Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Batista Grenon giocherà per Calvicano in Italia

Batista Grenon giocherà per Calvicano in Italia

“Questa possibilità di giocare in Italia è nata dal contatto con un agente BSMI, grazie al quale ha potuto ottenere questa opportunità a Calvicano. È una delle squadre più importanti del campionato italiano. Grenon ha rivelato all’ONU Santa Fe.

La terza riga, realizzata al Club El Quile, recita: “Calvicano è una squadra che gioca sia nel campionato italiano che nella top ten. I paesi, costringendoti a crescere come persona, sono i miei obiettivi”.

“Ho concluso un affare con Calvicano venerdì scorso, e appena concluso il contratto mi hanno mandato i biglietti per martedì 14, e sono arrivato il 15, una giornata intera, ho tempo fino al 20 settembre. Se mi arriva, Posso allenarmi di nuovo. Nel frattempo guardo in video gli spettacoli di line-out, e leggo gli spettacoli “, ha detto Batista, emigrato in Italia dal CRAI.

Il terzo giocatore in classifica che ha giocato la sua ultima partita contro il Santa Fe Rugby ha dichiarato: “Penso che questa grande mossa sia una grande opportunità perché ho più concorrenza e più tempo. E la possibilità di vivere qui in Europa, molte persone sogno, quindi voglio usarlo di più, voglio renderlo un’esperienza gratificante. “

“CRAI non ha avuto molto tempo per salutare la gente, perché c’erano solo due giorni, ero già venuto in Italia. È stato un po’ doloroso sapere che mi amava e mi sosteneva così tanto ma era così commosso, quindi il la verità è stata dura, ma molto emozionante. Sono così felice di essere venuto a giocare in Europa, ovviamente. Non dimenticherò mai le radici, i miei amici e il mio club “, ha detto un ex membro del XV argentino.

Suo fratello Thomas Grenon, un ex giocatore CRAI, sta attualmente giocando a rugby australiano e ha detto della reazione di “Australian Grenan” Tommy era molto felice perché mi ha sempre sostenuto su questa idea. Inizialmente mi ha detto, ho giocato nel nostro paese per il più a lungo possibile, per molto tempo, quando ho detto loro che non mi prendevano in considerazione, mi ha sostenuto nella mia decisione di giocare a rugby italiano.

Infine, ha spiegato, “Sono fortunato a non lavorare in Italia perché sono diventato un professionista, e per vivere di rugby. Devo dedicarmi solo all’allenamento e al gioco. Anno molto speciale.