Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Celak affronta una nuova minaccia da destra  opinione

Celak affronta una nuova minaccia da destra opinione

Celak ha tenuto il suo ottavo vertice presidenziale, mentre In America Latina i piani dell’estrema destra avanzano E si rafforzano Modelli autoritari e progetti neoliberali.

A Saint Vincent e Grenadine, l’arcipelago caraibico che dallo scorso anno detiene la presidenza ad interim dell’organizzazione regionale, il vertice si è tenuto il 1° marzo e i suoi assi principali erano: La sicurezza alimentarestrategia sanitaria, Cambiamento climatico E il preservare la pace Nella regione.

Al di là dei problemi discussi, e della loro importanza non solo nello scenario latinoamericano, ciò che più ha colpito è stato il basso numero di presidenti e autorità governative intervenute al conclave: su un totale di 33 capi di Stato, solo 15 hanno partecipato, di cui 7 erano la regione dei Caraibi.

Si tratta di una novità importante rispetto al vertice annuale, che fino al 2023 era ancora considerato uno spazio centrale di incontro e confronto, ma anche di dibattito e confronto tra governatori di tutta la regione.

Allo stesso modo, la presenza di leader e primi ministri dei Caraibi riflette chiaramente l’influenza della presidenza guidata da St. Vincent e il sostegno di fondo a un gruppo di governi insulari che operano come un blocco abbastanza omogeneo e all’interno del quale solitamente si sommano i voti. Elezioni strategiche e in spazi diversi come la CELAC e l’Organizzazione degli Stati Americani.

Il secondo elemento che ha dato una cattiva reputazione a questo vertice è l’assenza deliberata dei principali leader di destra in America Latina. All'Argentina mancheranno Javier Miley, Nayib Bukele dell'El Salvador, Daniel Noboa dell'Ecuador e Luis Lacalle Pou. Tra le altre cose, ha minimizzato l’impatto politico dell’incontro.

Dalla sua istituzione alla fine del 2011, la CELAC è stata promossa come un’entità preposta a preservare lo spazio comune contro l’ingerenza di potenze straniere.

READ  Uno studio mostra che una singola dose di alcol può cambiare in modo permanente il cervello

All’esclusione deliberata di Stati Uniti e Canada è sempre corrisposta l’accettazione da parte di tutti i leader che hanno voluto partecipare a questo progetto di integrazione, al di là del loro pensiero politico, per risolvere problemi comuni come la povertà, la fame, lo sviluppo, e quindi il cambiamento climatico e, soprattutto dopo l’emergere della pandemia, della crisi sanitaria e della sanità pubblica.

Per il disinteresse per lo spazio regionale, o per la mancanza di convinzioni sui meccanismi di articolazione e di integrazione, o, soprattutto, per l’esplicita volontà di avvicinarsi agli Stati Uniti invece di diffondere iniziative di cooperazione su scala regionale problemi comuni e nel territorio dell’America Latina, la verità è che il declino della destra in una regione come Celak è stato notevole in questa occasione.

Senza dubbio e Con otto governi di sinistra, Celak ha acquisito coerenza ideologica. Sotto l’influenza del Brasile, tornato alla guida dell’organizzazione dopo essere stato abbandonato durante il governo di Jair Bolsonaro, gli argomenti discordanti e neutrali hanno avuto meno impatto su questioni complesse, come, ad esempio, La situazione politica interna in Venezuela o la posizione sul conflitto tra Russia e Ucraina.

Ma nonostante la presenza di alcuni nomi chiave nella nostra regione, come Lula da Silva, Gustavo Petro e Nicolas Maduro, questa sessione non ha ottenuto una maggiore diffusione delle proposte da sviluppare fino al prossimo vertice del 2025.

Con un profilo più tecnico che politico, quello che ha avuto più visibilità sui social e sulla stampa è stato l– Condannare la politica di guerra perseguita da Israele a Gaza. L’annuncio era appropriato e tempestivo, ma era limitato nel far fronte alla realtà di una regione la cui ricchezza e risorse naturali sono minacciate dagli Stati Uniti, o quando ci sono nuovi progetti di riarmo nell’Atlantico meridionale da parte del Regno Unito, o tentativi di impegnarsi I governi latinoamericani favorevoli alla NATO nel conflitto in Ucraina.

READ  Un caccia F-16 dell'Aviazione Militare Bolivariana ha abbattuto un aereo nemico che violava lo spazio aereo venezuelano.

Attraverso un accordo congiunto, si è deciso di trasferire la presidenza ad interim al Honduras, cartina di tornasole per la politica estera del governo di sinistra di Xiomara Castro.

Allo stesso modo, è un riconoscimento implicito della rinascita dell'America Centrale dovuta alle politiche repressive di Bukele in El Salvador; A causa della complessa situazione interna in Nicaragua; A causa della crisi politica in Guatemala seguita alla vittoria elettorale dell'attuale presidente Bernardo Arévalo; Per quanto riguarda le prossime elezioni presidenziali a Panama, nelle quali fino a un mese fa il candidato principale, l'ex presidente Ricardo Martinelli, era stato squalificato dalla giustizia con l'accusa di reati di frode.

Allo stesso modo, si tratta di una geopolitica più ampia, più ampia Ondate migratorie verso nordCosì come la crescente disputa commerciale e i progetti infrastrutturali tra Stati Uniti e Cina, che hanno trasformato l’America Centrale in una delle regioni più calde del pianeta.

Ma la sfida principale di cui sarà responsabile Xiomara Castro è quella di guidare e mantenere un’entità il cui contenuto originario, basato sull’indipendenza e sui vincoli, i vari leader di destra cercheranno di svuotare, in base al suo allineamento diretto con Washington. all'intervento esterno. La sua mancata partecipazione a questo vertice presidenziale è semplicemente un avvertimento di ciò che potrebbe accadere.

In ogni caso è chiaro I leader di destra preferiscono non discutere e non rivelarsi D’altro canto, si incoraggiano presentando le proprie idee in spazi riservati e, soprattutto, al sicuro dalle intrusioni del pensiero critico, come è successo al Business Forum di Davos o al CPAC, l’incontro segreto di conservatori e trumpisti che si è svolto recentemente a Washington.

READ  Gli Stati Uniti hanno sollecitato la Russia a consentire a medici indipendenti di esaminare "immediatamente" Alexei Navalny.