani a meno che non indaghiamo sull’accaduto”.

Un funzionario della sicurezza nella città di Zammar ha detto che le forze di sicurezza irachene si sono schierate nella zona e hanno iniziato la ricerca degli autori del reato che sono fuggiti dalla zona utilizzando un'altra macchina.

Un ufficiale dell'esercito ha detto che il camion è stato sequestrato per ulteriori indagini. Dalle prime indagini risulta che sia stato distrutto da un attacco aereo.

READ  Un altro venerdì di scontri a Gerusalemme | Più di cinquanta feriti nei recinti delle moschee

L'ufficiale ha aggiunto: “Stiamo comunicando con le forze della coalizione in Iraq per scambiare informazioni su questo attacco”.

Gli attacchi sono avvenuti il ​​giorno dopo che una grande esplosione in una base militare in Iraq sabato mattina ha ucciso un membro di una forza di sicurezza irachena che comprende gruppi sostenuti dall'Iran. Il comandante della forza ha detto che si trattava di un attacco, mentre l'esercito ha detto che stava indagando sulla questione e che in quel momento non c'erano aerei da combattimento in cielo.

Lo hanno detto sabato le autorità irachene Una persona è morta e altre otto sono rimaste ferite In Esplodepresumibilmente causato da A Attacco aereoIn Una base militare appartenente al gruppo delle Forze di mobilitazione popolare sciite filo-iranianeCiò avvenne alla presenza dell'Esercito della Patria Araba di stanza a nord di Baghdad.

La Cellula di Sicurezza, portavoce ufficiale dell’esercito e della polizia irachena, ha spiegato in un comunicato: “L'esplosione, che ha provocato diversi incendi, è avvenuta all'una ora locale di sabato (11.00 GMT) nella base di Kalsu. E Ha causato la morte di un membro delle Forze di mobilitazione popolare e il ferimento di otto personeTra loro c’è un soldato dell’esercito”.

Ha indicato che lo era Base comune Comprende il quartier generale dell'esercito, della polizia e delle milizie delle forze di mobilitazione popolare nel governatorato di Babil, situato a circa 80 chilometri a sud-est della capitale irachena.

Il memorandum ufficiale non conferma né smentisce le dichiarazioni di fonti della sicurezza irachena che ieri mattina confermavano che si trattava di un attentato.Per aerei non identificati“Lo ha sottolineato”È stato formato un comitato tecnico superiore specializzato (…) per determinare le ragioni Esplosione e incendi alla base.

READ  Il governo richiederà a tutti gli utenti di gas ed elettricità di registrarsi in un registro per determinare chi continuerà con i sussidi

(Informazioni da Reuters)