Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Aveva la tariffa migliore a Unne e ora lavora nell'ospedale più importante d'Israele

Aveva la tariffa migliore a Unne e ora lavora nell'ospedale più importante d'Israele

Il dottor Carlos Caparra (Caffrey) ha ricevuto il miglior GPA della sua classe. I ricorrenti problemi economici del paese lo hanno portato a stabilirsi a Beersheba, dove lavora come uno dei direttori del dipartimento di cardiologia interventistica presso l'ospedale universitario di Soroka.

Beersheba è una delle città più antiche di Israele. Si trova nel sud della regione, con una popolazione di 198.000 persone, e la più grande popolazione israeliana è concentrata nel deserto del Negev. È menzionata nel Libro della Genesi e oggi è una delle regioni più diversificate e in più rapida crescita.

In quella città e in questo contesto opera il Soroka University Medical Center, considerato il più grande ospedale pubblico in Israele. Con 1.173 posti letto, l'ospedale serve più di 1,2 milioni di persone e copre un'area che comprende il 60% del territorio del Paese. Questo complesso sanitario è uno dei tre complessi sanitari associati alla Facoltà di Medicina dell'Università Ben Gurion.

Dal 1990, il medico di Corrientes Carlos Caparra (Caffrey) lavora in questo ospedale. Quasi 34 anni dopo essere entrato a far parte del Dipartimento di Medicina Interna come residente, oggi è responsabile della Direzione dell'Unità di Cateterizzazione ed Emodinamica del Dipartimento di Cardiologia Interventistica del Soroka Medical Center.

Borse di studio e iperinflazione

Si formò presso la Facoltà di Medicina dell'Università Nazionale del Nord-Est (Unne), dove si laureò con il massimo dei voti nel 1982, e continuò la sua specializzazione in cardiologia come residente presso il “Gral. José Francisco de San Martín”. di Corrientes e, grazie ad una borsa di studio del Rotary Club, è entrato presso l'Instituto Ignacio Chavez, Cardiologo Nazionale del Messico tra il 1987 e il 1989, dove si è specializzato in “Elettrofisiologia”.

Al suo ritorno fu fondato l'Istituto di Cardiologia Juana Francisca Cabral. Tuttavia, l’impatto economico dell’iperinflazione imposta dal governo di Raúl Alfonsín lo portò a decidere di stabilirsi in Israele, dove occupò una posizione di rilievo nello staff del Centro medico Soroka, dove svolse anche compiti accademici e scientifici.

READ  I motivi per cui l'olio d'oliva fa ciò che il cibo o le medicine non possono fare

attrezzatura

In qualità di direttore dell'unità di cateterizzazione ed emodinamica – carica che ricopre da 18 anni – è responsabile di 7 medici specialisti e 20 specialisti tecnici, tra cui infermieri, radiologi, biotecnici e amministratori.

La giornata lavorativa inizia alle 7.30 con la riunione dell'équipe cardiologica, al termine della quale si svolge l'attività accademica (costituita da studenti del terzo e sesto anno della laurea) con i pazienti ricoverati nell'area. Una volta alla settimana gli studenti ricevono una presentazione dei casi chirurgici che sono stati o saranno eseguiti.

Anche i servizi medici forniti dalla regione sono estesi. “Abbiamo due sale di cateterizzazione e una sala di elettrofisiologia. Ogni giorno vengono cateterizzati in media 12 pazienti. Secondo le nostre statistiche, eseguiamo tra 2.500 e 3.000 cateterizzazioni all'anno, il 95% delle quali riguarda pazienti con malattia coronarica.”

Sempre nell'unità di loro responsabilità eseguono trattamenti strutturali, come l'impianto della valvola aortica; Impianto percutaneo del dispositivo Mitraclip, chiusura di perdite di valvole protesiche, ecc.

Educazione permanente

La posizione raggiunta dal dottor Kabara (Caffrey) è – nelle sue parole – il risultato di un grande sforzo “dal suo arrivo in un paese di cui non conosceva la lingua, alla formazione permanente rafforzata dalla ricerca scientifica e dalle pubblicazioni”.

Oltre al lavoro svolto in tutti questi anni nel suo mestiere, il merito è anche della preparazione ricevuta a Unne. “Era responsabile della cattedra di anatomia, dove sono stato anatomista per molti anni”, ricorda gli insegnanti che lo hanno distinto durante i suoi anni da studente, come il dottor Julio Domingo Civita.

Nell'elenco dei professori in cui la memoria è legata all'affetto ci sono anche i dottori Alberto Lifshitz; Felipe Lanari e il dottor Beneventano sono “stupendi maestri che hanno accompagnato la mia formazione”.

READ  Si può perdere peso mangiando apposta la tenia?

I dottori Jorge Reynaldo Badaraco e Joaquin Garcia, “i miei mentori nella mia specialità di cardiologia”, non possono essere esclusi da tale elenco. “Hanno trasmesso lo spirito di gestione medica all’Istituto Cardiologico Corrientes, e questa è una visione della medicina e della cardiologia che condivido completamente e deriva da loro”.

Il bene e il male

“Ho iniziato a studiare medicina nel 1976 durante la dittatura militare. “Abbiamo avuto un esame di ammissione difficile, ma nonostante ciò siamo riusciti ad accettare circa 300 studenti e la maggior parte di loro si è laureata”.

“Eravamo in un sistema molto intenso in cui studiavamo tutto senza separare ciò che era importante da ciò che non lo era. Questo lo posso vedere oggi come insegnante e anche paragonarlo al sistema formativo seguito da uno studente israeliano, che secondo me ha dei lati molto positivi e dei lati negativi.

“Guardiamo il lato positivo. Per studiare medicina qui gli studenti devono superare un processo di selezione molto difficile, simile a quello di un pilota di caccia, e questo garantisce più o meno ottimi risultati. In questa selezione si tiene conto del rendimento scolastico, e devono superare un test di riferimento. ” Vengono condotti colloqui psicologici con ciascun candidato.

“Il percorso di studio è composto da 3 anni in cui si insegnano le materie di base (anatomia, fisiologia, istologia, biostatistica, etica, ecc.) ma allo stesso tempo si comincia a prendere confidenza con l'ambiente clinico dell'ospedale. Dal quarto anno , va Insegnando direttamente in ospedale con rotazioni nei diversi servizi: ad esempio nel reparto di cardiologia riceviamo un gruppo di studenti dal quarto anno e la rotazione fa sì che li incontriamo nuovamente al sesto anno.

“In questi corsi c'è un mentore che li accompagna e dà loro teoria e conferenze, ma devono essere a stretto contatto con la pratica clinica. Ho avuto modo di apprezzare ciò che c'era di buono nel sistema nei primi anni del mio incarico di insegnante” , e quando cercavo valutazioni di routine, sono rimasto sorpreso dal livello concettuale delle risposte.

READ  industria del lusso | parole libere

“L'aspetto negativo di questo modello è che ha un basso tasso di laureati in base al numero di formatori. In altre parole, non viene prodotto il numero di professionisti di cui il Paese ha bisogno. Se Israele deve fare affidamento solo su personale formato localmente “Medici, non potrà avere un sistema sanitario”. “Medico come adesso. Insomma, la formazione è ottima, ma non dà la copertura professionale di cui il Paese ha bisogno”.

Relazioni emotive

“Corrientes è nel mio cuore, ci sono mia sorella Laura Capara, medico infettivologo, i miei nipoti e colleghi, oltre a Paranà, che si divertiva a remare al Circolo della Regata.

“Ho a cuore anche l’Istituto di Cardiologia e i suoi specialisti, poiché i suoi medici fondatori fanno parte della mia classe. La medicina che sento e la mia malattia al cuore provengono da quel luogo.

“A maggio sono stato invitato a parlare a Rosario al congresso della Federazione Argentina di Cardiologia, di cui faccio parte. Questo incontro è sponsorizzato dall'Associazione di Cardiologia Corrientes, di cui faccio parte anch'io, quindi sarà una buona occasione È tempo di incontrare tanti amici che non vedo da allora”, ha detto il medico da molto tempo”.

“Ma prima passerò per Corrientes. È incredibile come certe cose siano custodite nel profondo di noi. Una di queste è il fiume. Dato che mi trovo in una zona che fa parte del deserto del Negev, ho viaggiato circa un'ora e mezza per essere presso un ruscello dove remano.E a maggio mi prenderò di nuovo il mio tempo per essere davanti al grande Paraná.