Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bruxelles avverte di un rallentamento dell’economia spagnola nel 2024 e del deficit che rimarrà elevato

Bruxelles avverte di un rallentamento dell’economia spagnola nel 2024 e del deficit che rimarrà elevato

IL Economia spagnola Quest’anno dovrebbe crescere del 2,4%, due decimi in più rispetto a quanto previsto a settembre, ma il rallentamento nel 2024 sarà maggiore del previsto con una crescita dell’1,7%, secondo le previsioni del Fondo monetario internazionale. Previsioni economiche in caduta È stato presentato questo mercoledì da Commissione europea Il che lo conferma L’inflazione continuerà a moderarsi In Spagna e quello Invalidità generaleSebbene le misure adottate per mitigare l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia siano in fase di eliminazione, rimarranno al di sopra della soglia del 3% sia nel 2024 che nel 2025, quando si applicheranno le norme dell’UE. Patto di stabilità e crescita.

Nuove analisi continuano da Bruxelles La Spagna come principale motore dell’economia europea Quest’anno ha perso slancio a causa dell’aumento del costo della vita, della debole domanda esterna e dell’inasprimento della politica monetaria. Il commissario agli Affari economici ha spiegato: “In Spagna, dopo un buon inizio d’anno, l’attività economica rallenterà nella seconda metà del 2023 e nel 2024”. Paolo Gentiloni. Tuttavia, l’economia spagnola continuerà a crescere più di quella delle altre potenze dell’Eurozona GermaniaChe registrerà una contrazione del Pil (-0,3%), Olanda (0,6%), Italia (0,7%) o Francia (1%). Si tratta di uno sviluppo che ha spinto la Commissione a rivedere quest’anno, per la seconda volta consecutiva, la crescita nell’Eurozona e nell’Unione Europea, che prevede allo 0,6% (0,8% a settembre).

“I dati mostrano l’efficacia delle misure di politica economica adottate che permettono alla Spagna di guidare la crescita economica riuscendo allo stesso tempo a ridurre l’inflazione”, ha affermato il Ministero degli Affari Economici, che la dirige. Nadia Calvino Ciò evidenzia che la Spagna sarà il leader della crescita nel 2023, 2024 e 2025. Eurozona”, hanno aggiunto.

READ  Proteste in Europa: rivolte in Europa: contadini nei Paesi Bassi, tassisti in Italia, aziende di trasporto in Francia

Composizione interna, motore

Nonostante questo rallentamento generale, il nuovo scenario macroeconomico che Bruxelles si aspetta per quanto riguarda la crescita è positivo. La Spagna continuerà a crescere nel 2024 e nel 2025 al di sopra della media europea grazie alla domanda interna, che dovrebbe essere il “principale motore della crescita”. In futuro, sostenuto da un’ulteriore crescita del reddito reale delle famiglie e dal continuo allentamento delle pressioni sui prezzi.

Tra gli elementi che potrebbero contribuire ulteriormente a rilanciare l’economia c’è l’attuazione del piano di ripresa e l’accelerazione della sua erogazione ai beneficiari finali, che contribuirà a mantenere gli investimenti, soprattutto in macchinari e attrezzature. “Di conseguenza, si prevede che il PIL crescerà dell’1,7% nel 2024, prima di accelerare leggermente al 2% nel 2025, quando l’impatto della componente di prestito RRF recentemente approvata fornirà un ulteriore incentivo per la spesa che stimola la crescita”. fuori della commissione nella sua relazione.

I rischi non scompaiono, e indicano l’impatto prolungato sulla domanda a seguito dell’inasprimento delle condizioni finanziarie, soprattutto alla luce dell’elevato livello del debito estero, sia pubblico che privato, sebbene in diminuzione. Tuttavia, il crescente potere d’acquisto delle famiglie e la sana posizione finanziaria delle famiglie e delle imprese, “grazie alla minore leva finanziaria e alla liquidità accumulata negli ultimi anni, potrebbero allentare gli ostacoli ai consumi e agli investimenti”, affermano gli esperti della comunità.

Flessibilità del mercato del lavoro

Per quanto riguarda il mercato del lavoro, il rapporto sottolinea la continua creazione di opportunità di lavoro e il calo della percentuale di dipendenti temporanei nel settore privato che quest’anno sostengono la flessibilità in questo settore, nonostante il rallentamento della crescita occupazionale osservato dall’estate. Per questo motivo, “il tasso di disoccupazione dovrebbe scendere al 12,1% nel 2023 e continuare a migliorare nell’orizzonte di previsione, raggiungendo l’11,6% e l’11,1% rispettivamente nel 2024 e nel 2025”. Le previsioni prevedono anche un aumento “moderato” dei salari. E “allinearsi” alle soglie previste dall’accordo pluriennale siglato lo scorso maggio, “che non dovrebbe incidere in modo significativo sulla competitività di costo”.

READ  I deputati concordano sul fatto che i pregiudizi su Panama devono essere infranti

Le nuove previsioni forniscono anche prospettive positive per quanto riguarda l’andamento dell’inflazione. Bruxelles prevede che la Spagna chiuderà l’anno con un tasso di inflazione del 3,6%, grazie alla moderazione dei prezzi nell’economia. L’inflazione core, che esclude energia e alimentari, si modererà gradualmente nell’orizzonte di previsione e dovrebbe scendere al 3,4% nel 2024 e al 2,1% nel 2025.

Deficit superiore al 3%

Notizie correlate

Per quanto riguarda l’evoluzione del disavanzo pubblico, esso continuerà a diminuire, anche se in modo più moderato rispetto al 2021 e al 2022, a causa delle entrate fiscali indirette inferiori alle attese a causa del rallentamento dell’inflazione dei beni importati. Non aiuterà nemmeno la crescita della spesa, a causa del crescente costo delle pensioni, spinto dall’inflazione e dai consumi intermedi, a cui si aggiungono i due pacchetti di misure approvate dal governo a maggio, del valore di 2,7 miliardi di dollari, per mitigarne l’impatto. Prezzi più alti dell’energia, compresa l’estensione dell’imposta sul valore aggiunto, riduzioni dei prodotti alimentari di base e sostegno diretto ai settori dei trasporti terrestri e marittimi. Tutto ciò significa che la Spagna chiuderà il 2023 con un enorme divario nei conti pubblici, pari al 4,1% del Pil.

Per il 2024 e il 2025, Bruxelles prevede che, se il governo manterrà le politiche attuali, la Spagna continuerà a non raggiungere il suo obiettivo di deficit. Continuerà a diminuire grazie alla graduale eliminazione delle misure legate all’energia, ma raggiungerà il 3,2% nel 2023. Dato che l’impatto delle misure fiscali sul bilancio, come la tassa sulle istituzioni finanziarie o la Solidarity Legacy, si esaurirà al fine 2024. L’Autorità avverte di un nuovo leggero aumento dello scostamento di bilancio.2025 al 3,4%. Per quanto riguarda il debito, Bruxelles prevede che continuerà la sua traiettoria discendente nel 2023, scendendo al 107,5% per poi stabilizzarsi nel 2024-25 al 106,5%, che è lo spread favorevole tra la crescita del PIL nominale e il costo del servizio del debito.

READ  Sens Port avrà un impianto di idrogeno verde in cui verranno investiti 1.000 milioni