Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Agamben, follia e pestilenza

L’ultimo libro, non ancora tradotto, del filosofo Giorgio Agamben (La follia di Holderlin. Storia della vita della popolazione) Conclude con queste parole: “Da quasi un anno vivo ogni giorno con Hölderlin, in questi mesi in uno stato di isolamento in cui non avrei immaginato di trovarmi dentro. Quando lo saluto adesso, la sua follia mi sembra del tutto innocente rispetto alla follia in cui si è precipitata un’intera società. Senza rendermene conto. “

La follia collettiva a cui si riferisce il filosofo italiano è quella sorta tra tutti noi a causa dell’epidemia in cui viviamo. Fin dall’inizio Agamben ha parlato con decisione – e con intensità e insoddisfazione di molti – delle misure che i vari reparti hanno intrapreso per cercare di contenere la diffusione del virus in Italia.

Raccoglilo nella versione estesa da A che punto siamo? Improvvisamente, le misure adottate solo durante le due guerre europee sono state messe in atto – non ancora così dure – e Ajamben non ha esitato a descriverle come un “caso eccezionale”: prima la reclusione, poi l’allontanamento sociale, e infine l’isolamento che rischia di diventare un’abitudine.

Con Pasolini, Will e Benjamin

Giorgio Agamben (Roma, 1942), dopo essersi diplomato con una tesi sul pensiero politico di Simon Weil, negli anni ’60 frequenta personaggi come Elsa Morante, il poeta austriaco Ingborg Bachmann e Pierre Paolo Pasolini, nel suo film Il Vangelo secondo Matteo (1964 ) ha interpretato il ruolo di Filippo, uno dei dieci messaggeri etnici. Anche in questo periodo frequenta seminari tenuti da Heidegger in Provenza (Le Thor), sponsorizzati dal poeta René Charr, di cui è testimonianza, tra l’altro, che raccoglie nel suo gustoso libro Selfie in studio (Adriana Hidalgo, 2019), dove parla anche con affetto dei suoi incontri con José Bergamín.
A Parigi dagli anni Settanta stringe amicizia con Pierre Klossowski e Italo Calvino, e in quegli anni studia all’Univesité de Haute-Bretagne, mentre studia studi medievali (il contributo principale sarebbe Resti, Pre-Texts) e linguistica, uno dei personaggi principali, Emile Benvenist, è presente in quasi tutti i suoi libri. Nel 1981, Agamben scoprì negli Archivi Bataille della Biblioteca Nazionale una raccolta di materiali scritti a mano da Walter Benjamin, manoscritti che il filosofo tedesco affidò a George Bataille prima di lasciare Parigi nel 1940. Questi materiali furono fondamentali per un’edizione di Corridoi, L’opera incompiuta del filosofo ebreo che pose fine alla sua vita a Portbou. Agamben ha insegnato in molte università italiane e straniere, tra cui Venezia, e ha tradotto i suoi lavori in molte lingue.

READ  Il Liverpool registra una perdita di 53 milioni di euro nell'anno fiscale 2019/2020

A questo si deve aggiungere la diffusione della paura, gestita dai politici, che viene terribilmente riportata dai media, nonché la crescente imposizione, da parte della scienza, di un modello di salute sostenibile sul concetto di vita biologica, che ha rimosso ciò che restava di l’idea di vita, emotiva e spirituale.

La sfrontata sostituzione del concetto di salvezza, oggetto della fede religiosa, che ha assunto la natura mortale dell’uomo, con la salute dichiarata dalla medicina, ossessionata dalla durata delirante delle funzioni corporee, è ciò che caratterizza la nuova fede. Scienza. Giorgio Agamben dice che la preoccupante mancanza di libertà in cui ci troviamo, la maggior parte di noi l’ha assunta docilmente perché il mondo che ci lascia adesso è, infatti, già finito e le nostre vite prima della pandemia erano già insopportabili all’epoca.

Nota che la mancanza di libertà è stata assunta da molti docilmente perché il mondo era già insopportabile prima.

Per comprendere le affermazioni di Agamben nel contesto corretto e il significato che le corrisponde, è imperativo che ci rivolgiamo al vasto lavoro di questo entusiasta lettore e traduttore della nostra cultura, i cui frutti più maturi sono i nove volumi. sant’uomo , Un progetto ventennale, tra il 1995 e il 2015 (versione italiana completa: Quodlibet, 2018; c’è una traduzione spagnola dei testi introduttivi, ad eccezione del Volume 2 in Adriana Hidalgo).

Nella sua singolare archeologia filosofica, Agamben mette in discussione le tradizioni politiche dell’intero Occidente. Sulla base della conoscenza completa delle discipline che hanno definito l’umanesimo occidentale (filosofia, teologia, diritto, antropologia, politica o linguistica), Agamben circonda gradualmente il concetto di base di nuda vida o vita sacra: una vita priva di virtù umane, corpi semplici che può essere manipolato legalmente o dal punto di vista medico da Prima dello stato di terrore (Auschwitz) per sottometterlo e controllarlo come desiderato.

READ  Un nuovo approccio alla prevenzione dei terremoti provocati dall'uomo

La profonda conoscenza della teologia occidentale, da sant’Agostino a Jacob Tobis, è alla base dell’archeologia che rimuove la polvere dalle radici religiose di un mondo apparentemente secolare e le permette di condannare la nascita di nuove religioni nel nostro tempo, scienza e scienza. Il denaro, con le sue prospettive cupe e la sua mentalità imprenditoriale.

Applausi ai servizi igienici alle 20:00 in Plaza Mayor durante una quarantena completa nell’aprile 2020

Particolarmente

Il film di Hölderlin A Man Who Habits a Poet esplora la cronaca di 36 anni di sofferenza sopportati dal poeta.

In alcuni dei suoi libri recenti (Selfie in studio, 2017 e Studiolo, 2019), Agamben volge lo sguardo su se stesso, tendendo l’orecchio per registrare le palpitazioni della vita che procede senza sosta nella sua continuità. Alla ricerca dell’autentica testimonianza che gli dia un’idea di cosa consiste l ‘”uomo poetico che vive sulla terra” di Hölderlin, il filosofo compone in modo impressionante una cronaca dei 36 anni di follia del poeta, metà della sua vita.

La sua follia è stata quella di vivere nella massima sofferenza come un dettato, dove non c’è un io che decide da solo, ma piuttosto l’assunzione della vita come un’abitudine impersonale, in cui non c’è distinzione tra il privato e il generale. Questa è l’eredità politica del poeta.

E la lezione più difficile del nostro tempo è che non siamo creati per avere successo e che la nostra fortuna è il fallimento, specialmente nell’arte di vivere; E qui dobbiamo menzionare questo verso a Hölderlin: “Dove c’è pericolo, cresce anche ciò che si salva”. Chi considera la follia poetica come la vita suprema è in grado di delegittimare qualsiasi tipo di successo.

READ  Martha Fierro lascia il segnoصم

Qui è necessario citare ancora una volta da Hölderlin: “Se cerchi di chiarire la lezione politica che mi sembrava di poter trarre dalla vita del poeta che abitava nella torre sul monte Neckar – Agamben continua con la citazione che noi ha iniziato – forse rimangono i pettegolezzi e i pettegolezzi. Non ci sono lettori. Ci sono solo parole senza titolo “. Ma la parola, come diceva un antico insegnante tedesco, ha un grande potere, e così la follia di Agamben nel suo confino con Hölderlin è la testimonianza di questa follia: una parola che non cura, ma anzi salva.

Giorgio Agamben


Agamben il proprietario della follia

La follia di Holderlin. Una storia di natura morta (1806-1843)Anodo. 248 pagine. 20 euro

Giorgio Agamben


Pandemia di Agamben

A che punto siamo? La pandemia è come la politica Adriana Hidalgo. 136 pagine. € 12,50