Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Cambi Scaloni provato per la partita decisiva contro il Messico

Doha (SE) – Gli impianti di irrigazione dello stadio sono in funzione. La nazionale argentina esporrà le proprie fiches sul tabellone in pochi minuti Per cercare di trovare la strategia più adatta alla partita più decisiva. Fuori, un gruppo di tifosi tiene in mano una bandiera con la faccia di Diego Maradona e si chiede come ottenere la sicurezza per farli passare in modo che possano supportare i giocatori. E dentro lo stadio, per sedare le voci, il primo a scendere in campo, come non succedeva da quando la squadra argentina ha aperto qui gli allenamenti, è stato il primo a rompere la scena. Lionel Messi. È nell’ultima prova, nei 15 minuti in cui puoi vedere come i calciatori iniziano a muoversi, dovevi mostrare una parte della scena, solo una parte, perché la cosa veramente importante, l’effetto più importante, sarebbe successo quando l’area per le telecamere e i microfoni è stata “liberata”.

La conversazione è rimasta con tutte le luci accese. A centrocampo, Messi, Leandro Paredes, Alejandro Papu Gomez, Rodrigo De Paul e Lionel Scaloni hanno prodotto le immagini migliori. Risate, gesti di De Paul per far ridere il capitano e una prova in cui ha cercato di togliere ogni sintomo di pesantezza che potesse essere rimasto dopo la botta della squadra contro l’Arabia Saudita. “L’importante è come ti alzi”, ha detto Scaloni. Nei verbali della conferenza stampa prima di quest’ultimo esercizio prima del duello con il Messico e qui tutti hanno fatto sapere che erano in piedi.

L’Argentina si allena a Doha, Qatar Lionel MessiAnnibale Greco – La Nazione

In sottofondo è apparso, come non mai, il richiamo alla preghiera che risuonava dalle moschee, proprio nel momento in cui tutto il gruppo si sistemava al centro del campo per suonare il “maqam”. Lì è stato anche possibile vedere che sono tutti in buone condizioni, si muovono senza complicazioni. Non solo Messi potrebbe essere visto per intero, ma anche Caro Romero Partecipa all’attività senza problemi. Ma questo, con il passare delle ore, dimostrava che non aveva indicato nulla.

READ  Claudio Tapia: “Scaloni ha già individuato 23 nomi per il Qatar” | Il presidente dell'AFC ha annunciato che DT sta solo aspettando la conferma dello sviluppo dei feriti

Si vede poco, pochissimo della pratica della squadra argentina, ma con la fine della finestra che la FIFA apre, lo staff tecnico ha distribuito i pettorali gialli e lì l’incertezza è raddoppiata, perché chi li ha ricevuti sono stati gli undici giocatori e dentro loro non erano. Paredes. E se qualcuno volesse trarre delle conclusioni da questa valutazione, quello che è successo con gli attori ha suscitato ancora più intrigo perché questi prescelti sono stati: Gonzalo Montiel, Nicolas Otamendi, Lisandro Martinez, Christian Romero, Marcos Acuña; Rodrigo De Paul, Enzo Fernandez, Alexis McAllister; Angel Di Maria, Lautaro Martinez e Messi.

L'Argentina si allena a Doha, Qatar Lionel Messi
L’Argentina si allena a Doha, Qatar Lionel MessiAnnibale Greco – La Nazione

In questo contesto, nei minuti successivi sono state tracciate un’infinità di speculazioni, perché le ha fatte lui 12 bavaglini, perché ha dato anche Emiliano Martinez. Nonostante il tecnico abbia confermato che non adeguerà il modo di giocare della sua squadra, la cosa tangibile è che sembra che possa aggiustare molti degli interpreti. E l’influenza più importante è che non solo Paredes, emblema dello stile Scaloni in Nazionale, non ha ricevuto una delle pettorine in questione, ma all’ultimo momento c’era una forte circolazione che potesse essere sostituito da Guido Rodriguez. .

Nel test precedente ho modificato il rivestimento sui lati con Montiel e con Acuña Sembra sostenere l’idea. In mezzo al campo sembra che stia cercando più variabili, perché Scaloni non pensa solo all’addio di Paredes, ma discute anche tra Enzo Fernández anche Alexis McCallister dal settore occupato da Lo Celso.

La cosa concreta è che nel turno di prove ha svelato solo un’idea del suo telaio per il match più importante della sua moto. Scaloni ha continuato a testare variabili e in seguito ha iniziato a fare parte di ciò che voleva affrontare il Messico. Poi, nell’ultimo disegno che ha piantato sul campo dell’Università del Qatar, si vedeva che potevano esserci fino a cinque modifiche rispetto alla prima tappa di questo Mondiale, e quindi avrebbe fatto un’operazione importante.

READ  "Mi hanno chiamato dal Boca, ma ho chiesto una possibilità al River".

In linea di principio il più importante appare in difesa, in termini di quantità, ma è in mezzo al campo che ci sono più dubbi e l’effetto dell’eliminazione di Paredes sarà davvero grande. Dunque, Scaloni potrebbe avere calciatori del genere: Martinez. Montiel, Otamendi, Lisandro Martínez e Acuña; De Paul, Paredes, Guido Rodriguez, Enzo Fernandez o McAllister; Di Maria, Lautaro Martinez e Messi.

Per le grandi aziende, ci sono grandi decisioni. Quindi, il passo che Lionel Scaloni può fare con tutte queste variabili è un grande segnale, anche se non influirà in alcun modo, come ha detto, sul modo in cui la sua squadra si esprime in campo. Ora, in questo contesto, sorgono anche alcune domande: tutti i calciatori erano in perfette condizioni fisiche per partecipare ai Mondiali? È pericoloso apportare così tanti cambiamenti in questo momento? Non è facile rispondere a queste domande, anche se è chiaro che il polso di Scaloni non trema quando deve prendere una decisione.

Ulteriori informazioni su The Trust Project