Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Banana: Ecuador e contrabbando di armi verso l'Ucraina |  opinione

Banana: Ecuador e contrabbando di armi verso l'Ucraina | opinione

I cambiamenti in atto nel mercato globale degli armamenti potrebbero coinvolgere l’America Latina nel conflitto tra Ucraina e Russia, ma anche in futuri scenari bellici.

A gennaio è emerso l'interesse del governo ecuadoriano a trasferire armi di origine sovietica negli Stati Uniti. In cambio di armi “spazzatura”, come le definisce il presidente ecuadoriano Daniel Noboa (immagine)Washington si è impegnata a fornire nuove attrezzature militari per un valore di 200 milioni di dollari.

Questo accordo è stato considerato essenziale per modernizzare le forze armate dell'Ecuador e migliorare la loro capacità di mantenere la sicurezza interna in mezzo all'avanzata delle organizzazioni criminali e dei “cartelli terroristici della droga”.

È stato il vice segretario di Stato aggiunto dell'Ufficio per gli affari dell'emisfero occidentale del Dipartimento di Stato, Kevin Sullivan, a chiarire ciò che comunque era già noto. In una recente visita a Quito, ha confermato che si trattava di “un accordo per trasferire attrezzature al governo ucraino”. In sua difesa, Noboa ha dichiarato di non essere a conoscenza del fatto che le armi avrebbero avuto la loro destinazione finale in un paese in guerra, e quindi si è rifiutato di scambiare la sua “spazzatura” con nuovo equipaggiamento militare.

La retorica anti-interventista di Noboa non è riuscita a nascondere la completa disapprovazione espressa dalla Russia, che non solo ha accettato di spedire armi sovietiche negli Stati Uniti (vietato dai termini contrattuali tra i due governi) ma ha anche rifiutato il ruolo dell'Ecuador come fornitore. Risorse militari dell'Ucraina.

La minaccia di un embargo commerciale russo sulle banane, considerando che la Russia è il terzo partner commerciale della piccola nazione andina, è servita come miglior deterrente per ristabilire la neutralità storica della nazione andina e allontanarsi da offerte allettanti ma problematiche.

READ  Crescono in Israele le proteste contro la riforma giudiziaria promossa da Netanyahu: aspettatevi il discorso del primo ministro

Per ora è stata sospesa la strategia della Casa Bianca, secondo la quale lo scambio di vecchie armi con nuove armi consoliderebbe l’Ecuador come uno dei principali destinatari di risorse militari nella regione. Potrebbero esserci altri modi per raggiungere lo stesso obiettivo.

Inoltre, nello stesso processo si è cercato un allineamento politico diretto con Washington, il che potrebbe significare solo una rottura con Mosca e l’inclusione diretta dell’Ecuador in una guerra con enormi ripercussioni che ovviamente vanno oltre il terreno militare.

Il caso ecuadoriano sembra lasciare qualche insegnamento anche ai governi che intendono, per ragioni puramente speculative, abbandonare la neutralità di fronte a un conflitto che ha colpito gran parte del mondo, ma che non ha ancora preso forma, almeno in America Latina. , soprattutto grazie alla prudenza e al tentativo di unificare la regione, come scenario pacifico, dove prevalgono gli interessi di sicurezza nazionale e la storica neutralità diplomatica.

Tuttavia, queste circostanze potrebbero cambiare nel contesto dello spostamento del commercio globale di armi nel mezzo del conflitto tra Russia, Ucraina e paesi della NATO, ma anche di fronte ad altre guerre di crescente rischio come quella in corso in Ucraina. Medio Oriente. . Questa tendenza è agli inizi, ma è significativa per la politica estera latinoamericana.

Il caso dell’Ecuador ha avuto un importante precedente nel maggio 2022, quando l’allora presidente colombiano Ivan Duque ha approfittato dello status del suo Paese come ulteriore alleato della NATO e ha annunciato una missione militare in Ucraina per l’addestramento nelle tecniche di sminamento. L’avvento al potere di Gustavo Petro ha ostacolato questo processo portando la Colombia verso la neutralità.

READ  L’Ucraina aumenta la pressione sul fronte meridionale e in Crimea in attesa dei carri armati americani Abrams

Quasi parallelo alla fallita operazione in Ecuador, vale la pena ricordare anche il dono di due elicotteri di origine sovietica da parte di Javier Miley al presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj in occasione dell'inaugurazione presidenziale del 10 dicembre 2023. Un gesto che non è passato inosservato e che è piaciuto inosservato. Ha rivelato l'interesse dell'Argentina ad unirsi alla Casa Bianca.

Oggi, il fattore chiave fungerebbe da importante meccanismo di pressione per incoraggiare le spedizioni di armi in Ucraina.

Nuova politica sugli articoli per la difesa in eccesso (EDA).Articoli di difesa in eccesso(Consente al governo di Joe Biden di disporre di armi e veicoli militari per un valore fino a 500 milioni di dollari, fissare un prezzo per loro e venderli a basso costo (o addirittura regalarli) purché il paese destinatario sostenga i costi di trasporto. Un modo relativamente economico per garantire reti di fornitori e soprattutto una catena di fidelizzazione internazionale basata su un sistema di premi e riconoscimenti.

Sebbene solo un anno fa diversi paesi, come Brasile, Messico e Argentina, si rifiutassero di fornire armi all’Ucraina, oggi gli Stati Uniti stanno lavorando per creare le condizioni per una maggiore partecipazione dell’America Latina al mercato internazionale delle armi.

Per fare questo, Washington si avvale soprattutto dei nuovi governi di destra, nei quali la necessità di risorse militari ed economiche cerca di mascherare il loro desiderio di un accordo illimitato con la Casa Bianca e, con essa, la loro incapacità nel difendere allo stesso tempo gli interessi sovrani. Più della palese assenza di un appello alla pace e al dialogo tra le nazioni.

READ  Due paesi concentrano la più grande ricchezza globale