Frontone, musica e danza in centro e al castello della Porta

salus

Luglio intenso per il progetto “Risonanze Echi dal Catria” curato dall’Asd Ijshaamanka-Mi La Danse che vinse  il  bando regionale “Lab Accoglienza 2016”. L’idea progettuale nacque dall’analisi della condizione dei giovani che vivono il territorio dell’entroterra appenninico. Giovani che avvertivano la necessità di costruire e vivere una quotidianità nei propri luoghi di appartenenza arricchendo la propria esistenza con esperienze di diversa natura. E proprio i giovani saranno i protagonisti dell’evento di sabato 22 luglio (dai 18 ai 35 anni) dal titolo “Giovani movimenti dal territorio – Incursioni di Rec”. Dalle ore 19 alle 24 potremmo assistere a una serie di incursioni di danza, teatro e musica dal vivo negli angoli del paese antico e nel castello della Porta. Un viaggio itinerante dove non mancheranno momenti enogastronomici con attività locali protagoniste. Tutto in collaborazione con la scuola di musica Novacivitas Calle di Cagli, la scuola di musica del Sentino di Alberto Severini, l’associazione culturale Indipendence di Fermignano e Roberta Pandolfi, celebre pianista di Pesaro. Ma luglio e il progetto in questione racchiudono altro: dal 10 al 13 spazio a un workshop intensivo dal titolo Ritmi Natura-Ali (danza contemporanea-contact improvisation) con Martin Nachbar al centro di aggregazione (ex colonia) in via Fonte Avellana. Due ore la mattina (per ragazzi già con esperienza), 2 ore il pomeriggio (per principianti) con orari da stabilire, massimo 20 partecipanti per gruppo.  La contact improvisation è una pratica di danza nella quale i punti di contatto fisico, fra almeno due danzatori, diventano il punto di partenza di una esplorazione fatta di movimenti improvvisati.  Al di là dei semplici punti di contatto fisico, entra in gioco il contatto globale (auditivo, cinetico, percettivo/energetico ed anche affettivo) del danzatore con i suoi partner e con ciò che c’è intorno (il terreno, lo spazio, la forza di gravità…). Dal 24 al 29 luglio stesso copione e stesso luogo, ma questa volta riservato anche ai diversamente abili con Marta Brugarolas (3 ore al giorno). Lavoro aperto a un gruppo misto di danzatori anche diversamente abili, per creare un progetto artistico con un linguaggio comune tra diverse abilità. La danza contemporanea e il movimento scenico diventano gli elementi di costruzione e creazione. Tutte le attività sono gratuite. Infine dal 29 luglio al 5 agosto, stessa sede, tocca al linguaggio musicale con l’associazione Tuttisuoni. Quest’attività ha come focus il linguaggio musicale. Si articolerà in 4 incontri di studio e 1 di sperimentazione in cui il professionista della musica metterà a disposizione le sue esperienze.