Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Agnelli: La “famiglia reale” italiana estende i suoi tentacoli per aumentare la sua ricchezza | Attività commerciale

La visita di John Elcan alla più grande fabbrica Fiat, Mirafiori.CampoNicol / LaPresse / ContactoPhoto ‘

Agnelli era ai primi posti di tutti i tipi di classifiche economiche, nonostante il fatto che uno dei suoi marchi più emblematici, la Ferrari, non lo abbia fatto di recente nelle arene della Formula 1. La dinastia dei fondatori della Fiat è una delle più ricche e più ricche d’Italia. famosa, oltre ad essere classificata al 4 ° posto tra le 750 più grandi famiglie imprenditoriali del mondo, secondo l’elenco delle pubblicazioni più recenti di Family Capital. Sono anche tra le prime 10 linee più ricche del calcio mondiale. Possiedono la Juventus di Torino dal 1923, il che le rende la dinastia sportiva più longeva in Italia. Andrea Agnelli, che ha un patrimonio netto di oltre 11.000 milioni di euro, è a capo del club, che ha un valore di mercato vicino ai 1.000 milioni ed è il promotore della Premier League fallita che ha scatenato la guerra nel calcio europeo questa settimana.

maggiori informazioni

L’impero Agnelli iniziò a sorgere nel 1899 con un’eccezionale visione strategica e l’impegno per l’innovazione tecnologica di Giovanni Agnelli, fondatore della Fiat, su cui si fondarono le grandi leggende dell’Italia moderna e che giocarono un ruolo di primo piano nel suo sviluppo. Oltre a trasformare Torino in un polo industriale per il Paese. Ho perso peso adesso. Ma dopo decenni di sviluppo internazionale, un importante decentramento, l’acquisizione di Chrysler per evitare il fallimento, la risultante fusione del gruppo con la PSA francese che ha dato origine a Stellantis, il quarto gruppo automobilistico più grande del mondo, e altri. Espansione e ricerca di nuovi investimenti.

Il gruppo familiare ha recentemente fatto riferimento al mondo del lusso. Lo scorso marzo ha acquisito il 24% del famoso produttore francese di suola rossa Christian Louboutin. Con un investimento di 541 milioni di euro, Agnellis nominerà due dei sette membri del consiglio. Non molto tempo fa, hanno annunciato un investimento di 80 milioni nella società cinese di lusso di Shang Xia, fino a quel momento controllata da Hermès, attraverso un aumento di capitale che avrebbe reso la famiglia un importante azionista. Shang Xia è noto per combinare l’artigianato tradizionale cinese con il lusso.

READ  Leandro Chichiisola secondo in Italia :: El Litoral - Notizie - Santa Fe - Argentina

John Elkan, presidente di Exor, la società di investimento familiare olandese, ha chiarito agli azionisti che intende utilizzare la sua esperienza come proprietari di auto Ferrari per costruire marchi di lusso. Ha evidenziato i forti risultati finanziari e la resilienza di questo settore, rimasto robusto anche nell’anno dell’epidemia e in forte crescita, soprattutto in Cina. “I consumatori cinesi rappresentano già un terzo della spesa per il lusso, e questa percentuale dovrebbe salire ad almeno la metà del totale, con il mercato cinese che raggiungerà i 95.000 milioni di euro nel 2025”, afferma Elkan nella lettera agli azionisti di Exor. Continua: “Crediamo che la nostra esperienza nel lusso e il nostro orizzonte a lungo termine ci rendano il partner ideale per aiutare Shang Xia a crescere in una grande azienda. In tal modo, costruiremo l’azienda del ventunesimo secolo che può completare e rafforzare le aziende che abbiamo oggi, la maggior parte delle quali sono state costituite tra il IX secolo. Dieci e venti “.

L’analista Bernardo Bertoldi, docente all’Università di Torino specializzato in imprese familiari, sottolinea che il metodo di investimento sta cambiando in questa fase caratterizzata da un eccesso di liquidità globale e in un momento in cui le grandi famiglie imprenditoriali investono capitali. Vantaggio competitivo. Il settore degli investimenti è ora più competitivo che mai. L’esperto afferma che i fondi di capitale di rischio hanno ingenti somme da investire e che i mercati finanziari derivano da anni di buoni risultati e raccolgono gran parte della liquidità prodotta da politiche monetarie espansive. “Chi è alla ricerca di un investitore aumenta il valore del capitale che proviene da chi ha un forte profilo imprenditoriale. Stiamo assistendo a sempre più casi di grandi fondi di investimento legati agli imprenditori nelle loro operazioni”, aggiunge.

READ  Uno dopo l'altro, l'Argentina ha vinto 77 medaglie olimpiche

Bertoldi spiega che Exor ha creato una struttura che si compone di tre principali tipologie di investimenti: la maggior parte degli investimenti, in cui l’azienda è guidata da una visione aziendale; Finanziario, in quote di minoranza in società quotate, e investimenti iniziali di capitale in società promettenti.

Negli ultimi mesi sono entrati nella capitale di Louboutin e Shang Xia

In quest’ottica, nel 2017 Agnelli ha lanciato Exor Seeds, la società attraverso la quale investe in startup in fase iniziale e avanzata. Da allora, hanno scommesso su $ 250 milioni in 42 società in tutto il mondo, di cui circa la metà negli Stati Uniti, un terzo in Europa, Medio Oriente e Africa e il resto in Asia-Pacifico e America Latina. Attraverso questo braccio di investimento di Exor, la famiglia è entrata poche settimane fa anche nel fintech immobiliare italiano Casavo, che ha promosso un round di finanziamento di 200 milioni, il quinto round dal suo inizio nel 2017. Questa startup ha piani di crescita nei mercati d’Italia, Spagna e città europee Altro.

Agnellis è anche coinvolta in diversi media, tra cui la rivista finanziaria The Economist e il gruppo editoriale italiano GEDI, che controlla, tra gli altri, i quotidiani nazionali La Stampa e La Reppublica. Inoltre, controllano l’intera compagnia di riassicurazione PartnerRe e costituiscono la maggioranza degli azionisti Ferrari, che rappresentano il 23% della società; Stilants, 14,4%; CNH Industrial, produttore di macchine agricole, autocarri, autobus e veicoli commerciali, con il 27% dei diritti economici, e Juventus con il 64%. La sua strategia si è basata sul mantenimento di una forte presenza nel settore automobilistico e al tempo stesso, come hanno fatto tutte le principali famiglie internazionali, sulla diversificazione del proprio patrimonio. Hanno scommesso principalmente sul settore assicurativo, che è un buon investimento, con un buon profilo di rischio e rendimento; L’editoria e l’industria del lusso dovrebbero essere il settore più flessibile ”, valuta Guido Corbetta, professore di imprenditoria e impresa familiare all’Università Bocconi di Milano.

READ  Buona prestazione di Isis Carreño nel Campionato Italiano Moto di Velocità

Nuove generazioni

In Italia gli Agnelli sono conosciuti come i re senza corona della repubblica, e sono eroi indiscutibili nella storia sociale del Paese transalpino, anche se soprattutto ai tempi di Gianni Agnelli, l’Avocato, morto nel 2003 e ritrovato nuove generazioni. Chi sono ora in carica.

Le controversie familiari tra cugini, padri e figli e le loro discussioni su un’enorme eredità o alcuni membri di spicco del clan esplodono nell’opinione pubblica tanto spazio quanto le loro imprese o eventi economici.

La generazione più giovane ora rappresenta John Elcan, 45 anni, erede del bisnonno Gianni Agnelli e attuale leader del gruppo familiare, che è riuscito a raddoppiare la performance finanziaria del gruppo di quasi 10 anni da quando ha assunto il comando nel 2003 e tra le altre cose, la stella firmata per Sergio Marchionne, l’uomo che la Fiat ha salvato. Sono una famiglia molto numerosa, ma sono in grado di prendere decisioni importanti molto rapidamente. “Hanno una struttura in cui c’è un leader chiaro, e altri si uniscono a lui e rimangono uniti attorno a quella persona”, dice Corbetta, che sottolinea i suoi legami con altre potenti famiglie internazionali. Forza sanguigna.