Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ci sono voluti 375 anni per trovare la mappa che mostra le dimensioni del continente sommerso nell’Oceano Pacifico

Ci sono voluti 375 anni per trovare la mappa che mostra le dimensioni del continente sommerso nell’Oceano Pacifico

Fu nominata da Aristotele, Eratostene e più tardi dal cartografo Tolomeo Terra australis ignota. Alla ricerca di questo continente immaginario, che nella Grecia classica si pensava esistesse dall’altra parte del mondo a causa della sua simmetria geometrica, l’esploratore olandese… Nel 1642, Abel Tasman trovò una nuova terra, le isole che oggi conosciamo come Nuova Zelanda.. Ma questo sembrava troppo piccolo per essere quello che stavo cercando.

Ci sono voluti 375 anni per confermare il nome del continente La Nuova Zelanda esisteva giàSebbene fosse in gran parte invisibile a occhio nudo: Il 94% è sott’acqua.

Ora è stato completato un nuovo studio La mappa definitiva della Nuova Zelanda O come è noto in Maori, te reo a maui.

Ad uno studio pubblicato sulla rivista “Tectonics” hanno partecipato scienziati della GNS Science neozelandese Ha creato una nuova mappa dettagliata dei confini della Nuova ZelandaChe hanno potuto preparare grazie a campioni di roccia prelevati dal fondale oceanico. Il continente si estende lungo 5 milioni di chilometri quadratiLa sua intera superficie non è stata ancora determinata.

Nuova Zelanda rispetto ad altri paesi

La sua storia è legata alla storia del Gondwanal’antico supercontinente che, quando si divise centinaia di milioni di anni fa, creò i continenti che conosciamo oggi che, a seconda del paese in cui si studiava, potevano essere sei o sette continenti.

La Zealandia si sciolse circa 80 milioni di anni fa Ma, a differenza dei continenti vicini Antartide O l’Oceania, la maggior parte del suo territorio era sott’acqua.

Territori occupati dalla Nuova Zelanda

L’unica parte della Terra che rimane in superficie sono le isole Nuova ZelandaI territori francesi della Nuova Caledonia e i piccoli territori australiani dell’Isola di Lord Howe e della Pyramid Bull. Trovandosi sotto l’oceano, la Nuova Zelanda è stata poco e poco studiataIl che crea contraddizioni sulla sua forma e sui suoi confini. Finora è stata mappata solo la parte meridionale del continente.

READ  È aumentato il bilancio delle vittime dell'attacco russo con droni iraniani a una stazione ferroviaria in Ucraina: cinque morti

Grazie a una nuova ricerca del geologo Nick Mortimer, i due terzi mancanti sono stati identificati e le mappe esistenti sono state riviste, quindi “La mappatura geologica per la ricognizione terrestre e marina dell’intero continente neozelandese di 5 milioni di chilometri quadrati è stata ora completata”.Lo studio dice.

Per fare ciò, il team di geologi e sismologi ha studiato campioni di rocce e sedimenti raccolti sul fondo dell’oceano, principalmente da crateri, e anche campioni apparsi sulle spiagge delle isole della regione. I basalti, le arenarie e le arenarie sono stati analizzati e datati.

I ricercatori hanno scoperto che le arenarie risalgono al periodo Cretaceo superiore (circa 95 milioni di anni fa) e contengono granito e ghiaia vulcanica del periodo Cretaceo inferiore (da 130 a 110 milioni di anni fa). Il basalto risale all’era dell’Eocene (circa 40 milioni di anni fa).

Questi risultati, combinati con i dati delle anomalie magnetiche regionali e le informazioni di altri studi, hanno aiutato gli scienziati a raggiungere questo obiettivo Mappa geologica subacquea della Nuova Zelanda settentrionale.

Dopo quel primo avvistamento europeo nel 1642 da parte di Abel Tasman (che in seguito diede il nome all’isola di Tasmania), Altri esploratori e scienziati hanno esplorato le acque della Nuova Zelanda Alla ricerca del continente perduto senza rendersi conto che stanno fluttuando sopra di esso.

La prima vera prova della sua esistenza fu raccolta dal naturalista scozzese James Hector, che studiò le isole al largo della costa meridionale della Nuova Zelanda nel 1895 e concluse che il paese è “i resti di una catena montuosa che formava la cresta di una vasta area continentale che si estendeva a sud e a est, e che ora è sommersa”. Poi eNel 1995, il geofisico americano Bruce Luyendyk descrisse nuovamente l’area come un continente e suggerì di chiamarla Zealandia..

Il Monte Cook, il più alto della Nuova Zelanda, è anche il più grande dell’intero continente neozelandeseImmagini Getty

La profondità della crosta continentale è solitamente di circa 40 kmdy è molto più spessa della crosta oceanica, che in genere è spessa solo circa 10 km.

READ  Giovedì 1 luglio arriveranno in Colombia 2,5 milioni di vaccini donati dagli Stati Uniti

La profondità della Nuova Zelanda è di circa 20 km Perché la sua piattaforma si espanse notevolmente quando si separò dal Gondwana. Essendo così sottile, alla fine affondò, anche se non raggiunse mai il livello della normale crosta oceanica.

Gli scienziati ritengono che, sia a causa dell’altezza della sua crosta che del tipo di rocce di cui è composta, La Nuova Zelanda è sicuramente un continente.

A parte l’interesse scientifico, cambierebbe qualcosa se i ricercatori definissero la Nuova Zelanda un nuovo continente? SÌ.

Secondo la Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare, I paesi possono espandere i loro territori legali oltre la loro zona economica esclusivaChe raggiunge i 370 km di altitudine dalle sue coste, per rivendicare la sua “piattaforma continentale estesa”, con tutte le sue risorse minerarie e petrolifere.

Dimostrare che fa parte di un continente più grande, La Nuova Zelanda potrebbe aumentare il suo territorio di sei volte. Ciò significa che il denaro stanziato per l’esplorazione marina è raddoppiato negli ultimi anni.