Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Brasile: L’estrema destra sfida il tribunale contro gli indigeni e prende di mira gli omosessuali |  Il Senato ha approvato una legge che limita il riconoscimento delle terre indigene

Brasile: L’estrema destra sfida il tribunale contro gli indigeni e prende di mira gli omosessuali | Il Senato ha approvato una legge che limita il riconoscimento delle terre indigene

L’estrema destra brasiliana ha dimostrato la sua forza parlamentare Ricorso alla Corte Suprema Approvando una legge che limita i diritti fondiari degli indigeniman mano che il progetto avanza Divieto di matrimonio tra persone dello stesso sesso. L’agenda conservatrice è stata fortemente ripresa durante il governo di Luiz Inacio Lula da Silva, e serve come una sorta di risposta alle recenti decisioni prese dalla più alta corte su questioni spinose che vanno contro il potente settore agricolo e, soprattutto, contro l’influente chiese evangeliche.

Vittoria della destra e della lobby agricola

Il primo passo di questa offensiva parlamentare, guidata dal Partito Liberale (PL) dell’ex presidente Jair Bolsonaro, è stato Approvazione del cosiddetto “quadro temporaneo”Quale Limita i diritti degli indigeni alle terre da loro occupate il 5 ottobre 1988Quando venne emanata l’attuale Costituzione brasiliana. Il disegno di legge è stato rapidamente approvato dall’intero Senato in un dibattito tenutosi una settimana dopo che la corte aveva respinto quel trattato legale con un voto di nove contro due, sancindo il diritto dei popoli indigeni alla terra che tradizionalmente occupavano.

Nelle ultime settimane, la Corte ha anche accettato di esaminare due casi che propongono di depenalizzare l’aborto fino a 12 settimane e il rilascio di marijuana, con limiti, per scopi ricreativi. “Stanno attaccando le campagne e ora vogliono l’aborto e la droga”.Lo ha detto il senatore Giorgio SaifÈ un ex ministro di Bolsonaro ed è una delle voci di estrema destra in Parlamento.

L’agroindustria, il principale motore del PIL del Brasile, ha festeggiato l’approvazione del quadro provvisorio con un risultato di 43 voti favorevoli e 21 contrari. IL Federazione brasiliana dell’agricoltura e dell’allevamentoLa principale entità rurale ha emesso un memorandum in cui si congratula con il Fronte parlamentare agricolo e il Senato per il provvedimento. “L’approvazione del Congresso nazionale ripristina la sicurezza giuridica e porta la calma sociale”.evidenziare l’entità.

READ  Cosa ha detto la rifugiata ucraina che è scappata con l'uomo che l'ha ospitata in Inghilterra

Il presidente del Senato Rodrigo Pacheco ha difeso l’autorità del legislatore di decidere su questo tema. “Non esiste alcun tipo di confronto con la Corte Suprema, è solo una posizione del Congresso, tenendo presente che crediamo che questioni di questo tipo dovrebbero essere discusse dal Congresso”, ha detto Pacheco.

Una volta approvato il quadro provvisorio, il progetto resta nelle mani di Lula, la cui base parlamentare ha già annunciato che il presidente porrà il veto. Ciò non farebbe altro che rimandarlo alle due Camere per nuove deliberazioni, che potrebbero gravare ulteriormente sul governo al Congresso.

La Corte Suprema ha stabilito, lo stesso mercoledì in cui il Congresso ha votato, che i produttori che hanno acquisito “in buona fede” terre tradizionalmente possedute dalle popolazioni indigene avevano diritto a un risarcimento da parte dello Stato.

La delimitazione delle terre indigene, un obbligo dello Stato ai sensi della Costituzione, è stata sospesa tra il 2019 e il 2022, durante l’amministrazione dell’allora presidente Jair Bolsonaro, ed è stata ripresa dal governo di Lula nello stesso anno. Durante il suo mandato, Bolsonaro ha giustificato il suo rifiuto di riconoscere le terre indigene con l’argomentazione che ciò renderebbe “non vitale” l’ulteriore sviluppo del settore agricolo.

Secondo i dati ufficiali Le popolazioni indigene occupano circa il 14% del territorio nazionaleÈ rappresentato da circa 500 aree già individuate, a cui si possono aggiungere altre 200 aree ancora in fase di analisi da parte delle istituzioni statali.

Gay e aborto sotto i riflettori

Nella stessa settimana, i conservatori, in segno di protesta contro le decisioni della Corte Suprema, hanno annunciato un’ostruzionismo in Parlamento, e hanno già bloccato diverse votazioni. Tuttavia, hanno promosso il dibattito sui tempi e altri progetti contrari alla Corte Suprema che colpiscono indirettamente Lula, che finora ha il sostegno del Parlamento sulle questioni economiche e fiscali ma non sull’“agenda dei valori e delle dogane”.

READ  L'Unione Europea cerca di rafforzare gli aiuti umanitari a Gaza dopo la tregua tra Israele e Hamas

Un progetto in corso propone di porre fine al matrimonio tra persone dello stesso sesso, sancito dalla Corte Suprema nel 2011 e sul quale il Parlamento non ha mai legiferato. Il testo è in fase di elaborazione in un comitato di rappresentanti, con una netta maggioranza per Bolsonaro, e sarà votato entro dieci giorni per poi passare alla sessione plenaria della Camera dei Rappresentanti.

La verità intende chiamare Referendum per consultare la popolazione sull’abortoLo decideranno i due consigli nelle prossime settimane. Hanno anche annunciato una mobilitazione nazionale il 12 ottobre, giorno in cui in Brasile si celebra la Giornata dei bambini, aprendo la strada ad una campagna finale verso questo referendum.

Questa è un’altra risposta diretta alla Corte Suprema, che ha accettato la causa per depenalizzare l’aborto fino a 12 settimane, intentata dal Partito Socialismo e Libertà al potere, che ha solo 14 deputati su 513 e non ha seggi al Senato. Queste questioni dovranno essere affrontate in sede legislativa, ma l’agenda anti-diritti ha ridato ossigeno a un conservatorismo che è sotto assedio da gennaio, quando attivisti di estrema destra hanno attaccato i quartieri generali delle tre potenze nazionali nel tentativo di cacciare Lula. .

Il 45% della popolazione approva l’aborto Il 52% lo respinge, mentre il resto non sa o non ha una posizione specifica, secondo un recente sondaggio condotto dalla società di consulenza Datafolha. Lo ha dimostrato l’indagine nazionale sull’aborto del 2021, finanziata dal Fondo sanitario nazionale brasiliano Una donna su sette ha avuto un aborto spontaneo entro i 40 anni Il 43% di loro ha dovuto essere ricoverato in ospedale per completare la procedura.

READ  Stati Uniti: l'FBI conferma l'uccisione dell'influencer Gabi Pettito | Il corpo è stato trovato nel Wyoming