Fossombrone: ospedale luci e ombre. Le divisioni politiche non pagano

salus
Daniele Bartolini

<<Implementazione di un tecnico di laboratorio analisi e di un nuovo macchinario contaglobuli nel presidio ospedaliero di Fossombrone e prossima installazione di un televisore in sala d’attesa punto prelievi grazie alla sinergia e sensibilità fra il Comitato Pro Ospedale, il Comune e il direttore dei laboratori analisi, dott. Tiberi>>. E’ quanto annuncia il portavoce del Comitato Pro Ospedale Daniele Bartolini il quale aggIunge che <<é prossima l’installazione nel reparto di riabilitazione  di un tapis roulant e materiale tecnico donati dalla Fondazione Monte di Pietà, Comune di Fossombrone con il fattivo aiuto dell’associazione ANFFAS di Fossombrone. Tutto questo potrà portare notevole aiuto per i pazienti in fase di riabilitazione in un percorso di autosufficienza>>. Il traguardo raggiunto in seno al laboratorio analisi <<dopo difficoltà tempistiche e gestionali,  rinsalda e rafforza la volontà di portare avanti un laboratorio analisi assai efficiente e funzionale per l’intero comprensorio vista la mole di lavoro svolto. Ultima ciliegina che non guasterebbe sarebbe poi la figura di un allergologo presente nell’ospedale almeno una volta a settimana per ottimizzare il lavoro del laboratorio analisi>>. Altra osservazioni importante: <<Confidiamo così con il confronto e le sinergie di tutti i soggetti si possa arrivare in tempi celeri alla definizione delle figure professionali. Dobbiamo constatare altresì che ancora non sono stati istituiti i due posti letti di osservazione al PAT ed un incremento dei medici internisti ospedalieri in sostituzione di quelli che si trasferiscono, in modo da poter contare su quattro figura professionali.  Permangono problematiche di non poco conto come la realizzazione della risonanza magnetica, che attendono un iter accelerato e definitivo. Il Comitato Pro Ospedale e Sanità é pronto a fare come sempre la sua parte ma non intende sostituirsi a spettanze e pertinenze dovute, e fin qui inevase dai vari partiti e soggetti politici indaffarati più a varie promesse “da marinaio” elencate o a scontri dialettici fra i vari consiglieri ma con risultati zero fino ad oggi. Auspichiamo che venga invertita la rotta e che per il bene della Comunità e del comprensorio si cominci a collaborare tutti insieme per una sanità pubblica senza polemiche o diatribe ognuno per il proprio ruolo e peso politico. I cittadini aspettano fiduciosi anche se fiducia e pazienza cominciano a scarseggiare>>.