Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Le esportazioni dei Paesi Baschi hanno raggiunto livelli record prima dell’epidemia

Il commercio estero basco continua a mostrare un buon tono nell’ultima parte dell’anno nonostante il rallentamento dell’economia. Le aziende basche hanno esportato 20.983 milioni di euro tra gennaio e ottobre, ha già superato i numeri per tutto il 2020 in assenza di due mesi, ma quell’anno è stato condizionato dallo scoppio dell’epidemia e dalla chiusura di gran parte dell’economia durante il confinamento.

Quindi per trovare un riferimento valido bisogna confrontare i dati con i due degli anni precedenti e il tasso di esportazione finora quest’anno è molto vicino al tasso del 2019 e non troppo lontano dal 2018, quando il record di vendite all’estero dell’economia basca era raggiunto.

In particolare, la crescita delle esportazioni registrate è stata del 14,6% ad ottobre, superando i 2.292 milioni di euro. L’incremento cumulato nei primi 10 mesi è stato del 22,3%, con un surplus di oltre 4.000 milioni di euro rispetto alle importazioni, secondo i dati elaborati dall’Ustat.

Le esportazioni di prodotti energetici in ottobre sono cresciute del 434,7% anno su anno, mentre le esportazioni di prodotti non energetici (94% del valore totale), sono cresciute del 9,3%. Protagonista principale della ripresa delle vendite di energia è Petronor, che è gradualmente uscita dal letargo nel corso dell’anno e ad ottobre ha iniziato a mettere in funzione l’ultima unità di raffineria rimasta inattiva. Questa circostanza e il peso di Muskiz nell’economia di Biscaglia, mettono questa regione in cima

Questo mese ha visto anche il recupero di metalli e prodotti energetici (372,4%), metalli e loro prodotti (20,1%) e plastica e gomma (12,4%).

per questa parte, Le importazioni sono cresciute del 44,5% a ottobre 2021, per un valore di 2031,6 milioni di euro. Le importazioni di energia sono aumentate del 194,6% e le importazioni non energetiche del 22,4%.

READ  Draghi accusa diversi Paesi di aver aperto un conto in rubli per pagare il gas

La crescita più elevata delle esportazioni in ottobre è stata in Bizkaia del 24,4%, per effetto di un aumento dei metalli e dei loro prodotti (10,2%), e soprattutto dei prodotti in metallo e dell’energia (403,3%) che, con un aumento di 108 milioni, questo mese ha rappresentato il 15,7% del totale delle esportazioni di queste Regioni. Petronor è il catalizzatore di quella dinamica. L’incremento di Jibuzcoa è stato del 15,2% dovuto all’aumento dei metalli e lavori relativi (35,8%), della carta e lavori (30,8%) e dei materiali di trasporto (15,2%).

Fermata Mercedes

Per quanto riguarda Wagon, anche il saldo è positivo, con un incremento del 3,7%, superando il lieve calo registrato nel mese precedente (-0,8%). Tale inversione di tendenza è avvenuta in questa regione grazie all’aumento del 26,1% dei metalli e loro lavori, nonostante il lieve calo dei materiali da trasporto (-3,6%). In questo ultimo capitolo tariffario, vale la pena evidenziare il basso tasso di produzione di Mercedes-Benz a Justice.

Se si analizza lo sviluppo cumulato finora quest’anno, Bizkaia è anche la regione più in crescita e, con un aumento su base annua del 31,8%, guida le vendite di merci, raggiungendo 8412,6 milioni di euro. In Chariot, l’aumento è stato del 17,1% (5.994,6 milioni) e del 16,3% nel caso di Gibuzcoa (6.576,7 milioni).

Come di consueto e ripetuta domanda, nel mese di ottobre cinque paesi (Francia, Germania, USA, Regno Unito e Belgio) sono stati i principali clienti delle aziende basche, assorbendo il 49,8% del totale. Tre di loro appartengono all’Unione Europea 27, entità che rappresenta il 62% delle esportazioni basche.

Per quanto riguarda i principali paesi importatori, Germania (293 milioni), Francia (193 milioni), Messico (127 milioni), Cina (123 milioni) e Italia (103 milioni), tra i cinque, hanno rappresentato il 41,3% delle importazioni totali.

READ  La nazione/imprenditori italiani ha interesse in Paraguay

Esportazioni basche

20.983

Nei primi dieci mesi le aziende hanno emesso quasi 21 miliardi di euro. È il terzo numero più alto in quel periodo dell’anno, dopo i numeri record delle esportazioni per il 2019 e il 2018.

Di più

+ 22,3%

Se si confronta con lo sviluppo dello scorso anno, il commercio estero dei Paesi Baschi è cresciuto del 22% fino a ottobre. È solo l’1% del tasso del 2019 e il 3,1% del tasso del 2018.

Barriera 25000 milioni. Al ritmo attuale, l’economia basca supererà nuovamente i 25.000 milioni di esportazioni quest’anno e tornerà ai numeri pre-COVID.