Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Bandiera di Bilbao

Bandiera di Bilbao

ENel bel mezzo di una città devastata da un terremoto nove anni fa, un basco di 29 anni di Guernica ha tenuto ieri tutte le lezioni apprese in nove anni come ciclista professionista e laureato in Attività Fisica e Scienze Motorie. I lettori di Marca conoscono già bene Bello Bilbao. Questo giornale ha registrato i suoi progressi, e in effetti è così È il momento di confermare che ha raggiunto il livello di maturità ideale. Quando è consentita la libertà di azione, è facile centrare il bersaglio. Questo è quanto visto ieri. Bilbao utilizzava tutte le scienze che si adattavano alla sua mente, sia innate che apprese, per scomporre sistematicamente ogni movimento nell'ambito di una vacanza con grandi corridori, si ripresentava dopo circa 120 minuti al ritmo di 48 all'ora. Onori.

José Joaquín Rojas è tornato in campo, accompagnato da Rubén Plaza, come successo ieri. Bello ha avuto il suo compagno di squadra Andrei Zets che ha fornito alcune delle migliori sequenze in attacco, mentre Rojas è stato superbamente accompagnato da Antóio Pedrero.

Coglie la sua prima vittoria in un grande evento e punta ancora una volta a conquistare le prime posizioni della classifica generale finale.

Murcian ha funzionato. Per sé, ma anche per i pescayani di Guernica. Rojas ha perso metri sulla Svolte di Boboli e sulle pendenze finali, quando mancava solo un cinque alla fuga, ma ha recuperato terreno nella zona meno difficile, dove ha toccato le vette di Bello, Davide Formolo, Lucas Hamilton, Mattia Cattaneo e Toni Galopin. Con l'immobilità e la forza attinte dalla parte inferiore del corpo, attaccò. Ha ottenuto un vantaggio. Formolo, che ha dato il massimo, prima di imbrigliare Hamilton, è rientrato di nuovo in campo. Bilbao sembrava restare e mettersi al riparo dagli inseguitori. A un chilometro e mezzo dal traguardo, come gli ha detto Alexander Schäfer dall'auto, ha attaccato. “Ci ho già pensato, era ora.” L'ultimo chilometro al 7% è stato perfetto per Bello. “Ho organizzato la gara cinque secondi prima della fine e l'ho conservata per gli ultimi 500 metri”, ha detto. Ha fatto tutto bene e “ha avuto il tempo di godersi la vittoria”. Rojas si è guadagnato il premio di promozione arrivando al secondo posto assoluto.

“Nelle corse penso il meno possibile, il più semplicemente possibile.”

Belo Bilbao si definisce un ciclista che “fa passi più piccoli rispetto agli altri corridori, ma migliora costantemente”. Si dice che potrebbe arrivare alla squadra Bahrain-Merida l'anno prossimo. Nella sua ascesa scientifica al primo posto, ha corretto la sua posizione sulla bicicletta, ha cambiato le sue abitudini alimentari e ha scoperto Intolleranza ad alcuni prodotti (Come molti altri, ad esempio Sasha Modulo, che se n'è andato ieri e ora è in quella guerra). La cronometro di Gerusalemme del Giro 2018 lo ha messo sulla strada del miglioramento della disciplina. “Spero che domenica non sia brutta né per me né per Miguel.” Miguel è il superuomo di Lopez, il presidente dell'Astana “al 100%”, nonostante la giornata “meravigliosa”, “gloriosa” e “impressionante” che Bello ha dipinto ieri parlando da solo. Al momento è l'undicesimo e 45 secondi meglio del capo

READ  Il ministro della Salute italiano è accusato di falsificazione di studi scientifici Scienze