Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Che fine ha fatto la scoperta che ha fornito indizi su come il mammut lanoso sia stato “resuscitato”?

Che fine ha fatto la scoperta che ha fornito indizi su come il mammut lanoso sia stato “resuscitato”?

Colossal Bioscience cerca di “far rivivere” i mammut creando ibridi con gli elefanti asiatici. (Reuters/Russell Chen)

La notizia che un gruppo di studiosi cerca Ibridi di mammut lanosi Camminando nell’Artico dopo che la specie scomparve circa 4.000 anni fa, ha risuonato nel 2021 dopo che il genetista di Harvard George Church lo ha co-fondato con l’uomo d’affari Ben Lamm. Scienza biologica fenomenica.

La domanda principale sollevata dall’annuncio di questo progetto futuristico era: i mammut lanosi? Rimbalzerà Quasi?. I risultati pubblicati di recente potrebbero avere la risposta, poiché rappresentano un importante passo avanti negli sforzi per riportare in vita questa specie.

Gli scienziati responsabili della ricerca sperano che raggiungendo uno dei primi grandi obiettivi del progetto”De-estinzione“Per i mammut, permette loro di far rivivere ibridi concepiti nel grembo di una madre surrogata di un elefante asiatico, il loro parente vivente più prossimo.

Un’importante scoperta potrebbe fornire risposte alla domanda se i mammut torneranno presto alla vita. (Carmelite House, Londra, 1907) (Foto di The Print Collector/Getty Images)

Uno degli ultimi sviluppi scientifici è stato annunciato all'inizio di marzo di quest'anno da Scienza biologica fenomenicache si considera la prima azienda al mondo nel campo della lotta all'estinzione, attraverso un comunicato stampa in cui ha confermato che le cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) sono state ottenute con successo da… Elefanti asiatici (Massimo l'elefante), il parente vivente più prossimo dei mammut.

cellula iPSC, secondo Istituto della California per la medicina rigenerativa (CIRM), è un'unità base estratta da qualsiasi tessuto che sia stato geneticamente modificato per comportarsi come una cellula staminale.

READ  Collegamento WhatsApp Plus giugno 2023 | Scarica l'ultimo APK | Notizie | collegamento | fuoco multimediale | WhatsApp Plus Rosso | nnda | nnni | Gioca a DEPOR

Questa scoperta aiuterà gli scienziati a esplorare il maggior numero di adattamenti che distinguono i mammut lanosi dagli elefanti asiatici.

Gli scienziati hanno sottolineato che il progresso nelle cellule degli elefanti si estende “oltre” il progetto di estinzione e che saranno in grado di testare le modifiche genetiche senza estrarre tessuti dagli animali viventi.

“Queste cellule rappresentano certamente un enorme vantaggio per i nostri sforzi di estinzione”, ha affermato Ireona Hesoli, capo del Dipartimento di Scienze Biologiche e leader del gruppo di ricerca. Scienza biologica fenomenica nel mezzo Scienze vive.

Ancora più importante, questi progressi potrebbero rivelare i processi cellulari e genetici dietro caratteristiche come la loro pelliccia lussuosa, lo strato isolante di grasso, le zanne ricurve e il cranio a forma di cupola, che hanno permesso al mammut lanoso di sopravvivere nell’Artico.

Secondo George Church, cofondatore di Colossal Bioscience e rinomato genetista di Harvard, gli elefanti potrebbero vincere il premio come “animale più difficile da riprogrammare”.

Hesoli ha affermato che per ottenere questo progresso gli scienziati hanno dovuto sopprimere i geni chiamati TP53 che regolano la crescita delle cellule e impediscono loro di moltiplicarsi indefinitamente.

“Abbiamo dovuto sopprimere questo percorso in due modi per ottenere queste iPSC, quindi abbiamo dovuto seguire un processo in più fasi per ottenerle”, ha affermato Hesoli.

Questa scoperta potrebbe significare una svolta nello sviluppo iniziale degli elefanti, secondo l'agenzia di stampa stampa europeaÈ considerato il più grande ostacolo all'”estinzione” del mammut lanoso, perché se potessero creare un embrione di questa creatura preistorica combinato con cellule di elefante, dovrebbero impiantare l'embrione in una madre surrogata che porterebbe il mammut. Affrettati per 22 mesi..

READ  Il prossimo candidato per una supernova galattica?

“Il periodo di gestazione di un elefante è molto lungo e complesso, quindi è molto importante comprendere veramente la biologia evolutiva dell'elefante”, ha detto Hesoli.

Questo progresso consentirebbe agli scienziati di imitare le caratteristiche che hanno permesso ai mammut di sopravvivere nell’Artico prima della loro estinzione. (Love Dalin/Dispensa via Reuters)

Per quanto difficile possa sembrare, lo scienziato ha sottolineato che progettare un feto di mammut non è una “grande sfida”. D'altro canto, dare alla luce un vitello sano richiederà più tempo e dedizione.

Nel frattempo, il team continuerà a studiare metodi selettivi per generare iPSC specifiche per gli elefanti e a far maturare tutti quelli che hanno sviluppato.

Vincent Lynch, biologo dello sviluppo e professore associato presso l'Università di Buffalo a New York, non è coinvolto nel progetto. Scienza biologica fenomenica annunciato a Scienze vive Si ritiene che l'obiettivo dell'azienda sia quello di convertire le cellule staminali pluripotenti indotte in sperma e ovuli, che consentiranno agli scienziati di fecondare artificialmente la madre surrogata e quindi eseguire la “maternità surrogata”.

“Questi metodi sono molto impegnativi e non sono ancora stati sviluppati, ma è solo questione di tempo”, ha detto Lynch.