Flamina&dintorni

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Sole, vitamina D e umore

Sole, vitamina D e umore

Il sole può migliorare il nostro umore, abbassare la pressione sanguigna e rafforzare le nostre ossa, i nostri muscoli e persino il nostro sistema immunitario. È sufficiente una breve esposizione per ottenere tutti questi benefici

Quali sono questi vantaggi?

Il sole migliora la capacità di funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni. Stimola le terminazioni nervose. Migliora la respirazione, soprattutto per i pazienti asmatici. Promuove la sintesi della vitamina D per la calcificazione ossea.

Il sole è essenziale per la vita, e quindi essenziale anche per il corpo umano. Tutti abbiamo bisogno che la sua luce raggiunga la nostra pelle, tra l’altro perché è la principale fonte di vitamina D, necessaria affinché l’organismo assorba il calcio, quindi è essenziale per mantenere le ossa forti e sane.

Naturalmente, la sovraesposizione comporta rischi molto specifici. Per questo motivo deve essere preso con misure adeguate e sempre provvisto di adeguate protezioni.

Più vantaggi

  • Miglioramento della risposta muscolare.
  • Migliora la resistenza nelle prove di resistenza.
  • Abbassa la pressione sanguigna.
  • Aumenta la risposta immunitaria.
  • Riduce l’incidenza delle infezioni respiratorie.
  • Riduce il colesterolo nel sangue.
  • Aumenta il livello di emoglobina nel sangue.
  • Migliora la capacità lavorativa del cuore e dei vasi sanguigni.
  • Stimola le terminazioni nervose.
  • Migliora la respirazione, soprattutto per i pazienti asmatici.
  • Promuove la sintesi della vitamina D per la calcificazione ossea.

Rischi

L’esposizione prolungata senza un’adeguata protezione ai raggi ultravioletti del sole può causare diversi problemi. egli è chiamato:

  • La comparsa di eritema. È caratterizzata da arrossamento della pelle esposta al sole e precede l’ustione.
  • Ustioni di primo e secondo grado.
  • Cancro della pelle e altri disturbi della pelle.
  • Cataratta e altri disturbi della vista.
  • Invecchiamento precoce della pelle.
READ  Quattro semplici cambiamenti che puoi apportare per migliorare la tua salute e diventare più felice, secondo la scienza

Vitamina D
Il corpo produce vitamina D quando la pelle è esposta alla luce solare diretta. Ecco perché viene spesso chiamata la vitamina “del sole”. Grazie ad esso la maggior parte delle persone soddisfa almeno alcuni dei propri bisogni.

Non esponendoci al sole, o in modo insufficiente, dobbiamo ricorrere agli integratori alimentari.

Ottenere abbastanza vitamina D solo dalle fonti alimentari può essere difficile. Pertanto, alcune persone potrebbero aver bisogno di assumere questo integratore vitaminico. Questi sono due metodi diversi.

  • D2 (ergocalciferolo)
  • D3 (colecalciferolo)

Segui una dieta che ti fornisca la giusta quantità di calcio e vitamina D. Il medico può raccomandare dosi più elevate se hai fattori di rischio per l’osteoporosi o un basso livello di questa vitamina.

Sole e umore

Man mano che il tempo cambia e l’inverno si avvicina, vediamo il periodo dell’anno in cui le giornate iniziano ad accorciarsi e le notti ad allungarsi. Cioè ogni giorno ci sono meno ore di luce e più ore di buio. È normale iniziare a notare cambiamenti di umore, poiché riceviamo meno luce solare durante il giorno e le temperature sono più basse.

Il ritmo circadiano è un ciclo naturale di 24 ore che il nostro corpo attraversa e che influenza i cambiamenti fisici, mentali e comportamentali. È popolarmente conosciuto come il nostro “orologio biologico”, grazie al quale rimaniamo svegli e attivi durante il giorno, e assonnati e pronti per dormire durante la notte.

La luce solare è direttamente collegata al ritmo circadiano. La luce solare avverte il corpo che è ora, ci mantiene attivi e aiuta a produrre serotonina, il neurotrasmettitore della felicità. Per questo motivo, con meno o meno ore di luce solare, il ritmo circadiano cambia e in alcune persone può verificarsi il disturbo affettivo stagionale (SAD), che si manifesta principalmente nelle stagioni fredde come l’autunno e l’inverno.

READ  Perché è importante puntare all’eccellenza nella medicina estetica?

“La prevalenza di questo disturbo è compresa tra l’1 e il 10% ed è più comune nelle donne che negli uomini. Le cause di questo disturbo non sono del tutto chiare, ma sono stati ipotizzati cambiamenti nel ritmo circadiano, cambiamenti nella sensibilità della retina alla luce, metabolismo anomalo della melatonina e diminuzione della secrezione di serotonina.