Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

A Kiev Macron, Schulze e Draghi hanno appoggiato la candidatura dell’Ucraina all’adesione all’UE | Resta da convincere gli altri paesi del blocco che rimangono in silenzio

da Parigi

presidente francese, Emanuele MacronCancelliere tedescoOlaf Schulze Presidente del Consiglio italiano, Mario Draghi il presidente della Romania, Klaus JohannesHanno raggiunto la capitale Ucraina incontrare il presidente ucraino Volodymyr ZelenskSto trasmettendo un messaggio meno ambiguo di quello espresso in queste settimane da tre paesi europei (Francia, Germania e Italia). Parigi, Berlino e Roma formano un triangolo di paesi che, contrariamente alla posizione degli Stati Uniti e degli alleati europei come la Polonia e gli Stati baltici, hanno scelto, soluzione negoziata E non, come Washington e Varsavia, per schiacciare militarmente il presidente russo Vladimir Putin.

Il ambiguità retorica Anche il capo di stato francese ha portato all’invenzione di uno spiacevole colloquio con Emmanuel Macron: “A Macron”. Il termine si riferisce al modo di parlare e di non fare nulla. La sensazione in Ucraina è che Macron abbia giocato due punti Allo stesso tempo, le cose sono peggiorate quando, poco più di una settimana fa, il capo dello Stato francese ha detto: “La Russia non deve essere umiliata affinché, il giorno in cui i combattimenti cesseranno, si possa costruire una soluzione diplomatica”. Un mese fa, al Parlamento europeo, Macron ha pronunciato un discorso in tono simile. Entrambi gli interventi sono stati interpretati come un modo per aprire la strada a negoziati successivi in ​​cui l’Ucraina sarebbe stata costretta ad accettare concessioni territoriali nei negoziati finali con la Russia.

Per ora, i quattro leader europei a Kiev hanno affermato ciò che l’Ucraina aspettava da tempo: Schulz, Draghi, Yohannes e Macron hanno detto a Zelensky di sostenere “immediatamente” l’offerta dell’Ucraina di aderire all’Unione Europea. Resta, ovviamente, da convincere gli altri paesi dell’Unione che ancora esitano. Questo processo di deterrenza inizierà la prossima settimana e la posta in gioco la dice lunga sulla lunga e persistente doppiezza dell’UE. I suoi leader non discuteranno dell’ingresso dell’Ucraina nell’Unione Europea, ma piuttosto se le sarà concesso lo status di “candidato” per entrare a far parte del Club 27. Uno schema completamente intricato.

READ  Ha lasciato la sua posizione di CEO di una società americana da 68.000 milioni di dollari per andare a riposare sulla spiaggia all'età di 51 anni

In questo contesto, l’ad italiano ha ricordato al leader ucraino che “oggi il messaggio più importante della nostra visita è che l’Italia vuole l’Ucraina all’interno dell’Unione Europea”. A sua volta, Macron ha sottolineato a Kiev che “noi quattro sosteniamo lo status di candidato immediato all’adesione”, una situazione che “avrà una tabella di marcia e includerà la situazione nei Balcani e nei paesi vicini, in particolare la Moldova”. Frustrato molto prima dell’inizio della guerra da promesse, specchi colorati e pittura puramente retorica, l’Agenda di Zelensky o il sogno europeo era pieno di assurdi contenuti metaforici in questi giorni. Lo scorso fine settimana, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, si è recata a Kiev per esprimere le sue relazioni con l’Ucraina, e lo sono state giovedì scorso. Tre dei più potenti paesi dell’UE che alimentano l’obiettivo di Zelensky. Niente dice che sarà istantaneo o semplice, al contrario. Anche con una guerra, la diplomazia di 27 paesi all’interno dello stesso gruppo è un enorme mistero. Il 23-24 giugno, durante il vertice, i 27 dovrebbero, in linea di principio, ufficializzare lo status di “candidato” con cui aprire un complesso e lungo processo di adesione virtuale.

In Ucraina, Macron ha cercato di cancellare tutte le tracce di “Makrono” che gli erano state apposte come segno. Dopo aver sottolineato che “l’Europa è con voi e rimarrà con voi fino al necessario, fino alla vittoria”, il capo di Stato francese ha annunciato una nuova fornitura di armi. Su questo terreno più realistico, Emmanuel Macron annunciò che avrebbe fornito all’Ucraina sei cannoni semoventi Zar, oltre ai 12 già consegnati. Da parte sua, il cancelliere tedesco non ha parlato di nuove armi, ma ha chiarito che “stiamo aiutando l’Ucraina a consegnare armi e continueremo a farlo finché sarà necessario”, nelle parole di Olaf Scholz.

READ  E indagano sull'acquisto di oltre 300 aerei che hanno lasciato il Paese per 202 milioni di dollari

C’è ancora uno scetticismo pervasivo sulla posizione dei paesi europei e di coloro all’interno dell’unione che sostengono gli obiettivi degli Stati Uniti – sconfiggere militarmente la Russia – o gli obiettivi più diplomatici di Parigi, Roma e Berlino. La Francia ha chiarito attraverso vari canali che l’obiettivo era una “vittoria militare” per l’Ucraina con l’obiettivo di ripristinare la sua integrità territoriale, inclusa la Crimea, che la Russia ha annesso nel 2014. Questo obiettivo sembra un’illusione impossibile. Implica una sconfitta assoluta per Mosca, tutt’altro che possibile per vari motivi, da vitale a militare. Molte voci all’interno del continente suggeriscono invece che l’unica soluzione realistica a una guerra che lascia centinaia di morti ogni giorno e mette in pericolo la stabilità globale – idrocarburi e cibo – è cercare una “buona soluzione” negoziata con la Russia. Questa è esattamente l’opzione per cui l’Ucraina detesta e viene accusata Macron perché è uno dei pochi leader ancora in dialogo con Vladimir Putin e le sue insistenze. Realistico – Non umiliare mai più Mosca.

In ogni caso, ogni passo compiuto dall’Occidente è a sua volta completato dalla Russia. Dopo che i quattro leader europei hanno visitato Kiev e il nuovo ruolo dell’Ucraina come possibile “candidato” all’adesione all’Unione Europea, Mosca ha annunciato nuovi tagli alle forniture di gas destinati all’Europa. Gazprom ha informato la francese Engie, la Slovacchia SBB e l’austriaca OMV che da ora in poi riceveranno meno benzina del previsto. Gazprom aveva preso la stessa decisione il giorno prima di ridurre il gas destinato all’Unione Europea attraverso il gasdotto Nord Stream 1. Questa volta sono state Germania e Italia ad essere state colpite. Sembra che la visita dei quattro leader dell’UE a Kiev, in particolare la visita dei Tre Pilastri come Germania, Francia e Italia, sia arrivata troppo tardi e lo sarà. preceduto da infinito mistero Abbastanza per intimidire la Russia, incoraggiare l’Ucraina o determinare una soluzione alla guerra.

READ  Il governo ucraino ha affermato di avere il "diritto" di attaccare obiettivi militari sul suolo russo
[email protected]