Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cile scosso da brutali crimini commessi dagli ambientalisti

Il cadavere mutilato dell’ecologista 43enne Javiera Rojas, trovato in una casa nella città di Calama, non lascia dubbi sul fatto che sia stato un crimine orribile quello che sconvolge il Cile in questi giorni, mentre indaga su un telefono cellulare.

Tra le sue conclusioni preliminari, la Procura ha evidenziato il tradimento e la crudeltà con cui entrambi gli imputati hanno perpetrato questo violento crimine.

Rojas, che è apparso morto con mani e piedi legati, è accreditato di un track record di difesa ambientale.

La Procura distrettuale di Calama riferisce che è stata formalizzata un’inchiesta nei confronti di due individui, le cui identità sono tutelate su richiesta delle autorità: “JPDB”, accusato di femminicidio, e “MLS”, accusato di Uccisione qualificata.

entrambi Sono in prigione Precauzionale, «perché ritenuto un pericolo per la sicurezza della collettività».

Citato dal procuratore Christian Aliaga, il giornale locale Terzo Ha pubblicato che il primo di loro, 29 anni, sarebbe il partner della vittima, mentre il secondo, 23 anni, sarebbe un cittadino straniero con una relazione meno stretta.

L’ufficiale giudiziario ha osservato che l’edificio minorile era in uno stato di “rovina”, in quanto sono state registrate diverse incursioni per casi di droga.

La Procura della Repubblica ha affermato nel suo testo ufficiale che il reato è stato commesso il 27 novembre.

/ Codice Casa /

/codice di incorporamento finale/

READ  Ha rasato la lama di qualcun altro e si è infettato - Notizie

Fin dal giorno prima l’imputato l’ha sottoposta a ogni tipo di tortura: “Sul luogo dell’incidente, la vittima e l’imputato si sono scontrati per apparenti problemi finanziari, poi le hanno legato mani e piedi, e poi l’hanno picchiata ripetutamente sul cranio e corpo e lo pugnalò con diverse coltellate agli arti inferiori”.

Secondo gli inquirenti, la donna è morta nello stesso luogo, ed è stata ritrovata il giorno successivo, p Una delle persone coinvolte aveva rivelato la cosa a un vicino.

Tra le sue opere più importanti, mette in evidenza la sua opposizione alla costruzione del bacino idrico di La Tranca nel 2018, all’interno della città di El Durazno, nella Valle di Cogotí, nel distretto di Coquimbo.

I media hanno rivelato all’epoca che era a capo del gruppo ambientalista Valle de El Durazno il contatore e Attualità.rt.com.

A seguito dell’annuncio del delitto, il Movimento per l’acqua e la terra (MAT) ha spiegato: “Il contesto confuso fin qui descritto non ci consente ancora di affermare che sia dovuto alla sua capacità di difensore, tuttavia possiamo affermare che è inquadrato nel quadro della violenza di genere che viola le donne ogni giorno”.

/ Codice Casa /

/codice di incorporamento finale/

“Questo crimine non può rimanere impunito”, ha detto il candidato presidenziale di sinistra, Gabriel Borek Font.

L’attuale vice ha collegato l’omicidio di Rojas alla sua posizione di attivista.

Ha poi chiesto “di proteggere i difensori ambientali dallo Stato e di lavorare per prevenire intimidazioni, molestie e aggressioni a coloro che combattono per l’ambiente”.

Prima la componente Barbara Sepulveda Hales aveva espresso: “In Cile è molto pericoloso proteggere l’ambiente, in una democrazia piena si è oppressi, vessati, vessati Uccidere gli attivisti ambientali“.

READ  Chi è Cecilia Nicolini, la consigliera presidenziale scalatrice di vaccini che ha più potere di tanti ministri

“Difendere le risorse naturali del Cile oggi è più pericoloso che depredarle”, ha criticato il sindaco di Recoleta Daniel Gado.

“Stava combattendo contro la principale centrale termica e il bacino idrico di La Tranca, e nessun altro attivista poteva perdere la sua vita e rimanere impunito”, ha aggiunto la deputata comunista Camila Vallejo Dowling.

Attualmente, i pubblici ministeri non hanno affermato che esiste un legame tra il crimine e la carriera ambientale di Rojas.