Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

BIC Euronova è impegnata in modelli di business basati sull’economia circolare attraverso il progetto Cluster4Green

BIC Euronova è impegnata in modelli di business basati sull’economia circolare attraverso il progetto Cluster4Green

Il progetto europeo Cluster4Green, di cui è partner BIC Euronova, il Centro Europeo di Impresa e Innovazione di Malaga con sede nel TechPark di Malaga, mira a creare opportunità economiche promuovendo e sviluppando l’economia circolare del Mediterraneo.

Così, martedì e mercoledì scorsi, BIC Euronova, unico partner spagnolo di Cluster4Green, insieme agli altri partner provenienti da Francia, Italia, Libano, Giordania, Egitto e Tunisia, si sono riuniti in Tunisia per partecipare all’evento finale in cui L’implementazione di Cluster4Green si è conclusa con grande successo, dopo due anni di lavoro.



Beck Euronova ha dichiarato in una nota che durante l’incontro sono state discusse tutte le misure implementate come base per l’obiettivo del suddetto progetto europeo, ovvero creare modelli sostenibili basati sul concetto di economia circolare e capitalizzazione di progetti precedenti .

Modelli di business circolari che descrivono la logica di come un’organizzazione crea, fornisce e fornisce valore a tutte le parti interessate, massimizzando al tempo stesso i benefici sociali e rigenerando gli ecosistemi naturali. “Questo è esattamente l’approccio che il progetto Cluster4Green adotterà quando si tratterà di trasferire conoscenze e competenze formative nella regione del Mediterraneo”, hanno aggiunto.

Gruppo 4 verde

Durante la cerimonia di chiusura tenutasi in Tunisia, sono stati presentati e discussi i programmi di sensibilizzazione e formazione, nonché l’approccio di modellazione aziendale, elaborati per due anni dai partner del progetto.

Si prevede che le campagne di sensibilizzazione organizzate da Cluster4Green rafforzeranno la capacità istituzionale e la cooperazione tra le PMI, mentre il programma di formazione – coaching, mentoring e coaching delle PMI – mira ad aumentare la conoscenza della comunità imprenditoriale sui modelli di business dell’economia circolare e sulla loro applicazione.

READ  Il consumatore spagnolo dà più priorità al prezzo e va meno al negozio a causa di Covid | Aziende

È stato inoltre presentato e discusso il processo di creazione di due gruppi di stakeholder sinergici e interconnessi: il Cluster4Green Network e il Cluster4Green Capitalization Center. Quest’ultimo fungerà da pool congiunto per iniziative imprenditoriali verdi nei bacini settentrionali e meridionali del Mediterraneo.

Il Centro rafforzerà le collaborazioni e il trasferimento di conoscenze attorno ai tre pilastri di Cluster4Green: l’approccio strategico complessivo verso l’economia circolare; Modelli di business innovativi dell’economia circolare, nonché investimenti pubblici e privati.

Inoltre, il Centro raccoglierà e diffonderà i risultati delle iniziative pertinenti alle principali parti interessate e alle autorità pubbliche.

Modello di business circolare

Spiegano che, analizzando ciascuno dei 55 modelli di business design più popolari utilizzati sul mercato (classificati dall’Università di San Gallo in Svizzera), hanno concluso che sono necessari tre fattori per realizzare un modello di business circolare.

Nello specifico, il modello deve includere almeno una delle strategie di generalizzazione; L’organizzazione deve avere una reale intenzione di migliorare continuamente le proprie prestazioni ambientali. Il nuovo (futuro) modello circolare ha un impatto ambientale effettivamente inferiore rispetto al modello tradizionale, che dovrà essere dimostrato attraverso l’analisi del ciclo di vita (LCA).

Pertanto, sottolineano che “l’economia circolare si basa su un design più olistico che promuove la ricerca di nuovi modelli di business che si adattino meglio al contesto del 21° secolo e alle sue sfide ambientali e sociali”.