Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Approvati 700 nuovi posti in medicina nelle università pubbliche il 15% in più

Approvati 700 nuovi posti in medicina nelle università pubbliche il 15% in più

Madrid, 25 luglio (EFE). – Il governo ha approvato martedì un regio decreto che regola la concessione di 52 milioni di euro per finanziare più di 700 nuovi posti di laurea in medicina nelle università pubbliche spagnole, con un aumento del 15%.

Alla conferenza stampa post-gabinetto, la portavoce del ministro, Isabel Rodriguez, ha affermato che questa misura ha lo scopo di facilitare un aumento a lungo termine della disponibilità di professionisti medici e ridurre la carenza di professionisti sanitari.

Rodriguez ha spiegato che la concessione di questo aiuto ha lo scopo di rafforzare le università pubbliche, una volta rilevato un aumento del numero di laureati delle università private.

Si tratta di una procedura che è stata concordata con le comunità che hanno giurisdizione in materia. “Quello che il governo sta facendo è incoraggiare l’autonomia nella competizione come la sanità”, ha detto il ministro.

E con questo regio decreto, e secondo il governo, si va incontro al fabbisogno di offerta e al fabbisogno di specialisti, che è stato pubblicato dal Ministero della Salute nel rapporto marzo 2021 con orizzonte fino al 2035, il che conferma l’insufficiente numero di laureati delle facoltà di medicina e il fabbisogno di alcune specialità, come la medicina di famiglia e di comunità.

Rodriguez ha osservato che questa carenza è il risultato di un prolungato calo delle offerte MIR pubbliche tra il 2011 e il 2018, sebbene a partire dal 2018 abbia delineato “una politica per invertire queste riduzioni, accompagnando le comunità autonome nell’aumento dei posti di lavoro MIR e in misure eccezionali come il pensionamento attivo”.

READ  CEQ Italia e QvExtra! Uniscono le forze per difendere la prova del piatto

Il ministro ha sottolineato che quest’anno c’è stata la più grande offerta pubblica di posti di lavoro, con ben 11.600 posti approvati nell’ultimo bando. EFE

bf/am