Fano, giovedì 24 maggio col Gruppo Fuoritempo si parla dei diritti umani a Gaza e in Palestina

Mentre decine di migliaia di palestinesi protestano da settimane nella Striscia di Gaza occupata e assediata, le forze militari israeliane, o quelle che il giornalista israeliano Gideon Levy chiama “le forze di massacro di Israele” hanno aperto il fuoco con munizioni vere, proiettili rivestiti di gomma e gas lacrimogeni. Dall’inizio delle proteste, il 30 marzo, a Gaza l’esercito israeliano ha ucciso 111 persone e ferendone più di diecimila.
Di fronte a questo massacro assistiamo sgomenti al silenzio della comunità internazionale. Solo quaalche giorno fa, il 18 maggio, il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unita ha votato per l’invio “immediato” di “una commissione d’inchiesta indipendente e internazionale” a Gaza. Di fronte all’enormità degli avvenimenti di questi giorni, il Gruppo Fuoritempo promuove giovedì 24 maggio alle ore 21 a Fano presso la Sala della Pace: GAZA ULTIMA FERMATA. LA VIOLAZIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE E DEI DIRITTI UMANI A GAZA E IN PALESTINA. Un incontro pubblico video-conferenza con Angelo Stefanini consulente OMS per i territori occupati e volontario del Palestine Children’s Relief Fund.
L’iniziativa è organizzata dalla Campagna Palestina Solidarietà (di cui il Gruppo Fuoritempo fa parte) e vede la preziosa collaborazione del Movimento Internazionale della Riconciliazione e dell’Associazione caritativa diocesana “Giustizia e pace” onlus.

Gruppo Fuoritempo